MANUALE DI BEACHLEDGERING

This is a discussion for the topic MANUALE DI BEACHLEDGERING il the board BEACHLEGERING & BEACHLEDGERING.

Autore Topic: MANUALE DI BEACHLEDGERING  (Letto 92040 volte)

greybear

  • FISHING FRIEND
  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 832
Risposta #40 il: Aprile 27, 2010, 22:35:21
ciao roberto, ti allego di seguito un articolo per il manuale, siccome esula dalle esposizioni tecniche non so se é da considerare pertinente e come potrebbe essere
inserito, mi affido completamente al tuo giudizio...

@articolo scritto da greybear
Autorizzo Nonnoroby ad inserire nel manuale questo articolo

Tattica e strategia.

Ciao Nicola,
non solo il tuo articolo è interessante, ma mi ha dato addirittura lo spunto per aprire la nuova sezione del manuale "Suggerimenti e Trucchi", che il tuo articolo ha avuto l'onore di inaugurare.
Ti faccio i miei più sentiti complimenti, invitandoti nel contempo ad ampliare la sezione con trucchi e suggerimenti che senza dubbio hai accumulato nella tua lunga esperienza di pescatore. Non ha importanza che siano specifici del beachledgering, possono riguardare qualsiasi aspetto della pesca sportiva in generale.
Sono sicuro che tutti i novizi (ma credo anche qualche veterano, io in testa) te ne saremo grati.
Al tuo prossimo articolo.

Post accorciato da Nonnoroby perché il testo integrale di questo articolo è già stato trasferito nel manuale.
l'orso scende dalla montagna ed esce dal bosco
mangia l'ultima mela dimenticata dal contadino
sull'albero e ruba il miele alle api...
sulla riva del fiume, nascosto all'ombra dei cespugli, osserva l'uomo che pesca...
UOMO! SE RISPETTERAI L'ARIA CHE RESPIRO E LA TERRA SU CUI VIVO E L'ACQUA
CHE MI NUTRE IO SARO' IL TUO TOTEM E I MIEI FIGLI E I TUOI FIGLI VIVRANNO IN PACE.


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #41 il: Aprile 28, 2010, 16:15:53
14. MANUALE DI BEACHLEDGERING: sezione SUGGERIMENTI E TRUCCHI

Prefazione di Nonnoroby: ho aggiunto questa nuova sezione prendendo lo spunto dall'ottimo articolo scritto da Greybear intitolato Tattica e strategia. Infatti ci capita spesso di trascurare anche le cose più elementari, che a volte ci possono rovinare una battuta di pesca per altri versi organizzata a puntino (p.e. togliere l'esca dal frigo per poi.... dimenticarcela a casa!). Oppure che si spezzi accidentalmente l'apicale della canna in pesca e non siamo organizzati per ripararlo almeno provvisoriamente.
Esistono tanti piccoli accorgimenti che ci possono 'salvare' una battuta se le cose iniziano ad andare male, e vedremo di scoprirli pian piano.
Intanto cominciamo ad incamerare la tattica e la strategia suggerita da Greybear.

1. Articolo scritto da greybear

Tattica e strategia.

