CALABRIA PESCA ON-LINE FORUM
News:
 
*
Benvenuto, Visitatore. Per favore, effettua il login o registrati.
Hai perso la tua email di attivazione?
Ottobre 21, 2014, 13:55:27


Login con username, password e lunghezza della sessione


Pagine: [1]   Vai Gi
  Stampa  
Autore Topic: FOTO DI PESCI.  (Letto 72503 volte)
^ALFIO^
))ADMIN((
^Full Member^
*****
Offline Offline

Posts: 284

Complimenti
-Dati: 524
-Ricevuti: 376


><((<ALFIO><((>

Guarda Profilo
« il: Maggio 07, 2007, 00:46:18 »

sugarello (sauro, suro ).

 
 

 La forma del corpo e delle pinne sono caratteristiche del genere.
Le due pinne dorsali si ripiegano indietro e restano nascoste in un solco che esiste sul dorso. La pelle coperta di scaglie piccolissime, sottili, lisce e molto caduche.
La linea laterale tutta ricoperta da scudetti ossei, sovrapposti ad embrice, dotati di una punta nel bordo posteriore. Dalla met circa della linea laterale  le spine formano una specie di carenatura corazzata. Il numero degli scudetti varia tra 69 e 79 e costituisce uno dei due caratteri pi evidenti per la distinzione della specie.
Anche la linea laterale accessoria, tra l'inizio della prima dorsale e i primi due terzi della seconda, caratterizza la specie.
La testa punta, con bocca ampia, obliqua, con la mandibola lievemente prominente. I denti sono disposti in una sola fila in ambedue le mascelle ed esistono anche sul vomere, sul palatino e sulla lingua.
L'occhio piuttosto grande ed munito di due palpebre adipose fisse, una anteriore ed una posteriore, che lasciano una apertura centrale dove appare la pupilla.


triglia.


  
   


Il corpo mediocremente allungato e leggermente compresso lateralmente.
La testa grossa con bocca terminale orizzontale poco protrattile.
Nella parte inferiore della sinfisi mandibolare vi sono due barbigli tattili.
La prima dorsale, a raggi spinosi col primo raggio rudimentale, composta di sette o otto spine.
La seconda a raggi molli inizia a circa met del corpo ed ha da otto a nove raggi.
La codale forcuta con lobi uguali. Anale pi corta della seconda dorsale.
Pettorali ben sviluppate e ventrali pi corte delle pettorali.  



mormore.

  

  
Corpo allungato, molto compresso lateralmente, con testa grande acuminata.
Occhio relativamente piccolo e posto nella parte superiore della testa.
La bocca situata inferiormente ed abbastanza ampia, leggermente protrattile e con labbra spesse.
Le mascelle sono munite anteriormente di denti sottili su diverse file.
Superiormente vi sono tre o quattro file di molari e due o tre file inferiormente.
Ha una sola dorsale molto bassa con 11/12 raggi spinosi e altrettanti molli.
 Anche l'anale bassa e con tre raggi spinosi.



Serrano (perchia o sciarrano).


 Corpo meno allungato di S. cabrilla, abbastanza alto, non molto compresso, coperto di scaglie abbastanza grandi.
Le guance e gli opercoli sono muniti di scaglie; ne privo il muso (acuto e affilato). Occhio proporzionalmente meno grande di quello della perchia.
Bocca ampia e obliqua, con la mandibola lievemente pi avanzata della mascella, che protrattile.
La bocca munita di denti piccoli, insieme ad altri pi grandi a forma di canini.
Tre spine all'angolo superiore dell'opercolo e margine posteriore del pre-opercolo seghettato.
Una sola dorsale con 10 raggi spinosi anteriormente e 14-16 molli. Anale con tre spine, ventrale con una.



orata.


  Il corpo ovale, compresso con testa corta e massiccia con bocca terminale inferiore (labbra spesse).
Il profilo tondeggiante con muso ottuso.
Gote munite di squame.
La mascella superiore lievemente pi avanti della mandibola e porta anteriormente due o tre paia di denti conici, seguiti da quattro a cinque file di denti molariformi tondeggianti.
 
Nella mandibola vi lo stesso numero di denti conici e robusti, seguiti soltanto da tre o quattro serie di molari.
Vi una sola dorsale con undici raggi spinosi che si possono ripiegare e nascondere in un solco del dorso
 


« Ultima modifica: Maggio 04, 2011, 12:10:39 da ^ALFIO^ » Loggato

cobrax
^Member^
*
Offline Offline

Posts: 36

Complimenti
-Dati: 12
-Ricevuti: 4


Calabria pesca on line

Guarda Profilo
« Risposta #1 il: Maggio 07, 2007, 11:36:56 »

I PESCI RAGNO.

trachinus draco (tracina).

