Pasturazione con bigattini incollati

This is a discussion for the topic Pasturazione con bigattini incollati il the board BEACHLEGERING & BEACHLEDGERING.

Autore Topic: Pasturazione con bigattini incollati  (Letto 12902 volte)

Tony Manero

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 131
il: Aprile 05, 2013, 21:45:48
Gents,
qualcuno di voi ha mai sentito parlare o utilizzato quanto detto in oggetto?
Ho letto su un sito (non un forum) dove ha pubblicato alcuni articoli Michele Moscati - Campione Italiano di Ledgering 2010 - tra i quali parla di una tecnica di pasturazione che prevede l'utilizzo di bigattini incollati.
E' descritto con dovizia di particolari sul come realizzare questo tipo di pasturazione, ma ha omesso un piccolo particolare ....... il tipo di colla utilizzata.
Non credo che sia colla cianoacrilica o vinavil o attaccatutto .... inquinano ;D.
Forse viene utilizzata la vecchia "coccoina" (i più vecchi ..... ooooops ...... i meno giovani come me la ricorderanno). Deve essere una colla che con l'acqua si soglie dove aver preparato il bolo. Forse una soluzione a base di zucchero?
Su CPOL ho provato con la funzione ricerca ma non ho trovato niente.
Chi è in grado di rispondere?
 
IL MARE: NE ABBIAMO UNO SOLO
--------------------------------------
LA FURBIZIA E' L'INTELLIGENZA DEI POVERI ..... IDIOTI


^CUCCOSAN^

  • Moderatore
  • ^Sr. Member^
  • *
  • Post: 363
  • solo gli imbecilli non si sbagliano mai
Risposta #1 il: Aprile 05, 2013, 22:04:40
Generalmente si tratta di colla arabica in polvere, a volte è anche aromatizzata con altre sostanze. La uso quando vado a occhiate con il pasturatore oppure mescolata con della sabbia o granelli di quarzo per la pesca sul fondo con la bolognese o a PAF (solo bigattini), il tutto se uso i bigattini come esca. Facile da usare se ben usata, devi usare un nebulizzatore (almeno io faccio così) per inumidirla il giusto altrimenti rischi di fare un brodo inutile infatti basta pochissima acqua e poca colla in polvere(diciamo un cucchiaio di colla per due, tre pugni di bigattini e un paio di spruzzate di acqua del luogo)) per far incollare i bigattini, basta non avere furia, occorrono alcuni minuti perché il risultato di incollaggio sia perfetto. Unico problema è che anche le mani si incollano ma basta un pò di acqua per sciacquarle.
Personalmente il sistema mi piace se usato con la dovuta moderazione. Non ho mai usato la colla liquida per cui  posso dire niente in proposito. La trovi nei negozi di pesca oppure in mesticherie ben fornite.
Ciao.
Cuccosan


mauro61

  • ^Member^
  • *
  • Post: 81
Risposta #2 il: Aprile 05, 2013, 22:31:59
Ciao TONY la colla che ti serve è una normale colla per  bigattini , in qualsiasi negozio di pesca, non è altro che destrina di mais però attenzione di colle ce ne sono di diversi tipi :
DESTRINA per un incollaggio più leggero perciò si sfalda in pochi minuti
COLLA ARABICA per un incollaggio più solido ha bisogno  di 3-4 minuti per sfaldare
STABILIX è una colla specifica per incollare i bigattini pure se umidi.
Ciò detto è chiaro che userai la colla più adatta al tipo di pesca che vai a fare ovvero più è sostenuta la corrente più l'incollaggio dovrà essere solido in assenza di corrente l'incollaggio dovrà essere più leggero.
Ora per incollare i bigattini avrai bisogno di un secchio o  di una bacinella metti i bigattini poi li spolveri con la colla fino a che sono completamente "infarinati" poi con uno spruzzetto tipo quello dei fiori o molto più semplicemente bagnando la mano e rovistando i bigattini un po' alla volta  fino a raggiungere un composto più o meno solido in base all'esigenze Spero di essere stato sufficientemente esaustivo.
mauro61


Tony Manero

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 131
Risposta #3 il: Aprile 05, 2013, 22:53:04
Grazie per le chiare ed esaustive spiegazioni.
La mia domanda ha messo in evidenza un fatto inequivocabile: la mia profonda ignoranza in merito di tecniche di pesca.  calabria
Eppure nel frequentare i negozi di pesca e osservando gli acquisti di bigattini mai nessuno ha chiesto la colla. Forse dalle mie parti non si usa pasturare con la colla, in tanti acquistano le fionde ma la colla mai visto.
Grazie ancora.
IL MARE: NE ABBIAMO UNO SOLO
--------------------------------------
LA FURBIZIA E' L'INTELLIGENZA DEI POVERI ..... IDIOTI


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6153
Risposta #4 il: Aprile 05, 2013, 23:26:15
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
........... Forse dalle mie parti non si usa pasturare con la colla, in tanti acquistano le fionde ma la colla mai visto.
Grazie ancora.