Questo articolo non si pone come fine la conoscenza dei materiali e il loro uso, ma il modo con cui affrontare una sessione di beachledgering affinchè sia una rilassante occasione di svago e non solo una stressante e disperata ricerca di prede.
La preparazione di un’uscita inizia a casa già qualche giorno prima della data fissata e prevede
alcuni passaggi  fondamentali: si comincia col prenotare in negozio o in pescheria l’esca da utilizzare, lasciando il proprio recapito telefonico, chiedendo di essere avvisati in caso di intoppi o imprevisti e comunicando quando si passerà a ritirarla.
Passo successivo è l’organizzazione di tutto il materiale necessario alla battuta, meglio avere a portata di mano carta e penna per segnare il mancante da acquistare e il rotto da sistemare:  verificare l’integrità delle canne e l’efficienza dei mulinelli, il funzionamento della lampada frontale e di quella di servizio se si pesca in notturna, accertarsi della presenza nella cassetta di tutta la minuteria e accessori, sistemare nel borsone stivali e abbigliamento, controllare anche picchetti, indian, sedia, ombrellone, secchio ecc. tutto deve essere funzionante per quando finalmente si sarà in pesca. Si passa quindi ad aggiustare o sostituire ciò che abbiamo trovato rotto e a rimpiazzare il materiale mancante.
Il giorno fissato un’ultima occhiata alle previsioni meteo, si passa a ritirare l’esca, si carica la macchina, senza dimenticare le derrate, e si va… fin qui la tattica.
Quando arriviamo sul posto, prima di scaricare la macchina, diamo una bella guardata alla
riva portando con noi solo il telo per segnare la postazione  e su cui poggeremo in seguito la nostra attrezzatura, se vediamo qualcuno che già pesca ci avviciniamo con educazione e discrezione per sapere come vanno le cose e capire come conviene impostare la pescata, poi due passi lungo la riva per scegliere la postazione osservando il colore del cielo, la direzione del vento, il tipo di fondale, la velocità e la direzione delle onde, la presenza o meno di un frangente definito, la presenza di imbarcazioni o di reti a poca distanza da riva: una volta fatta la scelta si stende il telo e si torna a prendere l’attrezzatura. Ciascuno di noi ha un proprio “stile” di pesca e imposta la pescata come più gli aggrada, comunque conviene piazzare due picchetti ai lati della propria postazione ad almeno 5 metri di distanza  l’uno dall’altro per definire idealmente il proprio spazio d’azione, se posizionamo al centro indian e/o “T” la distanza tra i due i picchetti sarà di almeno 8 metri.
A questo punto armiamo le canne e facciamo il primo lancio di prova senza ami per sondare il
fondo, verificare la regolare fuoruscita del filo e cominciare a “sciogliere i muscoli”, se notiamo qualche irregolarità facciamo ancora in tempo a correggerla, se tutto va bene procediamo con gli ami innescati e … si aspetta.
Se la durata della nostra battuta è superiore alle sei ore ci sarà inevitabilmente un’oretta di rallentamento, a cavallo del cambio di marea, di ogni attività: è il momento giusto per prender
fiato e dar fondo alle riserve alimentari con le lenze lasciate morbide a mollo, dopo si riprende con più energia e non è raro, al primo recupero, trovare qualche preda che aspettava già da un po’ di essere salpata.
Per nostra fortuna la tecnologia ci mette oggi a disposizione il telefonino cellulare, se dotato di fotocamera ci sarà utile per fotografare le nostre prede già sul posto, e ci sarà ancora più utile per segnalazioni al 1530 della Guardia Costiera e per richieste di aiuto a 112 Carabinieri, 113 Polizia, 115 Vigili del fuoco, 117 Guardia di finanza, 118 Pronto intervento se possibile inserite questi numeri nella rubrica e ricordatevi di portare il cellulare ben carico e di tenerlo a riparo da ondate, umidità e pioggia.
Un’ultima raccomandazione e passo al confidenziale TU come si usa tra buoni amici:  
quando finisci di pescare ricordati di recuperare tutte le tue cose, non lasciare in giro e porta via buste e scatole di plastica, grovigli di nylon o altra immondizia e quando sei a casa lava e asciuga per bene le tue attrezzature, butta il filo sfibrato e cambia ami e ancorette arrugginite.  Divertiti senza far danno agli altri, all'ambiente e a te stesso.
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


^CUCCOSAN^

  • Moderatore
  • ^Sr. Member^
  • *
  • Post: 363
  • solo gli imbecilli non si sbagliano mai
Risposta #42 il: Aprile 28, 2010, 18:33:19
Articolo scritto da Cuccosan
Autorizzo Nonnoroby ad inserire nel manuale questo articolo

Come creare facilmente le asole

Ciao Cuccosan
ho inserito il tuo apprezzatissimmo articolo nel manuale, sezione FAI DA TE
Alla tua prossima invenzione
Grazie

Post accorciato da Nonnoroby perché il testo integrale di questo articolo è già stato trasferito nel manuale.