 Questo genere nel Mediterraneo formato da 4 specie simili (Trachinus araneus, T. draco, T. radiatus e T. vipera) tutte con testa tozza, muso corto con bocca obliqua, due  pinne dorsali, di cui la prima con spine velenose e la seconda molto lunga. Ventrali giugulari con una spina, opercolo armato di una robusta spina velenosa diretta indietro.
Questa specie ha corpo allungato, occhi globulosi e prominenti posti molto in alto e vicini.
Sul bordo antero superiore dell'orbita vi sono due spine molto piccole.
Mascelle, vomere e palatino sono muniti di diverse file di denti uguali e molto sottili.
Al bordo dell'opercolo vi una lunga spina situata al bordo dell'opercolo e rivolta indietro.
La prima pinna dorsale   composta di 5 o 6 robuste spine canalicolate fino a delle ghiandole interne che segregano del veleno (tipo quello di alcuni serpenti).
La seconda pinna dorsale lunga con raggi molli e carnosi come quelli dell'anale, che ancora pi lunga ed preceduta, da due spine.
La ventrale anche ha una spina.
La colorazione variabile e caratterizzata da una serie di strisce oblique, formate dalle file delle scaglie, colorate in bruno e verdastro su un fondo grigio giallastro. Lungo la seconda dorsale vi una striscia bruna verdastra che presente, pi chiara, anche sull'anale. La prima dorsale presenta una macchia nera che va dalla prima spina, allo spazio compreso tra la terza e la quarta.
Passa molto tempo immobile sui fondi sabbiosi o fangosi, in attesa della preda e spesso si affonda completamente lasciando sporgere gli occhi e le punte delle spine dorsali.
Ha carattere aggressivo e si lancia dal fondo contro le prede e, se si sente minacciata, si avventa anche sull'uomo. Le sue ferite sono molto dolorose e urenti e, con persone predisposte, si pu verificare un quadro comprimissorio delle funzioni vitali.
Nei mesi estivi e primaverili frequenta fondi sabbiosi in vicinanza delle scogliere, anche a bassa profondit.
Di inverno abbandona la costa e si spinge fino ad oltre 100 metri di profondit.
La sua nutrizione carnivora, a base di piccoli crostacei e di molluschi, ma assale anche pesci pi grossi
Viene catturata con le reti a strascico da spiaggia e dei pescherecci, abbocca alle lenze e alle traine. Mediamente misura tra i 30 e i 40cm di lunghezza
Si trova in tutto il Mediterraneo


trachinus araneus.

 Il corpo fusiforme coperto di piccole squame in linee oblique. La linea laterale alta e asseconda il profilo del dorso, fino al termine della seconda pinna dorsale.
La testa robusta e meno rincagnata delle congeneri.
L'occhio grande e il margine superiore sfiora il profilo del capo. Nell'estremo superiore dell'arco sopraorbitario non vi sono spine.  La bocca ampia, tagliata obliquamente ed ha la mascella inferiore prominente. I denti sono villiformi e disposti a fasce su ambedue le mascelle, sul vomere e sui palatini. Non vi sono squame sulla testa, tranne alcune sugli opercoli.
La spina opercolare a forma di daga ed in comunicazione con due ghiandole velenifere situate sotto la pelle, sopra l'osso opercolare.
Le pinne dorsali sono due. La prima triangolare, con spine canaliculate rivestite da pelle sottile e solo la punta emerge. La seconda dorsale lunga e simile all'anale. La codale spatolata col margine posteriore tagliato dritto. Le pettorali sono abbastanza ampie e le ventrali corte, inserite in posizione giugulare
Il colore grigio giallastro con puntini scuri sul dorso; i fianchi sono pi chiari e il ventre bianco. Si mimetizza col colore della sabbia e solo la macchia nera spicca della prima pinna dorsale evidente.
E' una specie che predilige la costa e nei mesi estivi si trova a bassissima profondit, semi-infossata nella sabbia, pronta ad attaccare o a difendersi con le spine velenose.
Possiede, senz'altro, il veleno pi potente dei pesci presente nei Mari italiani.
Il veleno limpido e azzurrastro che diventa opalescente con l'animale morto. Sono pi pericolose le ferite provocate dalle spine opercolari. Nella stagione invernale si spinge verso acque pi profonde.
 La riproduzione nei periodi primaverili e le uova e stadi larvali sono pelagiche. Si nutre di crostacei, vermi e molluschi, ma attacca un po' tutti gli altri pesci. Si pesca con gangamelle e sciabichelli, o coi retini da gamberi. Abbocca facilmente alle lenze. Le sue dimensioni non superano normalmente i 14 cm.
E' comune in tutte le coste italiane, con maggiore frequenza nell'alto Adriatico.


lampuga (o capone).





branzino (o spigole).




boga (vopa, opa)

 



muggine (cefalo)




pesce pettine (surici)




murena

 


pesce RE

 


pesce balestra (pesce porco)

   



 


« Ultima modifica: Maggio 04, 2010, 15:58:55 da ^ALFIO^ » Loggato
sanpei90
Member.
^Hero Member^
*
Offline Offline

Posts: 817

Complimenti
-Dati: 30
-Ricevuti: 19


Chi Legge NON cappotta :D

Guarda Profilo
« Risposta #2 il: Marzo 15, 2008, 13:58:19 »

MANTA
troppo bella  felice
« Ultima modifica: Marzo 07, 2009, 17:47:04 da ^DAVIDE^ » Loggato
COFFA
-Member-
*
Offline Offline

Posts: 13

Complimenti
-Dati: 1
-Ricevuti: 0


Guarda Profilo
« Risposta #3 il: Marzo 31, 2008, 09:22:36 »

Pesce vela

Belle queste vero .............








gronco.

