PESCA AGLI SGOMBRI

PESCA AGLI SGOMBRI  (Scomber scombrus) Famiglia : Scombridi Ordine : Perciformi Classe : Actinopterigi Gli Sgombri possono raggiungere la dimensione massima di 60 cm, con un peso di circa 3,5 […]

PESCA AGLI SGOMBRI  (Scomber scombrus)

Famiglia : Scombridi Ordine : Perciformi Classe : Actinopterigi

Gli Sgombri possono raggiungere la dimensione massima di 60 cm, con un peso di circa 3,5 Kg ed un’eta’ massima di 17 anni. Diffusi, quasi uniformemente, in tutto il Mediterraneo fino a -200 mt e, in alcune zone, sporadicamente anche in acque salmastre. Preferiscono acque fredde o temperate, sono scarsi o assenti in acque piu’ calde. Si mantengono in profondita’ fino alla primavera e quando la temperatura dell’acqua e’ tra 11 e 14°C si spostano in superfice. Dopo la deposizione delle uova, che nei nostri mari avviene tra Marzo e Aprile, formano piccoli branchi che si alimentano voracemente, sempre muovendosi in superficie. Hanno un nuoto molto veloce, fino a circa 10 nodi. Si nutrono in prevalenza di piccoli pesci (Alici e Sarde) che attaccano dal basso costringendole a formare raggruppamenti molto compatti. Di questo approfittano i Gabbiani che attaccano dall’alto ( e’ la famosa “mangianza” che segnala la presenza di predatori in caccia).

La pesca degli Sgombri

Il periodo migliore per la pesca degli Sgombri e’ la primavera da Marzo a tutto Giugno. In questo periodo , dopo la deposizione delle uova, si muovono in superficie e si possono insidiare a Traina, o  da fermi, con canna e Sabiki.

pesca-sgombro

Traina in mare aperto

La traina si svolge a giorno fatto (gli Sgombri hanno abitudini prevalentemente diurne) su batimetriche da -70 a -100/-130 mt, seguendo, le mangianze indicate dal carosello dei Gabbiani. Le esche piu’ produttive sono : artificiali Minnow medio grandi, da 10/15 cm, con piombatura molto leggera (50/100 gr) lasciare la lenza molto lunga.

Lenza da traina con piombo a sgancio rapido

Cucchiaini con piuma da 6/8 cm con 100/150 gr di piombo (a circa 10/15 mt dall’esca), lenza circa 30/40 mt.
Piume, meglio di colore bianco, da 5/7 cm, non piombate o al massimo 50 gr, lenza intorno a 20/30 mt.Per evitare salti fuori dall’acqua si puo’ usare uno sgancio rapido (assicurato con una cimetta ad una bitta) che tenga la lenza molto bassa.

L’assetto di pesca

L’assetto migliore e’ con tre canne, una per ciascun tipo di esca, montando lateralmente le due con esca piombata e centralmente quella con la piuma. Alla velocita’ di 4/5 nodi si accosta la zona di mangianza, non troppo per non farla disperdere, e si compiono una serie di giri in modo da esplorare tutta l’area circostante. In assenza di mangianze si ci puo’ basare sull’avvistamento (gli Sgombri frequentemente saltano fuori dall’acqua, spece di primo mattino) o in  presenza di branchi di Alici in prossimita’ della superficie.

Se nessuno di questi segnali e’ visibile occorre procedere a caso.
In ogni caso e’ produttivo pasturare con continuita’ con pezzetti di Sarda o meglio Sarde tritate. Si tenga presente che gli Sgombri si muovono in piccoli gruppi molto veloci quindi in mare aperto occorre esplorare aree piuttosto estese.

Traina costiera

Le esche e i metodi sono identici a quelli utilizzati in mare aperto, con le differenze : Impiegate esche di dimensioni minori ( Minnow da 6-8 cm e cucchiaini medio/piccoli anche senza piuma). Dato il fondale piu’ basso, si puo’ ridurre la piombatura, fino a toglierla completamente ( ad esempio per i Minnow). Conviene provare anche con velocita’ di 3 nodi, sia per intercettare gli Sgombri piu’ piccoli sia per tentare la cattura di qualche Serra (anche se l’orario non e’ il piu’ adatto) o di qualche bella Palamita.

Esplorare le zone in prossimita’ di scogli, i dintorni delle foci e dei promontori a partire dalla batimetrica -10 mt fino a -20/-30 mt. Osservate sempre i gabbiani.

cucchiaino-martellato Cucchiaino martellato,
piombatura consigliata 50-250 gr
mangianze-sgombro Specifico per traina sulle mangianze
minnow-traina Per impiego generale con o senza piombatura
traima -superficie-sgombro Piuma specifica per traina in superfice allo sgombro
sgombro-piuma Specifico per traina in superfice
piombate-testina-sgombro Piuma con testina piombata molto adatta a Sgombri

Pesca con canna e Sabiki

sgombri sabiki

I risultati migliori, si hanno quando si pesca dalla barca a varia distanza da riva. E’ consigliabile partire con due canne, una da tre metri o qualcosa di più da utilizzarsi con i  Sabiki e relativa montatura (compresa la zavorra terminale di peso variabile dai 30-50 ai 150 grammi secondo la profondità , il vento e le correnti) e un’altra di circa due metri e mezzo per la pesca a lancio classica con gli altri artificiali , tipo piccoli Minnow, cucchiaini medio/piccoli e piume. Sul mulinello della canna lunga si può montare un filo dello 0,35-0,40 o anche più, dato che si potrà arrivare a fare una pesca ” pesante ”, mentre su quello da spinning classico si può tranquillamente scendere ad uno 0,25-0,30. Il tutto è altrettanto valido per la pesca al sugarello o sauro. Per quanto riguarda il primo sistema, quello con le sabiki < moschette > a bolentino o quasi, non ci sono troppi problemi tecnici: si lascia scendere fin sul fondo, si solleva la <catena> delle sei-sette esche, la si lascia calare di nuovo e quando uno, due, tre,sei sgombri e soci attaccano, si forza su canna e mulinello per farli finire a pagliolo.

sabiki sgombri

Ma tante volte tale tecnica del ” su e giù ” non è redditizia e allora conviene ricorrere a qualcosa di più movimentato. Si lancia il più lontano possibile e si recupera a scatti e con lunghe ” filate ” a mezz’acqua.
Il secondo sistema, quello che riguarda lo spinning vero e proprio, prevede invece l’utilizzo di ondulanti da 6-8 centimetri,abbastanza pesanti e dal movimento guizzante, di imitazioni in silicone di pesciolini argentati o biancastri, e di minnow da 5-7 centimetri di tipo affondante.
Il recupero è di solito abbastanza veloce sulle ” mangianze ” sia a galla che a pochi metri di profondità, oppure lento e a scatti e rilasci in acque profonde.