Ciao Nonnoroby, ti ringrazio dell'aiuto, ma devo dirti che ho fatto in altra maniera: Nelle mie videate non appare il pulsante modifica, ma solamente il pulsante citazione che  ha aperto il mio post. Ho aperto un'altra finestra in contemporanea  di calabria pesca con internet ed ho trasferito i miei due post ,uno per volta. Spero di aver fatto bene, vedremo...
Ti saluto caldamente.
Cuccosan


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #43 il: Maggio 05, 2010, 17:01:31
AVVISO

E' pronto il Manuale di Beachledgering in formato PDF. I seguenti sono alcuni screenshot del manuale in formato PDF:

[IMMAGINi NON DISPONIBILE SI PREGA GLI AUTORI DI RICARICARE LE IMMAGINI GRAZIE]
L'ho preparato anche in formato CHM, che non necessita di alcun programma per essere visualizzato (è sufficiente che il sistema operativo sia Windows:  per aprirlo basta un doppio click sul file CHM). Suggerisco di scaricare entrambi i formati e di decidere in seguito quale tenere.
Questi sono alcuni screenshot del manuale in formato CHM:

[IMMAGINE NON DISPONIBILE SI PREGA GLI AUTORI DI RICARICARE LE IMMAGINI GRAZIE]

[IMMAGINE NON DISPONIBILE SI PREGA GLI AUTORI DI RICARICARE LE IMMAGINI GRAZIE]

Chiunque fosse interessato al manuale, può scaricare i due file dal sito di  MEGAUPLOAD.
Come fare per scaricare i file:
1. Per il file PDF clicca sul link megaupload.com/?d=EB4SDXI1
Nella finestra che si apre inserisci nell'apposito campo lo strano codice che vedi (il codice 'captcha') e poi clicca su SCARICA.

2. Per il file CHM clicca sul link megaupload.com/?d=1SXUZXR2
Anche qui, nella finestra che si apre, inserisci nell'apposito campo lo strano codice che vedi (il codice 'captcha') e poi clicca su SCARICA. Nota:siccome i file chm non funzionano se sono caricati nel sito ospitante in formato originale, ho dovuto prima trasformarlo in file zip. Pertanto verrà scaricato il file "Manuale di Beachledgering.zip": basta scompattare il file zip per riottenere il file in formato originale, e cioè "Manuale di Beachledgering.chm".

(il codice di sicurezza captcha, in uso presso tutti i siti che prestano servizi, serve per distinguere l'intervento umano da quello automatico di un computer e quindi evitare che il sito venga inondato di spam)

Nota 1: come avrete notato, ormai tutti i siti che forniscono servizi gratuiti sono inondati di pubblicità. Anche MEGAUPLOAD apre mezze finestre di pubblicità, che a volte nascondono parte della finestra principale: bisogna aver pazienza e chiudere le finestre della pubblicità...

Nota 2: come tutti i siti che forniscono servizi gratuiti, anche MEGAUPLOAD conserva i file che sono caricati nel suo sito per un massimo di 90 giorni, dopo di che li cancella.
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


busman

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 147
  • Chi va piano...stà sano..e va lontano..
Risposta #44 il: Maggio 05, 2010, 20:51:31
Ciao Nonnoroby

Non riesco a scaricare i file.
Mi da sempre lo stesso messaggio:

Il file al quale si sta tentando di accedere non è temporaneamente disponibile.

Cosa devo fare?  ;D ;D

.....Venite a fare un giro.......


^SURFMASTER76^

  • Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2625
  • Di fronte al mare la felicità è un’idea semplice.
Risposta #45 il: Maggio 05, 2010, 21:30:13
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Il file al quale si sta tentando di accedere non è temporaneamente disponibile.

Ho provato a scaricarlo anch'io, ma mi da lo stesso errore.
Ritentiamo domani.