 

   Ha corpo cilindrico e compresso lateralmente nella parte codale.
La testa depressa dorso-ventralmente. La pelle ricoperta di muco ed senza squame. Presenti pori sensoriali lungo la line laterale e sulla testa.
La bocca ampia e l'occhio ovale e abbastanza grande.
I denti, compressi e a margini taglienti, sono disposti in file su mascellari.
Le labbra sono carnose e quella superiore porta sull'estremo le due narici anteriori a forma di tubicino. Le narici posteriori si aprono prima dell'orbita.
La pinna dorsale si estende fino alla coda, dove si salda con l'anale.
Le pettorali sono ben sviluppate e le ventrali non esistono


« Ultima modifica: Marzo 07, 2011, 21:14:51 da ^ALFIO^ » Loggato
IceMan
Member.
^Full Member^
*
Offline Offline

Posts: 252

Complimenti
-Dati: 0
-Ricevuti: 2


*LOVE FISHING*

Guarda Profilo
« Risposta #4 il: Settembre 22, 2008, 17:24:20 »

Guardate questa blalordito


[IMG



e' un pesce gatto gigante, suona strano anche a me, non ha nulla a che vedere col gugino d'acqua dolce... infatti questo un carangide...e la cosa bella che ha gli occhi in basso...che roba ragazzi felice
« Ultima modifica: Settembre 22, 2008, 17:32:47 da IceMan » Loggato

" leggero il compito quando molti si dividono la fatica".                          _Omero_
IceMan
Member.
^Full Member^
*
Offline Offline

Posts: 252

Complimenti
-Dati: 0
-Ricevuti: 2


*LOVE FISHING*

Guarda Profilo
« Risposta #5 il: Settembre 22, 2008, 17:30:31 »

E guardate questa sogliola gigante... un halibut..voracissime sogliole giganti dell'alaska,addirittura alcuni prima di raffiarlo e salparlo sulla barca lo prendono a colpi di fucile automatico


[IMG]http://img140.imageshack.us/img140/413halibutpm0.jpg/1/w864.p
Loggato

" leggero il compito quando molti si dividono la fatica".                          _Omero_
Marcaldinho
^Sr. Member^
*
Offline Offline

Posts: 302

Complimenti
-Dati: 16
-Ricevuti: 16


La perseveranza la madre del successo

Guarda Profilo
« Risposta #6 il: Settembre 25, 2008, 18:26:51 »



calamaro gigante blalordito

Complimenti ricevuti per questo post:

giacinto

Totale complimenti, 1
Loggato
^ALFIO^
))ADMIN((
^Full Member^
*****
Offline Offline

Posts: 284

Complimenti
-Dati: 524
-Ricevuti: 376


><((<ALFIO><((>

Guarda Profilo
« Risposta #7 il: Febbraio 19, 2011, 16:10:53 »

Mennola.


Mennola, ordine: perciformi, famiglia: centracantidi

Caratteristiche morfologiche.
Chiamata scientificamente (Spicara Maena) che vede altre due specie, la Spicara Flexusa e la Spicara Maris, appartenenti allo stesso genere, la Mennola ha bocca protrattile e piccoli denti distribuiti sia sulla mandibola che nella mascella. Ha altezza maggiore delle altre due specie citate, con colorazione grigia e riflessi blu-scuro. Per fare un accenno, la Spicara Maris (o Zerro) ha invece una colorazione bruna con fianchi argentei ed un corpo pi slanciato, e la Flexuosa grigio-bruna sempre con fianchi argentei. Caratteristica comune a tutte e tre le specie (Spicara) la macchia scura che spicca sul fianco. La lunghezza massima, nel caso della Mennola, di circa 25cm., mentre decresce a 15-20 per le altre due specie.
Abitudini.
Abbastanza diffusa nei mari italiani, la Mennola cos come gli altri due tipi di Spicara pu stazionare fino ad un centinaio di metri di profondit, su fondali fangosi o di roccia. La riproduzione avviene in primavera.

Informazioni tratte dal (Il libro della pesca in mare) di R. Micocci



« Ultima modifica: Maggio 04, 2011, 12:13:31 da ^ALFIO^ » Loggato

Calabria pesca online:
Pagine: [1]   Vai Su
  Stampa  

 
Salta a:  


android smartphone app   Android tablet app  Ipad app   iphone app   Windows Phone app

FORUM PESCA CALABRIA PESCA IN CALABRIA FORUM PESCARE IN CALABRIA
Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.19 | SMF © 2006-2007, Simple Machines
Traduzione Italiana a cura di SMItalia


Guarda i 25 Posts più Recenti del Forum |  Altre statistiche  |  Tag  |  Note legali  |  sitemap

Sito realizzato da New service e Digistore tutto sull' informatica !!
XHTML 1.0 Valido! CSS Valido! Dilber MC Theme by HarzeM
Pagina creata in 0.944 secondi con 28 queries.