Ed infatti l'incollaggio deve avere una sua motivazione ovvero la presenza di forti correnti che disperderebbero in pochi secondi i bigattini sciolti rendendo vana la pasturazione. I bigattini incollati, da soli o con altro materiale zavorrante, con il loro peso si depositano sul fondo davanti a noi per poi staccarsi gradualmente.
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


seabass89

  • ^Member^
  • *
  • Post: 29
Risposta #5 il: Aprile 05, 2013, 23:37:49
e si tecnica "vecchia" soprattuto usata nella ;D in acque dolci mio padre era solito preparare queste misture per insiare pesci di acqua dolce in prossimita di fiumi dove la corrente rendeva inutile la classica pasturazione con la fionda 
Esiste una sottile linea di confine fra il pescare e lo stare sulla spiaggia come un idiota.

Steven Wright


Tony Manero

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 131
Risposta #6 il: Aprile 06, 2013, 02:08:38
sempre più chiaro ed esaustivo.
Quindi deduco che pescando a ledgering con mare forza olio l'incollaggio non ha senso.
Pensavo che essendo raggruppati i bigattini, fossero maggiormente attiranti per i pesci.
 ;D
IL MARE: NE ABBIAMO UNO SOLO
--------------------------------------
LA FURBIZIA E' L'INTELLIGENZA DEI POVERI ..... IDIOTI


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6153
Risposta #7 il: Aprile 06, 2013, 10:31:27
Quanto ho detto sopra è un mio parere personale nel senso che in assenza di corrente preferisco che i vermetti scendano singolarmente e in maniera naturale verso il fondo. In questi casi quindi microfiondata di bigattini sul galleggiante. E' comunque possibile che qualcuno preferisca un deposito di bigattini incollati, sul fondo, che si staccano lentamente anche in assenza di corrente
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


_SERRA_

  • FISHING FRIEND
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 1044
  • Francesco alias _SERRA_
Risposta #8 il: Aprile 06, 2013, 11:15:49
Tempo fa avevo preparato una serie di video, non ha avuto molto seguito anche se era a mio parere una cosa ottima.
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login c'è anche come si incollano i bigattini

Ricorda di cliccare
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login e su Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


mauro61

  • ^Member^
  • *
  • Post: 81
Risposta #9 il: Aprile 06, 2013, 16:02:38
Scusa TONY ma un argomento che và opportunamente valutato è il posto dove si vuol pescare in base al fondale  .Se si pesca nei porti spesse volte si hanno fondali che arrivano a 8 ml pure se apparentemente non c'è corrente , secondo me , la fionda non và usata se si vuole pescare sul fondo , mentre invece se si pesca in acque basse ( 2 ml )  e limpide la fionda potrebbe essere determinante soprattutto se si cercano pesci da mezza acqua o da galla . Un 'altra cosa che và valutata è se il fondale è sabbioso o se c'è scoglio , ovvero se siamo in presenza di scoglio e magari c'è pure corrente a volte serrare troppo le nostre palline di bigattino si rischia che vadano tra gli scogli vanificando la pasturazione .Insomma le cose vanno valutate al momento che si pesca e molte volte proprio con il bigattino che si fanno errori di valutazione bestiali in quanto essendo molto leggero viene trasportato facilmente dalle correnti e mette in pastura i pesci dove noi non vogliamo perciò occhio.
mauro61


Tony Manero

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 131
Risposta #10 il: Aprile 07, 2013, 02:35:03
grazie ancora per i continui chiarimenti.
Ho visto nei negozi pasturatori chiusi ed immagino che andranno riempiti di bigattini che usciranno dai vari buchi lentamente, altri completamente aperti che mi ricordani i bigodini di mia madre (invece di andarli a comprare, rubo un bigodino a mia madre   x;D).
Per tenerli lì dentro occorre la colla o mischiarli a qualche pastura, ma a questo punto mi sorge spontanea un'altra domanda: una volta che il pasturatore si è svuotato del suo contenuto, chi tiene in pesca la lenza?
Deduco che un piombo serve sempre ed allora il casting di una canna da beach non può scendere sotto i 120 gr. (60-80 gr di pastura/pasturatore + 40-60 gr piombo).
Forse con queste domande sono andato in OT e magari gli argomenti sono stati già trattati.
Però se rispondete lo stesso non mi offendo  calabria
Ciao
PS: la domanda sul casting l'ho posta perchè sto valutando l'acquisto di una canna da beach. Sto leggendo una marea di vecchi post prima di porre ulteriori domande sul tema specifico "canne". Poi sono sempre i soliti problemi: 2/3 pezzi o Tele? Budget disponibile, modello ecc...
IL MARE: NE ABBIAMO UNO SOLO
--------------------------------------
LA FURBIZIA E' L'INTELLIGENZA DEI POVERI ..... IDIOTI