Cileri

  • ^Sr. Member^
  • *
  • Post: 303
Risposta #46 il: Maggio 05, 2010, 21:51:22
Io l'ho appena scaricato senza problemi 
-inserite il codice che vi chiede
-cliccate su download ed ATTENDETE il conto alla rovescia
-cliccate su download standard/normale, NON premium
-attendete un secondino e via :D

se saltate un solo passaggio o fate diversamente non vi scarica niente..
Valerio


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #47 il: Maggio 06, 2010, 09:08:29
Purtroppo i siti ospitanti, quando offrono i loro servizi in modo gratuito, pongono dei limiti allo scarico dei file per cercare di costringerci a pagare il servizio.
Bisogna avere pazienza e ritentare l'operazione ad intervalli distanziati (p.e. ogni ora)...
Quando non vi appare più il messaggio che il file non è momentaneamente disponibile, seguite le operazioni come da figure:
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Dopo di che parte il conto alla rovescia  di ciraca 50 secondi, tanto per romperci le scatole. Attendere che finisca:
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Quando il conto è terminato, cliccate sul pulsante come da figura:
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


fralanzi

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 221
Risposta #48 il: Maggio 08, 2010, 17:11:21
ovviamente scaricato a presto la stampa su carta...=)....complimenti nonnoroby...
ps. non usate safari come browser per scaricarlo perchè non vi comparirà il tasto "regular download" a causa di un bug del programma


jona

  • ^Member^
  • *
  • Post: 31
Risposta #49 il: Agosto 30, 2010, 21:36:21
Ho appena finito di leggere tutto il post, ho scaricato il manuale, ed i complimenti vanno giustamente a tutti coloro che si sono prodigati a scrivere i vari "articoli" . Un paluso finale (non perchè ultimo) a NonnoRoby, il quale dall'alto della sua esperienza di vita e piscatoria, saggio e senza "alzare mai la voce" nell'ambito delle varie discussioni , ha pensato bene di riunifcare il tutto in questo che è un ottimo manuale da far invidia ai migliori in circolazione.
 ùùooiuuy

Grazie

Antonello


paperino

  • -Member-
  • *
  • Post: 9
Risposta #50 il: Settembre 09, 2010, 13:58:57
i due file sono uno la continuazione dell' altro? grazie
Giacomo


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #51 il: Settembre 09, 2010, 18:01:45
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
i due file sono uno la continuazione dell' altro? grazie
Ciao Paperino,
immagino ti riferisca ai due file su Megaupload: no, i due file sono identici (e quindi completi), solo che sono in due formati diversi.
Uno è in formato PDF (estensione .pdf) e l'altro in formato CHM (estensione .chm).

Per visualizzare il formato PDF ti occorre un programma apposito (Adobe Reader, Foxit PDF Reader, PDF-XChange Viewer, ecc., tutti programmi gratuiti che ti puoi scaricare: Adobe Reader è il più pesante, Foxit PDF Reader è il più leggero).

Per visualizzare il formato CHM, se il tuo sistema operativo è Windows (XP, Vista, Seven), non ti serve alcun programma: per visualizzarlo è sufficiente un doppio click sul file.chm
Nota: il file CHM, su Megaupload, è zippato, per cui prima di visualizzarlo lo dovresti estrarre (p.e. con 7-Zip).
Ciao
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


paperino

  • -Member-
  • *
  • Post: 9
Risposta #52 il: Settembre 14, 2010, 09:59:19
complimenti vivissimi per l' eccezionali spiegazioni.
Trovare Maestri così sarebbe una vera fortuna.
Volevo chiederti ancora una cosa :
La scelta del posto :In caso di mare piatto  come posso rilevare eventuali canoloni o frangenti, punti ideali per la pesca?
Occorrebbe studiare il posto durante le mareggiate, ma per chi ha poco tempo non sempre è possibile.
Occorre tenere conto sempre delle -3 +3 ore a cavallo della "alta marea" ?
E sul tipo di vento cosa puoi dirmi ?
grazie
Giacomo


