ROBERTO PRAGLIOLA

Gli uomini che hanno fatto la pesca nel nostro paese

ROBERTO PRAGLIOLA ROBERTO PRAGLIOLA

STANILAO KUCKIEWICZ ROMIKA

Gli uomini che hanno fatto la pesca nel nostro paese

STANILAO KUCKIEWICZ ROMIKA STANILAO KUCKIEWICZ ROMIKA

SOGNI D’INVERNO

SOGNI D'INVERNO

SOGNI D’INVERNO SOGNI D’INVERNO

IL MIO APPROCCIO ALLA TLT

Il mio approccio alla TLT

IL MIO APPROCCIO ALLA TLT IL MIO APPROCCIO ALLA TLT

NINFA DI STONE FLY di Antonio Vitolo

Dressing: Ninfa di stone fly di Antonio Vitolo

NINFA DI STONE FLY di Antonio Vitolo NINFA DI STONE FLY di Antonio Vitolo

Pesca col vivo

La pesca col vivo è una tecnica di pesca indirizzata alla cattura di predatori (lecce amia, pesci serra, spigole,ricciole, dentici, barracuda…) con esca naturale viva. La tecnica consiste in tre fasi fondamentali: .

1 cattura dell’esca: le esche migliori da usare e quindi da catturare, sono i piccoli muggini, generalmente di dimensioni comprese tra i 7 e i 10 centimetri, piccoli sparidi (sparli) sempre delle stesse dimensioni o cefalopodi, primo tra tutti il calamaro apprezzatissimo dal dentice. La loro cattura può essere eseguita con l’uso di piccoli ami n° 18-22 e terminali sottili .12-.10-.08 soprattutto nel caso del muggine; le esche da utilizzare sono il pane francese per il muggine o il bigattino per gli sparli. Una buona tecnica è caratterizzata dall’uso della bolognese.Per i cefalopodi sarà invece opportuno l’utilizzo di totanare armate da appositi artificiali. .

2 innesco dell’esca viva. Una volta catturata l’esca si può procedere al suo innesco che avviene fissando due-tre ami di grosse dimensioni sul dorso del pesce lungo la spina dorsale. Sarà opportuno, nella pesca a predatori dotati di particolare dentatura( quali il serra o il dentice) , utilizzare il cavetto d’acciaio come terminale per evitare possano reecidere la lenza con i loro denti affilati. .

3 fase di pesca.Compiute le operazioni precedenti si può iniziare l’azione di pesca. Calate le lenze in acqua si lascia correre via l’esca fino al punto che si ritiene propizio per poi fermare il filo e aprire la frizione usando mulinelli muniti di bait runner o seguendo la cima della canna con frizione regolata in modo da attendere la furiosa mangiata del predatore, attratto dal pesciolino in difficoltà, e ferrare con decisione.

Commenti qui 

Video

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

Subscribe RSS

Forum