CALABRIA PESCA ON-LINE FORUM
News:
 
*
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.
Hai perso la tua email di attivazione?
Ottobre 01, 2014, 10:10:37


Login con username, password e lunghezza della sessione


Pagine: [1]   Vai Giù
  Stampa  
Autore Topic: Montatura Spigola e Sarago.  (Letto 5662 volte)
enzopartenopeo
^Member^
*
Offline Offline

Posts: 59

Complimenti
-Dati: 0
-Ricevuti: 0


ailloc oi l'aorata

Guarda Profilo
« il: Ottobre 04, 2011, 13:51:52 »

Salve, volevo chiedervi alcuni consigli su come effettuare una montatura per catturare questi due bellissimi pesci. Il mio dubbio sorge non tanto per la scelta di lenze ed ami, ma su come effettuare la piombatura con i pallini spaccati, considerando che io pesco nei porti e dalle scogliere, con situazioni di corrente sostanzialmente scarsa, perchè secondo il mio parere il trucco sta nel presentare l'esca ovvero il bigattino, nel modo più naturale possibile. Mi potreste aiutare descrivendomi come effettuare la piombatura magari descrivendomi la distanza tra un pallino e l'altro ecc... di solito io pesco con galleggianti che variano da 0,5g a massimo 3g. grazie anticipatamente
Loggato
enzopartenopeo
^Member^
*
Offline Offline

Posts: 59

Complimenti
-Dati: 0
-Ricevuti: 0


ailloc oi l'aorata

Guarda Profilo
« Risposta #1 il: Ottobre 04, 2011, 14:57:37 »

consigli???
Loggato
Spectr22
FISHING FRIEND
^Hero Member^
*
Offline Offline

Posts: 863

Complimenti
-Dati: 160
-Ricevuti: 152


Guarda Profilo
« Risposta #2 il: Ottobre 04, 2011, 15:34:23 »

enzo allora se vuoi pescare il sarago c'è da fare una montatura se vuoi tentare la spigola un'altra ancora, in linee generali se vuoi puntare al sarago galleggiante da 2 gr e spiombatura larga a far sfiorare il fondo piu possibile mentre per la spigola dipende dai luoghi ma io la maggiorparte delle volto monto un galleggiante 2+1 e metto tutto al vento (sempre in assenza di corrente come ne tuo caso) spero di esserti stato d'aiuto naber one
Loggato

VIVA LA PESCA ED IL MARE!!!
Pure passion...
^NONNOROBY^
Super Moderatore
^Forum Expert^
*
Offline Offline

Posts: 3774

Complimenti
-Dati: 547
-Ricevuti: 1667


Roberto

Guarda Profilo
« Risposta #3 il: Ottobre 04, 2011, 18:56:55 »