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #53 il: Settembre 14, 2010, 12:17:18
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
complimenti vivissimi per l' eccezionali spiegazioni.
Trovare Maestri così sarebbe una vera fortuna.
Volevo chiederti ancora una cosa :
La scelta del posto :In caso di mare piatto  come posso rilevare eventuali canoloni o frangenti, punti ideali per la pesca?
Occorrebbe studiare il posto durante le mareggiate, ma per chi ha poco tempo non sempre è possibile.
Occorre tenere conto sempre delle -3 +3 ore a cavallo della "alta marea" ?
E sul tipo di vento cosa puoi dirmi ?
grazie
Ciao Paperino,
quando ancora lavoravo (adesso sono in pensione), dovevo far coincidere le mie giornate libere tra la passione per la pesca ed altri impegni (primo tra tutti quello verso la famiglia), per cui alla fine non ho mai dato un grosso peso allo studio delle condizioni ideali per andare a pesca: quelli erano i momenti che avevo disponibili per la pesca e quelli erano i momenti in cui potevo andare. Se poi, una volta arrivato sul luogo, le condizioni ideali coincidevano, tanto di guadagnato, altrimenti non me ne tornavo certamente a casa solo perché quelle condizioni non erano le ideali: quella era la giornata che potevo dedicare alla pesca, e quella giornata dovevo sfruttare, qualunque essa fosse (salvo naturalmente che le condizioni meteo-marine fossero talmente avverse da suggerirmi che forse era meglio desistere).
Questo preambolo solo per farti capire che se uno è malato di pesca ci va ogni volta che può, senza stare li a cincischiare troppo la sera prima a studiarsi ore di marea, bassa o alta pressione, luna crescente o calante, venti da nord o da sud, e così via. Quando potevo andare a pesca, mi ci precipitavo e mi beccavo quello che passava il convento in quel giorno o in quelle ore.
Detto questo, l'unica cosa che potevo scegliere una volta sulla spiaggia era la conformazione dei canaloni e se non erano presenti altri pescatori che già avevano occupato le postazioni migliori, naturalmente me le sceglievo.
Dopo una mareggiata, la posizione precisa dei canaloni verticali alla spiaggia sono facilmente distinguibili dalla conformazione della battigia: le punte di sabbia che si protendono verso l'acqua indicano che li c'erano i frangenti, le rientranze della sabbia indicano invece che in quel punto sono presenti i canaloni.
Più difficile è invece distinguere i canali orizzontali alla spiaggia: se sono abbastanza profondi, l'acqua è di un colore più intenso, se non sono profondi non resta che sondare il fondo recuperando lentamente il piombo e sentire dal suo movimento il punto in cui c'è la depressione sul fondo.
Per quanto riguarda le maree, è indubbio che le +3 e le -3 ore a cavallo dell'alta marea sono sempre le più proficue, ma per quanto esposto all'inizio se le tue ore di pesca non coincidono con quelle dell'alta marea bisogna solo avere pazienza: il pesce è più svogliato, ma a beachledgering può essere stimolato riducendo il più possibile la 'pesantezza' dell'apparato pescante: diametri sottili, braccioli lunghissimi e piombi leggeri.
Altra condizione fondamentale è la presenza delle correnti: in loro assenza, l'esca non fluttua o fluttua pochissimo, riducendo di moltissimo il suo potere attirante. Puoi cercare di sfruttare anche la minima presenza di corrente inserendo un flotter nel bracciolo. Anche l'utilizzo del pasturare (da bigattini o da sfarinati) può dare un valido stimolo al pesce svogliato.
Io ho allamato pesci anche in assenza di vento, ma la presenza di una brezza sostenuta, frontale o laterale, influisce tantissimo sullo stimolo dei pesci a mangiare (dalle mie parti, i venti ideali sono il maestrale e lo scirocco, naturalmente di intensità tale da consentirti di stare in pesca con l'attrezzatura leggera da beachledgering).
Infine anche la presenza della risacca, anche se debole, favorisce la pesca a beachledgering. Spesso, per invogliare le mormore, faccio anche la 'trainetta' con un piombo adatto a sollevare la classica nuvoletta di sabbia, recuperando lentamente in modo discontinuo. 
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


elfaccio

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 286
Risposta #54 il: Settembre 14, 2010, 12:54:43
complimenti davvero  a tutti quelli che hanno partecipato a qeusta stupenda guida e a Nonnoroby che è davvero una persona sempre disponibile    x;D
Spinning...True Emotions


