ROBERTO PRAGLIOLA

Gli uomini che hanno fatto la pesca nel nostro paese

ROBERTO PRAGLIOLA ROBERTO PRAGLIOLA

STANILAO KUCKIEWICZ ROMIKA

Gli uomini che hanno fatto la pesca nel nostro paese

STANILAO KUCKIEWICZ ROMIKA STANILAO KUCKIEWICZ ROMIKA

SOGNI D’INVERNO

SOGNI D'INVERNO

SOGNI D’INVERNO SOGNI D’INVERNO

IL MIO APPROCCIO ALLA TLT

Il mio approccio alla TLT

IL MIO APPROCCIO ALLA TLT IL MIO APPROCCIO ALLA TLT

NINFA DI STONE FLY di Antonio Vitolo

Dressing: Ninfa di stone fly di Antonio Vitolo

NINFA DI STONE FLY di Antonio Vitolo NINFA DI STONE FLY di Antonio Vitolo

IL TRIONTO IN SILA

Inizio una serie di itinerari dedicati a coloro che non hanno paura di arrampicarsi lungo alcuni torrenti silani dove regnano ancora bellissime trote macrostigma e fario veramente selvatiche.
Giudico questi corsi d’acqua particolarmente adatti ai pescatori a mosca che praticano il C&R, i quali non hanno altri ingombri se non la canna e possono agevolmente muoversi in questi ambienti.
Per lasciare il gusto della scoperta a coloro che vogliono avventurarsi, indico soltanto il punto dove si può arrivare con la macchina e come avvicinarsi al torrente.

L’alto corso del TRIONTO

longo



FiumeTrionto_1



Per chi proviene dalla costa ionica: dalla 106 ionica all’altezza di Mirto Crosia deviare verso l’interno alla volta di Cropalati e da qui continuare per Longobucco.  All’imbocco del paese, dopo il ponte sul Trionto lasciare l’auto. Subito dopo il ponte seguire la stradella a fondo naturale che si stacca a destra e scende sul greto del torrente. Una volta sulla riva del Trionto si incomincia a risalire il corso del fiume. Per alcune decine di metri il percorso è desolante, si incontrano alcuni immondezzai e cumuli di materiale da costruzione, ma non lasciatevi impressionare poiché, quando ci si allontana abbastanza dal paese, scompaiono d’incanto le tracce dell’uomo e si apre un paesaggio pittoresco. Il fiume si snoda in anse che si susseguono strette tra ripidi costoni e il suo greto è spesso invaso da massi levigati dai colori bizzarri.

Per chi proviene dalla costa tirrenica: A Cosenza imboccare la superstrada per San Giovanni in Fiore, uscire a Camigliatello silano e dirigersi verso il lago Cecita, dopo il centro di visita del parco, sulle sponde del Cecita, uscire al bivio successivo e seguire le indicazioni per Longobucco. Una volta attraversato il paese ci si trova al punto descritto prima.

2 – L’ALTA VALLE DEL PASSANTE

3 – LE GOLE DEL TORRENTE “COSERIE”

4 – IL TORRENTE “LAURENZANA”

4 – L’ALTA VALLE DEL FIUME MELITO

Commenti qui 

Video

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

Subscribe RSS

Forum