Il porto è un 'mondo a sè', non esistono regole precise e sempre valide che puoi trasferire tal quali dalla pesca in 'mare aperto'. Per esempio, nel porto il sarago lo puoi pescare rasente la banchina già da un metro sotto la superficie dell'acqua sino ad arrivare sul fondo, idem per la spigola.
Anche se la stessa cosa può capitare da una scogliera, di solito però il sarago ama maggiormente stazionare nei pressi del fondo mentre la spigola, per il suo carattere predatorio, ricerca di che sfamarsi spostandosi continuamente dalla superficie al fondo e viceversa. In questo gioca un ruolo fondamentale la pasturazione fatta con gli stessi bigattini: quando la spigola ne 'fiuta' la scia, è solita piazzarsi ad una determinata altezza aspettando la successiva manciata (io mi regolo lanciando 7/8 bigattini ogni 5 minuti). Il problema è trovare questa altezza, è ciò può essere fatto solo con una serie di tentativi e di variazioni del fondale.
In genere parto da circa 25 cm dal fondo e poi risalgo sino a vedere la prima mangiata, che però può essere casuale fatta in quel punto: infatti se le mangiate non sono costanti, modifico nuovamente il fondale sino a trovare quello che mi sembra il più idoneo.
Per i saraghi è un pò meno complicato: do più fondo che posso compatibilmente alla conformazione del fondale. Un fondale molto accidentato vuol dire aggancio assicurato dell'amo sul fondo.
Per quanto riguarda la spallinatura, molto dipende dalla lunghezza della canna: una canna lunga consente una spaziatura più ampia tra un pallino e l'altro, che danno alla lenza una postura meno rigida e più fluttuante (a 'vela'), e quindi un aspetto meno sospetto a tutto l'insieme. Una canna più corta ovviamente non consente di spaziare tanto tra un pallino e l'altro (tenendo presente che su entrambe le canne è sempre preferibile usare un bracciolo abbastanza lungo, e che sul bracciolo è sempre meglio non mettere neanche un pallino).
La quantità dei pallini è legata alla tara del galleggiante: un galleggiante da 0.5 gr necessiterà di una quantità di pallini inferiore a quello di un galleggiante da 2 gr. Alcuni preferiscono variare la grandezza dei pallini (la grossezza dei pallini è espressa da un Numero, a volte accompagnato anche dal suo peso in decimi di grammo): più grossi nella parte alta della lenza e via via più piccoli nella parte bassa. Alcuni pescatori preferiscono usare pallini della stessa grossezza (per lo più piccoli), ed ovviamente questo aumenta il numero dei pallini da usare.
Come linea di massima, personalmente spazio i pallini su queste lunghezze: canna da 4 mt, spargo i pallini sull'ultimo metro della madre; canna da 6 mt, spargo i pallini sugli ultimi 2 mt della madre.
Se uso pallini differenziati (più grossi sopra), raggruppo i pallini più piccoli (sotto) con distanze maggiori gli uni dagli altri man mano che mi avvicino alla fine della madre. Se uso pallini identici, li posiziono più ravvicinati sopra e progressivamente più distanziati sotto.
In pratica, la lenza deve assumere un andamento a vela anziché calare quasi in perpendicolare, che con correnti deboli è la più idonea.
Viceversa, in presenza di correnti sostenute, preferisco sostituire i pallini con la torpilla. La 'vela' si riduce, ma in questi casi il pesce è anche meno sospettoso.


 
« Ultima modifica: Ottobre 04, 2011, 19:00:49 da ^NONNOROBY^ » Loggato

^OLTREMARE^
Super Moderatore
^Forum Expert^
*
Offline Offline

Posts: 5159

Complimenti
-Dati: 1082
-Ricevuti: 1176


Guarda Profilo
« Risposta #4 il: Ottobre 04, 2011, 23:12:39 »

Mi permettete di parlare della mia ormai noiosissima montatura? (mia perchè la adopero non perchè l'ho inventata).
Spigola: galleggiante inglese piombato rapportato alla distanza di pesca e condizioni del mare (in condizioni normali adopero un 4+1 o 6+1. Uno o due pallini di piombo per tarare il galleggiante messi fra il galleggiante e la girellina (una 20/22 in acciaio). Alla girellina collego il finale di lunghezza rapportata al fondale e senza alcuna piombatura.
Sarago: idem come sopra con l'unica variante di un paio di cm. di filo di piombo sottile avvolto a spirale sul terminale a circa 40 cm. dall'amo.
Ad ogni modo mi è capitato di prendere saraghi con la versione da spigola e viceversa.
Pescando da scogliera, conditio sine qua non per beccare saraghi e spigole, è il mare in movimento e tanta schiuma.
Loggato

STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

C'E' SEMPRE QUESTA FASTIDIOSISSIMA ECO

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)
enzopartenopeo
^Member^
*
Offline Offline

Posts: 59

Complimenti
-Dati: 0
-Ricevuti: 0


ailloc oi l'aorata

Guarda Profilo
« Risposta #5 il: Novembre 01, 2011, 12:17:14 »

Grazie a tutti per le risposte, come al solito molto esaurienti. NONNOROBY grazie per i tuoi consigli come al solito molto dettagliati.. vi informo che 1 settimana fà al porto di pozzuoli ho preso una spigola di 950 grammi.... thanks
Loggato
Calabria pesca online:
Pagine: [1]   Vai Su
  Stampa  

 
Salta a:  


android smartphone app   Android tablet app  Ipad app   iphone app   Windows Phone app

FORUM PESCA CALABRIA PESCA IN CALABRIA FORUM PESCARE IN CALABRIA
Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2007, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia


Guarda i 25 Posts più Recenti del Forum |  Altre statistiche  |  Tag  |  Note legali  |  sitemap

Sito realizzato da New service e Digistore tutto sull' informatica !!
XHTML 1.0 Valido! CSS Valido! Dilber MC Theme by HarzeM
Pagina creata in 1.016 secondi con 26 queries.