baronmario

  • FISHING FRIEND
  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 457
  • Ascoltare Sempre. Più Esperienza. Più Sapere.
Risposta #55 il: Febbraio 17, 2011, 19:47:13
Buona sera, oggi stà piovendo molto forte, e il freddo sommato all'umidità si stà facendo sentire,
Ho deciso di andarmi a rileggere il Manuale di BeachLedgering scritto da "nonnoroby" a quattro mani con dei nostri amici che noi tutti conosciamo: "Nonnoroby - Ivo - Danieleesposito70 - Enzo - Spaghitu - Greybear - Minosse - Surfmaster76 - Cuccosan .
Se alla prima lettura mi era piaciuto molto anche, se da parte mia era stato letto molto velocemente.
Oggi rileggendolo con molta calma, soffermandomi a leggere tra le righe ho notato che questo Manuale è veramente scritto da persone competenti e preparate. IL Manuale dimostra che: Con la Passione e Amore verso l'argomento scelto il "BeachLedgering" Si possono ancora trovare Manuali veramente facili da leggere ed apprendere molte malizie che potranno aiutare ad iniziare questa meravigliosa Tecnica di Pesca anche ai più inesperti. Non vuole essere una sviolinata, ma piuttosto una constatazione fatta oggi perchè ho avuto modo di poter entrare nella lettura di questo Manuale e di entusiasmarmi nel modo in cui vengono esposti gli argomenti, nel modo più semplice possibile.
Un appunto doveroso: Con queste Dispense il Forum di "Calabria pesca on line" può vantarsi di avere tra i propri iscritti persone che con la loro Passione e Impegno, Portano a chi si vuol avvicinare per la prima volta alla Pesca la Passione e l'Amore verso il Mare.        
Ciao a tutti baronmario   "Mario"   ;D   GRAZIE RAGAZZI   ;D
La furia dei marosi sulla scogliera...
La natura... si sfoga... contro di noi.


mauriziof

  • -Member-
  • *
  • Post: 2
Risposta #56 il: Maggio 11, 2011, 21:12:44
complimenti per il manuale ...unico esempio di serio tentativo di chiarimento in questa disciplina specifica del beach ledgering.......solo un'appunto nell'analisi delle canne per il beach...che sono poche ....molte canne sono beach solo perchè con la parola serigrafate sul fusto, ma appunto manca la citazione della canna che fa da riferimento in questa disciplina la PRO BEACH M.B. di Mauro Balestri (l'inventore di questa disciplina).
al limite anche la citazione di una recente uscita di un nuovo prodotto della Tubertini :eurocasting 3 beach ;in fondo le vere beach sono poche, escludere quelle poche è un errore d'informazione.


^SURFMASTER76^

  • Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2625
  • Di fronte al mare la felicità è un’idea semplice.
Risposta #57 il: Maggio 12, 2011, 00:32:41
Ciao mauriziof, benvenuto su  ;D
prima di continuare a postare qualsiasi altra cosa, sei cortesemente pregato di presentarti nell'apposita sezione Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login, così come previsto dal regolamento e dalla 'netiquette'.
Dal momento che sei nuovo è importante che tu sappia che:
La partecipazione al forum è libera, ma è indispensabile che ogni utente si attenga e rispetti il nostro Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Logingenerale.
Nel caso tu intenda pubblicare le foto delle tue catture, è importante prendere visione anche dell'apposito Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login.
Ti prego, pertanto, di leggerli entrambi con attenzione perchè la tua partecipazione al forum di CALABRIA PESCA ONLINE implica l'accettazione integrale ed incondizionata degli stessi.
Nel caso tu intenda complimentarti con un altro utente per un motivo qualsiasi (una foto, una risposta, un suggerimento, una considerazione e così via), sei pregato di utilizzare il pulsante COMPLIMENTI (quello preceduto dall'icona di una stella rossa in alto a destra di ogni post) ed evitare semplici frasi quali 'Quoto... Complimenti... Bravo... Approvo... ecc.' per i motivi che sono spiegati Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Nel caso in cui tu intenda trattare un qualsiasi argomento all'interno del forum, sei pregato di utilizzare preventivamente la funzione CERCA e postare nei topic già aperti, che sono inerenti alll'argomento di tuo interesse
Soltanto nel caso in cui vorrai aprire una discussione su un argomento mai trattato in precedenza, potrai aprire un nuovo topic, avendo l'accortezza di crearlo nella sezione più congrua allo stesso.
Per qualunque problema o domanda inerente l'utilizzo del forum puoi chiedere aiuto in Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login sezione, saremo lieti di aiutarti.

