ROBERTO PRAGLIOLA

Gli uomini che hanno fatto la pesca nel nostro paese

ROBERTO PRAGLIOLA ROBERTO PRAGLIOLA

STANILAO KUCKIEWICZ ROMIKA

Gli uomini che hanno fatto la pesca nel nostro paese

STANILAO KUCKIEWICZ ROMIKA STANILAO KUCKIEWICZ ROMIKA

SOGNI D’INVERNO

SOGNI D'INVERNO

SOGNI D’INVERNO SOGNI D’INVERNO

IL MIO APPROCCIO ALLA TLT

Il mio approccio alla TLT

IL MIO APPROCCIO ALLA TLT IL MIO APPROCCIO ALLA TLT

NINFA DI STONE FLY di Antonio Vitolo

Dressing: Ninfa di stone fly di Antonio Vitolo

NINFA DI STONE FLY di Antonio Vitolo NINFA DI STONE FLY di Antonio Vitolo

SHOOTING RITARDATO

LO SHOOTING

La parola deriva da <<shoot>> che nella lingua inglese significa <<sparo>>.

Shooting è il vocabolo che definisce, nel lancio, l’ultima fase prima di posare la lenza e la mosca in acqua. In pratica lo shooting è il momento culminante del lancio quando si lascia scorrere fuori canna tutta quanta o parte della lenza tenuta di scorta nella mano sinistra (o accumulata a terra).
Eseguire e saper dosare lo shooting è necessario per completare nel miglior modo il lancio; difatti, questa operazione serve per ottenere alcuni accorgimenti che in pratica nella pesca sono importanti;
per esempio: quando si  deve raggiungere una certa distanza, diciamo 13-15 metri, per posare la mosca dove il pesce ha bollato, conviene fare falsi lanci per allungare la lenza per raggiungere una distanza inferiore a quella utile ed arrivare a questo traguardo tramite lo shoot finale; si evita così di far volteggiare la coda di topo sopra il pesce e spaventarlo ma si arriva a lui solo con la mosca nella posa conclusiva; questo è il caso dove si deve regolare, con la mano sinistra, l’uscita del quantitativo di lenza tenuto di scorta; inoltre con questa regolazione, si ottiene anche un ammortizzamento della potenza impressa alla lenza.

Vediamo adesso di mettere in evidenza la differenza che c’è tra lo shooting effettuato con le tecniche usuali e quello effettuato con la T.L.T.

In genere nelle tecniche usuali, lo shooting viene effettuato quando nell’ultimo lancio in avanti, la canna ha raggiunto le ore 10 dell’ipotetico orologio che sta al fianco del pescatore. Questo provoca degli inconvenienti dovuti principalmente all’arresto della canna tenuta per di più troppo alta, ciò costringe la coda prima a dirigersi verso l’alto e solo in seguito andare nella direzione che vogliamo. Inoltre, in questo modo si viene a creare, con l’apicale, un angolo che è all’origine di un notevole attrito.
Nella T.L.T. invece il momento dello shooting viene ritardato.
Abbiamo visto che con la T.L.T. si riesce a produrre un’altissima velocità che è necessario mantenerla fino al momento giusto,ovvero quando la coda in testa tende ad avere la massima velocità, questo è il momento giusto per effettuare lo shooting.

Commenti qui 

Video

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

Subscribe RSS

Forum