Dicembre 18, 2014, 13:22:24

Pagine: [1]   Vai Giù
  Stampa  
Autore Topic: LA ROSA DEI VENTI- I VENTI  (Letto 13061 volte)
^NANDONE^
Io vi osservo !!!!!
^Hero Member^
*
Offline Offline

Posts: 709

Complimenti
-Dati: 253
-Ricevuti: 379


Guarda Profilo
« il: Marzo 22, 2007, 16:55:11 »

LA ROSA DEI VENTI E LA DIREZIONE DELLO SPOSTAMENTO

La traiettoria di una barca tra due punti, quello di partenza e quello di arrivo, è determinata dalla
direzione verso cui la barca si sposta ed è quindi essenziale conoscere prima delle direzioni individuabili e
definite in riferimento alla sfera terrestre.
Poniamo un osservatore in piedi con il viso rivolto verso il Polo Nord (settentrione), mentre la sua nuca è rivolta nella direzione del Polo Sud (meridione). Se l'osservatore apre le braccia, stendendole esternamente a 90° rispetto all'asse Nord-Sud, la sua mano destra indicherà la direzione dell'Est, da dove sorge il Sole (levante), mentre la sua mano sinistra indicherà quella dell'Ovest, dove il Sole tramonta (ponente). I due assi sono tra loro ortogonali, il primo Nord-Sud (per meridiano) ed il secondo Est-Ovest (per parallelo).
Il Nord, il Sud, l'Est e l'Ovest sono detti Punti Cardinali o Principali.
L'orizzonte attorno all'osservatore si divide in 4 settori detti Quadranti,ilprimocompreso tra le congiungenti Osservatore-Nord e Osservatore-Est e poi di seguito ruotando in senso orario, il secondo tra
Est e Sud, il terzo tra Sud e Ovest e il quarto tra Ovest e Nord. Ogni quadrante, considerando le congiungenti tra osservatore e punti cardinali come i lati di un angolo, ha 90°, quindi il 1° quadrante
corrisponde all'arco compreso tra 0°(N) e 90°(E), il 2° tra 90°(E) e 180°(S), il terzo tra 180°(S) e 270°(W),
il quarto tra 270°(W) e 360°(N).
I quadranti si dividono, a loro volta, con una bisettrice, ottenendo dagli angoli di 90° due da 45°, detti Ottanti. Si creano così i Punti Intercardinali NE a 45°, SE a 135°, SW a 225° e NW a 315°.
I punti cardinali e intercardinali si chiamano anche Venti, 8 in tutto e ad ognuno di essi corrisponde il nome di un vento prevalente che soffia da quella direzione. Avremo così ottenuto la Rosa dei venti, composta da:
Tramontana (o Borea) da N (360°) – Greco da NE (045°) – Levante da E (090°) – Scirocco da SE (135°) – Ostro da S (180°) – Libeccio da SW (225°) – Ponente da W (270°) – Maestro da NW (315°).
Gli otto Venti si suddividono a loro volta in 2 Mezziventi ciascuno, per u totale di 16 mezziventi di
22°30'. I mezziventi si suddividono in Quarte o Rombi di 11°15' ciascuna per un totale di 32. Le Quarte in Mezze Quarte di 5°37'30" ciascuna, per un totale di 64. Infine, le Mezze Quarte si suddividono in Quartine di 2°48'45" ciascuna, per un totale di 128.
La navigazione antica ha avuto origine nel Basso Mediterraneo (isola di Creta) e i nomi dei venti
hanno preso in alcuni casi i nomi delle località da cui spiravano. Ad esempio: il Libeccio dalla Libia (Africo), il Grecale (Greco) dalla Grecia, lo Scirocco dalla Siria.
Il Maestrale, considerato vento principale, ricava il nome dal latino Magistrer, l'Ostro, detto anche
Solatio, vento di Mezzogiorno, deriva dal latino Auster (australe, meridionale), il Ponente prende il nome
dalla direzione nella quale tramonta (si pone) il sole, il Levante prende il nome dalla direzione dalla quale
sorge (si leva) il sole.
Le Rose dei Venti recano a volte raffigurati i nomi dei venti principali in corrispondenza dei
rispettivi punti cardinali e intercardinali.
Si chiama Rosa dei Venti il cerchio indicatore posto nella bussola magnetica e sotto cui si trovano
gli aghi magnetici e così anche il cerchio graduato stampato sulle carte nautiche in cui sono indicai i valori
della Declinazione magnetica.

« Ultima modifica: Marzo 16, 2008, 15:44:30 da ^ADMIX^ » Loggato
Calabria pesca online:
Pagine: [1]   Vai Su
  Stampa  
 
Salta a:  


android smartphone app   Android tablet app  Ipad app   iphone app   Windows Phone app