LO STAFF DI CALABRIA PESCA ONLINE


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #58 il: Giugno 06, 2011, 10:59:41
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
complimenti per il manuale ...unico esempio di serio tentativo di chiarimento in questa disciplina specifica del beach ledgering.......solo un'appunto nell'analisi delle canne per il beach...che sono poche ....molte canne sono beach solo perchè con la parola serigrafate sul fusto, ma appunto manca la citazione della canna che fa da riferimento in questa disciplina la PRO BEACH M.B. di Mauro Balestri (l'inventore di questa disciplina).
al limite anche la citazione di una recente uscita di un nuovo prodotto della Tubertini :eurocasting 3 beach ;in fondo le vere beach sono poche, escludere quelle poche è un errore d'informazione.
Ti chiedo scusa, Mauriziof, ma pur rispettando la tua opinione personalmente non la condivido.
Il signor Mauro Balestri, come ho citato nel manuale, lo ritengo il mio maestro 'virtuale' in quanto, pur non avendolo mai conosciuto di persona, è colui che mi ha inculcato la passione per questa disciplina (tra l'altro Mauro Balestri si è letto il manuale e mi ha espresso la sua approvazione). Ma quando Mauro Balestri si è inventato questa disciplina, la sua canna Pro Beach non era neanche nell'anticamera del suo cervello e la canna di riferimento, sia per lui stesso che per tutti gli altri, allora come oggi, era ed è la Italcanna Dreaming, che è stata copiata da tutti gli altri produttori visto il grande successo che ha ottenuto.
Chiaramente, poi, la tecnologia avanza, per cui oggi hanno visto la luce sia la Pro Beach di Mauro Balestri, sia i vari modelli prodotti da Tubertini, Maver, Bad Bass, Mitchell... solo per citare alcuni dei tantissimi produttori che oggi commercializzano ottime canne da beach ledgering.
Ora, siccome è mio costume descrivere pregi e difetti di canne e mulinelli solo se li ho provati personalmente, mi sembra chiaro che per poter descrivere con il mio metodo il maggior numero possibile di canne e mulinelli dovrei essere o un commerciante di articoli da pesca, oppure essere ricco sfondato da potermi permettere l'acquisto del maggior numero possibile di canna. E siccome non sono ne l'uno ne l'altro, la mia descrizione si basa sulle caratteristiche ottimali che deve possedere una canna da beach ledgering: chi voglia seguire i miei consigli per un eventuale acquisto dovrà valutare di persona se tale o tal'altro modello possiede queste caratteristiche, per potersi orientare tra le miriadi di prodotti esistenti.
Se poi tra gli utenti del forum c'è qualcuno che possiede un determinato modello e ne fa la recensione, tanto di guadagnato per tutti quanti, l'importante è che la recensione sia basata su esperienza personale e non copiata pari pari da internet, in quanto a far questo ci siamo capaci tutti.
Per cui suggerire caldamente uno specifico modello di canna o mulinello solo per averne letta la descrizione da qualche parte e non per averla sperimentata personalmente non solo è fuorviante, ma è anche altamente scorretto, perché una recensione positiva potrebbe benissimo essere di parte solo per promuovere un prodotto.
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


Mattè

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 237
Risposta #59 il: Luglio 21, 2011, 16:25:30
ragazzi il manuale è stupendo l' ho già letto due volte...aiuta a capire tante cose anche non strettamente legate al beachledgering...come al solito grazie mille ;D


Link sponsorizzati

Tags: