CALABRIA PESCA ON-LINE FORUM
News:
 
*
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.
Hai perso la tua email di attivazione?
Aprile 21, 2014, 14:08:16


Login con username, password e lunghezza della sessione


Pagine: [1]   Vai Giù
  Stampa  
Autore Topic: Come trasformare una canna fissa in bolognese  (Letto 3579 volte)
^NONNOROBY^
Super Moderatore
^Forum Expert^
*
Offline Offline

Posts: 3670

Complimenti
-Dati: 537
-Ricevuti: 1612


Roberto

Guarda Profilo
« il: Settembre 01, 2010, 16:35:55 »

COME TRASFORMARE UNA CANNA FISSA IN BOLOGNESE

Premessa:

Condizione indispensabile per trasformare una canna fissa in bolognese è che la Casa produttrice dichiari che ciò sia fattibile. Alcune Case disegnano un mulinello sulla canna fissa trasformabile, altre lo dichiarano nei loro cataloghi.
Se non siete sicuri, telefonate alla Ditta per avere informazioni.
Una canna fissa che sia nata solo per fare la 'fissa', una volta anellata, si comporta in modo completamente diverso durante il salpaggio del pesce, modificando le 'curve' originali in modo tale che, spesso, qualche elemento si spacca inesorabilmente.
In secondo luogo, il gioco deve valere la candela: se la canna fissa non è in qualche modo una super canna, le spese di trasformazione non ne valgono la pena: gli anelli e la colla bicomponente hanno infatti un certo costo.
Per chi invece è un appassionato del fai da te, vale assolutamente la pena anellarsi la canna in casa perché questo permette un'assoluta personalizzazione. In questo caso però bisogna comprare direttamente il 'blank', richiedendo al proprio negoziante di ordinare appositamente la canna 'nuda' od ordinandola da Internet.
La montatura descritta da me viene esteticamente perfetta anche se non si dispone dell'apposito meccanismo 'Rod wrapper' (per la legatura) o 'Rod Dryer' (per l'asciugatura della colla), solo che essendo fatta a mano richiede solo un pizzicchino in più di pazienza.
Ricordarsi infine che esistono serie di anelli che costano pochi euro ed altre serie che possono superare anche i 150 €. Per quanto riguarda le placche, non accontentatevi delle prime che trovate: la Fuji ha creato dei veri gioiellini anche in questo campo.









Complimenti ricevuti per questo post:

Rabeluk, Mattè, cuccosan, alvaruccio, ^DRAYCON^, uranus, ^GIOVANNI^, Fisherman95

Totale complimenti, 8
« Ultima modifica: Settembre 01, 2010, 19:42:48 da Nonnoroby » Loggato

Fisherman95
^Full Member^
*
Offline Offline

Posts: 235

Complimenti
-Dati: 81
-Ricevuti: 117


Alla ricerca del BIG FISH

Guarda Profilo
« Risposta #1 il: Settembre 01, 2010, 17:07:31 »

Nonnoroby, la tua inventiva e voglia di fare non hanno eguali ! Usare il tasto complimenti è una cosa praticamente nulla per congratularmi con te!
Una domanda: quanto può venire a costare tutto questo lavoro?
Loggato


"Pescare significa gettare una lenza nell'ignoto,senza dar retta nè ai pesci nè agli uomini...Nulla è più vero delle passioni."
alvaruccio
^Member^
*
Offline Offline

Posts: 56

Complimenti
-Dati: 3
-Ricevuti: 0


Maremma maiala!!!

Guarda Profilo
« Risposta #2 il: Settembre 01, 2010, 19:24:34 »

complimenti nonnoroby ottima spiegazione su youtube  ho trovato questi 2 video <a href="http://www.youtube.com/v/_aaO8HSnDO0" target="_blank">http://www.youtube.com/v/_aaO8HSnDO0</a>  
<a href="http://www.youtube.com/v/vBQjJ1Ucq0U" target="_blank">http://www.youtube.com/v/vBQjJ1Ucq0U</a>
 
i 2 scorrevoli devono essere incollati o vanno a incastro?
« Ultima modifica: Settembre 01, 2010, 19:29:40 da alvaruccio » Loggato
^NONNOROBY^
Super Moderatore
^Forum Expert^
*
Offline Offline

Posts: 3670

Complimenti
-Dati: 537
-Ricevuti: 1612


Roberto

Guarda Profilo
« Risposta #3 il: Settembre 01, 2010, 19:27:05 »

Nonnoroby, la tua inventiva e voglia di fare non hanno eguali ! Usare il tasto complimenti è una cosa praticamente nulla per congratularmi con te!
Una domanda: quanto può venire a costare tutto questo lavoro?
Più o meno la spesa è questa:
vernice collante kk1: circa 12 €
anelli: da 1-2 € cadauno a 5 € cadauno
filo per legature: da 2 a 3 € rocchetto
Ciao
Loggato

nig
^Full Member^
*
Offline Offline

Posts: 270

Complimenti
-Dati: 4
-Ricevuti: 36


Guarda Profilo
« Risposta #4 il: Settembre 01, 2010, 19:29:02 »

una domanda.... ma la carta gommata rimane sotto la legatura o serve solo per bloccare momentaneamente il passaggio del filo? esistone canne fisse in carbonio intrecciato per poterle trasformare in bolognesi?.. quando potrebbero costare?
Loggato
PescaMontepaone
^Member^
*
Offline Offline

Posts: 85

Complimenti
-Dati: 13
-Ricevuti: 2


Guarda Profilo
« Risposta #5 il: Settembre 01, 2010, 20:26:21 »

Il contrario non si può fare ? A me piace la canna fissa pescando con la montature all' inglese...
Loggato

I ♥ SPINNING !
La grafica, una delle mie passioni !
^NONNOROBY^
Super Moderatore
^Forum Expert^
*
Offline Offline

Posts: 3670

Complimenti
-Dati: 537
-Ricevuti: 1612


Roberto

Guarda Profilo
« Risposta #6 il: Settembre 01, 2010, 20:50:17 »

una domanda.... ma la carta gommata rimane sotto la legatura o serve solo per bloccare momentaneamente il passaggio del filo? esistone canne fisse in carbonio intrecciato per poterle trasformare in bolognesi?.. quando potrebbero costare?
No, la carta gommata va sempre tolta quando, con la legatura, ci sei arrivato molto vicino.
Esistono moltissime canne fisse in carbonio che si possono trasformare in bolognese.
Il prezzo varia in base alla qualità del carbonio, al tipo di intreccio e ad altri molteplici fattori, e può andare da 50/60 € a prezzi elevatissimi.
Loggato

cuccosan
^Full Member^
*
Offline Offline

Posts: 271

Complimenti
-Dati: 43
-Ricevuti: 376


solo gli imbecilli non si sbagliano mai

Guarda Profilo
« Risposta #7 il: Settembre 01, 2010, 23:04:38 »

Ottimo lavoro Roberto,
chiaro e preciso come sempre . Le illustrazioni e i disegni ,non ti dico  10+
Loggato

Cuccosan
nig
^Full Member^
*
Offline Offline

Posts: 270

Complimenti
-Dati: 4
-Ricevuti: 36


Guarda Profilo
« Risposta #8 il: Settembre 01, 2010, 23:50:30 »

ma si puà risparmiare in tutto questo?cmq ottimo lavoro.. dimenticavo a ringraziarti per i consigli =) grazie
Loggato
^NONNOROBY^
Super Moderatore
^Forum Expert^
*
Offline Offline

Posts: 3670

Complimenti
-Dati: 537
-Ricevuti: 1612


Roberto

Guarda Profilo
« Risposta #9 il: Settembre 02, 2010, 09:28:35 »

Il contrario non si può fare ? A me piace la canna fissa pescando con la montature all' inglese...
Il contrario si può sempre fare.
E' presumibile che uno smonti una bolognese se questa gli viene regalata o la trova a prezzo d'occasione, altrimenti non avrebbe senso comprarsi una bolognese per poi trasformarla in fissa.
Un mio amico, che comprava solo canne d'occasione, e che aveva la 'fissa' per le canne 'fisse', utilizzava questo trucchetto quando, tra le canne d'occasione, non trovava la fissa ma solo bolognesi.
Poi rivendeva anelli e placche.
« Ultima modifica: Settembre 02, 2010, 13:15:16 da Nonnoroby » Loggato

ivo
^Hero Member^
*
Offline Offline

Posts: 749

Complimenti
-Dati: 89
-Ricevuti: 102


Guarda Profilo
« Risposta #10 il: Settembre 02, 2010, 10:08:34 »

Buongiorno a tutti ragazzi,
volevo fare solo una precisazione per un montaggio ottimale senza nulla togliere all'ottimo lavoro, come sempre anzi complimenti, di Roby che saluto: quando si inizia una legatura è sempre meglio non iniziare da sopra il piede dell'anello o della placca ma bensì dalla canna verso il piede. Ma sono comunque sicuro che il disegno di Roby è a scopo illustrativo. Altro consiglio, per il Rod Dryer (macchinario illustrato da Roby per far girare le canne in fase d'asciugatura della bicomponente) evitate di acquistarlo, prima perchè costa e poi perchè il 99% dei distributori sono esteri (UK, USA) e quindi bisognerà mettere in conto tutti i rischi del caso, ovvero, il tempo, il costo della spedizione, la dogana, il diverso voltraggio, ecc, ecc, di conseguenza fate come me che con pochi anzi pochissimi euro (5€) e materiale di recupero ne ho appena costruito uno.

P.S. quello del filmato a mio parere gira troppo veloce, sembra più una velocità da rod wrapping (per legare non per asciugare), la miglior velocita è quella del girarrosto o quella del motorino del piatto girevole del forno a micro onde (che è quella che ho adoperato io).
A presto Ivano 
Loggato
zavo
^Full Member^
*
Offline Offline

Posts: 246

Complimenti
-Dati: 140
-Ricevuti: 153


live in cosenza

Guarda Profilo
« Risposta #11 il: Settembre 02, 2010, 11:54:23 »

ciao nonnoroby,innanzitutto complimenti,poi volevo chiederti,la colla bicomponente è facilmente trovabile in un negozio di pesca,o in qualche ferramenta?
Loggato

saverio naber one calabria pesca on line
^NONNOROBY^
Super Moderatore
^Forum Expert^
*
Offline Offline

Posts: 3670

Complimenti
-Dati: 537
-Ricevuti: 1612


Roberto

Guarda Profilo
« Risposta #12 il: Settembre 02, 2010, 11:57:05 »

Buongiorno a tutti ragazzi,
volevo fare solo una precisazione per un montaggio ottimale senza nulla togliere all'ottimo lavoro, come sempre anzi complimenti, di Roby che saluto: quando si inizia una legatura è sempre meglio non iniziare da sopra il piede dell'anello o della placca ma bensì dalla canna verso il piede. Ma sono comunque sicuro che il disegno di Roby è a scopo illustrativo. Altro consiglio, per il Rod Dryer (macchinario illustrato da Roby per far girare le canne in fase d'asciugatura della bicomponente) evitate di acquistarlo, prima perchè costa e poi perchè il 99% dei distributori sono esteri (UK, USA) e quindi bisognerà mettere in conto tutti i rischi del caso, ovvero, il tempo, il costo della spedizione, la dogana, il diverso voltraggio, ecc, ecc, di conseguenza fate come me che con pochi anzi pochissimi euro (5€) e materiale di recupero ne ho appena costruito uno.

P.S. quello del filmato a mio parere gira troppo veloce, sembra più una velocità da rod wrapping (per legare non per asciugare), la miglior velocita è quella del girarrosto o quella del motorino del piatto girevole del forno a micro onde (che è quella che ho adoperato io).
A presto Ivano 
Ciao Ivano,
anch'io con la mia 'Rod wrapper' autocostruita inizio la legatura a partire dalla canna per poi arrivare al piedino, anche perché la presenza della smussatura sul piedino facilita la risalita del filo sul medesimo.
Però quando facevo la legatura manuale preferivo iniziare dal piedino e scendere verso la canna perché in questo modo, applicando una pressione con il pollice sinistro sul piedino nella fase iniziale della legatura, questo non si spostava di un millimetro dalla sua posizione, cosa che invece talvolta avveniva quando iniziavo dalla canna.
Personalmente preferisco fare così, però non è detto che un altro non si trovi meglio  con l'altro metodo, per cui ciascuno può provarli entrambi per poi decidere quello che va meglio per lui  felice

Loggato

^NONNOROBY^
Super Moderatore
^Forum Expert^
*
Offline Offline

Posts: 3670

Complimenti
-Dati: 537
-Ricevuti: 1612


Roberto

Guarda Profilo
« Risposta #13 il: Settembre 02, 2010, 12:08:17 »

ciao nonnoroby,innanzitutto complimenti,poi volevo chiederti,la colla bicomponente è facilmente trovabile in un negozio di pesca,o in qualche ferramenta?
La kk1 la trovi presso i negozianti di articoli da pesca (come pure il primer 'Color Preventer', che una volta era compreso nella confezione, ora li vendono separati).
Altri tipi di bicomponente li trovi invece nei ferramenta. Io uso solo la kk1, però alcuni nostri colleghi sono orientati verso altre vernici/collanti (dovresti cercarti i post appositi, perché su questo non sono in grado di aiutarti). A meno che qualcuno di loro non ci stia leggendo e posti qui questi prodotti.
Ciao
Loggato

ivo
^Hero Member^
*
Offline Offline

Posts: 749

Complimenti
-Dati: 89
-Ricevuti: 102


Guarda Profilo
« Risposta #14 il: Settembre 02, 2010, 12:43:36 »

Buongiorno a tutti ragazzi,
volevo fare solo una precisazione per un montaggio ottimale senza nulla togliere all'ottimo lavoro, come sempre anzi complimenti, di Roby che saluto: quando si inizia una legatura è sempre meglio non iniziare da sopra il piede dell'anello o della placca ma bensì dalla canna verso il piede. Ma sono comunque sicuro che il disegno di Roby è a scopo illustrativo. Altro consiglio, per il Rod Dryer (macchinario illustrato da Roby per far girare le canne in fase d'asciugatura della bicomponente) evitate di acquistarlo, prima perchè costa e poi perchè il 99% dei distributori sono esteri (UK, USA) e quindi bisognerà mettere in conto tutti i rischi del caso, ovvero, il tempo, il costo della spedizione, la dogana, il diverso voltraggio, ecc, ecc, di conseguenza fate come me che con pochi anzi pochissimi euro (5€) e materiale di recupero ne ho appena costruito uno.

P.S. quello del filmato a mio parere gira troppo veloce, sembra più una velocità da rod wrapping (per legare non per asciugare), la miglior velocita è quella del girarrosto o quella del motorino del piatto girevole del forno a micro onde (che è quella che ho adoperato io).
A presto Ivano 
Ciao Ivano,
anch'io con la mia 'Rod wrapper' autocostruita inizio la legatura a partire dalla canna per poi arrivare al piedino, anche perché la presenza della smussatura sul piedino facilita la risalita del filo sul medesimo.
Però quando facevo la legatura manuale preferivo iniziare dal piedino e scendere verso la canna perché in questo modo, applicando una pressione con il pollice sinistro sul piedino nella fase iniziale della legatura, questo non si spostava di un millimetro dalla sua posizione, cosa che invece talvolta avveniva quando iniziavo dalla canna.
Personalmente preferisco fare così, però non è detto che un altro non si trovi meglio  con l'altro metodo, per cui ciascuno può provarli entrambi per poi decidere quello che va meglio per lui  felice


naber one d'accordo con te Roby

Ciao Zavo se non trovi la KK1 digita sul google "Flex Coat" ( che è un altro tipo di resina, migliore) e ti siaprirà un mondo
Loggato
^NONNOROBY^
Super Moderatore
^Forum Expert^
*
Offline Offline

Posts: 3670

Complimenti
-Dati: 537
-Ricevuti: 1612


Roberto

Guarda Profilo
« Risposta #15 il: Settembre 02, 2010, 12:53:24 »

Sto preparando una raccolta di anelli passafilo, placche portamulinello e fili per legature che, appena pronta, posterò su questo stesso topic. Se li trovo, di qualcuno posterò anche i prezzi.
E' da tenere comunque presente che, se non si abita in un grosso centro, i 'nostri' negozianti non dispongono di grandi scelte, in quanto non sono articoli molto richiesti, perché non sono in molti a dedicarsi al 'fai da te' delle legature degli anelli e della personalizzazione delle proprie canne.
La legatura degli anelli e delle placche su una canna telescopica è abbastanza semplice (è invece un pò più complicato sulle canne in due o tre pezzi, che richiede un perfetto allineamento degli anelli), e secondo me non dovrebbe mai mancare dal nostro 'bagaglio' anche l'auto sostituzione di un anello rotto, allo stesso modo con cui non manca la legatura degli ami e la preparazione dei terminali.

Quello che vi descrivo adesso è un metodo da usare solo in caso di emergenza, quando per esempio  durante una battuta di pesca vi capita di rompere un anello e non volete perdere la giornata, specialmente se avete imbroccato quella giusta. E' fattibile solo con gli anelli monoponte (con quelli a doppio ponte è molto complicato), e dovete portarvi dietro una copia (anche molto ordinaria) di ciascun anello della canna, una boccetta di Attack ed un accendino.
- Tenete a immediata portata di mano il nuovo anello, l'accendino e la boccetta di Attack col cappuccio già sfilato (l'operazione va eseguita velocemente).
- Riscaldate con l'accendino la vernice bicomponente dell'anello rotto e sfilatelo
- Mettete una goccia di Attack sul piedino dell'anello nuovo ed infilatelo nello spazio lasciato libero dall'anello rotto.

E' ovvio che se la canna è una 'signora' canna, una volta a casa dovete eseguire nuovamente la sostituzione dell'anello ordinario con l'anello 'buono' originale, facendo però stavolta il lavoro in grazia di Dio felice
« Ultima modifica: Settembre 02, 2010, 15:33:29 da Nonnoroby » Loggato

zavo
^Full Member^
*
Offline Offline

Posts: 246

Complimenti
-Dati: 140
-Ricevuti: 153


live in cosenza

Guarda Profilo
« Risposta #16 il: Settembre 02, 2010, 14:13:47 »

ok grazie
Loggato

saverio naber one calabria pesca on line
ivo
^Hero Member^
*
Offline Offline

Posts: 749

Complimenti
-Dati: 89
-Ricevuti: 102


Guarda Profilo
« Risposta #17 il: Settembre 03, 2010, 10:20:01 »

Buongiorno a tutti ragazzi
Vi posto il progettino per la costruzione del Rod Dryer, ovvero l’attrezzo per l’asciugatura della resina bi componente che si applica sulle legature. Se pensiamo che senza questo attrezzo una volta stesa la resina per almeno un ora dovremmo far ruotare la canna  ci passerebbe la voglia di imbatterci in questa splendida lavorazione, quindi la cosa migliore è adoperare questo attrezzo di facile realizzazione e ci accorgeremo che oltre al risparmio di tempo avremo un risultato di gran lunga migliore. L’unico materiale acquistato è: il raccordo con guarnizione in pvc (1€), quattro cuscinetti (6€) e l’interruttore (50€cent). Il motorino l’ho preso da un vecchio forno micro onde ed è ottimo per la bassa velocità di giri al minuto e in più funziona a 220 volts senza bisogno di trasformatore; il legno l’ho recuperato da una vecchia mensola che avevo in solaio, ma si possono utilizzare tranquillamente i listelli dei bancali; viti bulloni e pezzetto di filo elettrico non sono neanche da menzionare visto il costo irrisorio. Questo per dire che il materiale per il 99%  è stato recuperato e per quello acquistato sono stati spesi 7,50€. L’unico problema potreste averlo con il recupero del motorino che in ogni caso è acquistabile in qualsiasi centro assistenza di elettrodomestici per un massimo di 10€. Se qualcuno non dovesse capire bene di che materiale si sta parlando dal disegno, vedi motorino o raccordo in pvc ecc., basta che chieda delucidazioni ed io posterò la foto del singolo pezzo. Poi non appena avrò “sgrezzato” il mio Rod Drayer (adesso lo sto usando non rifinito perchè non ho tempo) posterò anche la foto.
Per qualsiasi cosa non esitate, chiedete
Un Abbraccio Ivano.

P.S. dai Roby che si fa un'altra bella guida!!!




Uploaded with ImageShack.us

Complimenti ricevuti per questo post:

^GIOVANNI^

Totale complimenti, 1
Loggato
^NONNOROBY^
Super Moderatore
^Forum Expert^
*
Offline Offline

Posts: 3670

Complimenti
-Dati: 537
-Ricevuti: 1612


Roberto

Guarda Profilo
« Risposta #18 il: Settembre 04, 2010, 04:09:48 »

Questa è una raccolta di anelli e placche portamulinello.
Anche se esistono altri produttori, mi sono limitato alla Fuji perché è il marchio più diffuso:









































Complimenti ricevuti per questo post:

^GIOVANNI^

Totale complimenti, 1
Loggato

Calabria pesca online:
Pagine: [1]   Vai Su
  Stampa  

 
Salta a:  


android smartphone app   Android tablet app  Ipad app   iphone app   Windows Phone app

FORUM PESCA CALABRIA PESCA IN CALABRIA FORUM PESCARE IN CALABRIA
Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2007, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia


Guarda i 25 Posts più Recenti del Forum |  Altre statistiche  |  Tag  |  Note legali  |  sitemap

Sito realizzato da New service e Digistore tutto sull' informatica !!
XHTML 1.0 Valido! CSS Valido! Dilber MC Theme by HarzeM
Pagina creata in 0.703 secondi con 28 queries.