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #11 il: Aprile 07, 2013, 09:57:05
Prova a dare uno sguardo qui:
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


amur87

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 275
Risposta #12 il: Aprile 07, 2013, 12:08:06
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua LoginNON E' PERMESSO INSERIRE LINK COMMERCIALI

Ciao..forse questo ti può dare una mano per capire le tipologie di colla che potresti utilizzare!!!
La pesca con i bigatti incollati, seondo me, ha senso se si utilizza in condizioni di fondale basso e corrente praticamente zero...infatti, a mio parere, lo scopo per cui si usano incollati è quello di avere una "massa" di bigatti che siano vicino all'innesco..Ad umbertide, l'annoscorso, utilizzando una tecnica che prevede i bigatti incollati (vedi "pellet feeder modificato"..ne possiamo parlare se vuoi più in là), sono stati catturati una miriade di cavedani e barbi con un terminale dello 0,20 (si 0,20...), quando questi pesci a volte schifano un terminale dello o,10 e amo del 22 con singolo bigatto attaccato!!!!!
questo perchè i bigatti attaccati all'amo sono in prossimità se non dentro la massa di bigatti che fuoriescono insieme, una volta che si è sciolta la colla, dal pasturatore...
So che molti del forum i cavedani non sono il top, ma penso che lo stesso sistema si possa utilizzare, nelle condizioni specifiche, al mare, rivolgendosi ad altre prede più "pregiate"...

altro sistema, che proverò il prima possibile, è questo..che ve ne pare?

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

In questo video, si utilizzano i pellet..ma chi ci vieta di utlizzare i bigatti incollati?
 ;D
non importa la presentazione, l'esca o la canna, l'importante è crederci sempre!!!


Tony Manero

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 131
Risposta #13 il: Aprile 14, 2013, 23:04:21
Ciao,
scusate il ritardo con cui vi rispondo, ma esigenze personali mi hanno tenuto lontano da Internet.
Ringrazio tutti per i vostri preziosi consigli ed ho provato a metterli in pratica, ma mi sono scontrato con un ostacolo che non immaginavo di incontrare: ossia la canna.
Mi spiego: ho acquistato una canna della Veret (telescopica) ma non riesco a gestirla in modo corretto. Risultato ho pasturato il mare a 10 metri dalla riva per i primi lanci, con gli altri non sono riuscito ad andare oltre i 40 metri  ;D.
Insomma alla fine ho desistito dal pescare e mi sono esercitato con il lancio fino a che il moschettone del pasturatore ha ceduto e si è sganciato (però ho recuperato il pasturatore).
Vabbè, insisterò sino a lanciare correttamente e poi riprenderò l'uso del pasturatore con le sue diverse pasture utilizzabili.
Cordialità
 calabria
IL MARE: NE ABBIAMO UNO SOLO
--------------------------------------
LA FURBIZIA E' L'INTELLIGENZA DEI POVERI ..... IDIOTI


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #14 il: Aprile 15, 2013, 10:02:53
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
ho acquistato una canna della Veret (telescopica) ma non riesco a gestirla in modo corretto. Risultato ho pasturato il mare a 10 metri dalla riva per i primi lanci, con gli altri non sono riuscito ad andare oltre i 40 metri 

Quali sono le caratteristiche di questa canna? Di che modello si tratta?
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


Tony Manero

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 131
Risposta #15 il: Aprile 15, 2013, 10:48:46
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
ho acquistato una canna della Veret (telescopica) ma non riesco a gestirla in modo corretto. Risultato ho pasturato il mare a 10 metri dalla riva per i primi lanci, con gli altri non sono riuscito ad andare oltre i 40 metri 

Quali sono le caratteristiche di questa canna? Di che modello si tratta?

Buongiorno Roberto,
la canna, acquistata meno di una settimana fà, è una Veret, nuovo modello Acquarius 420.
E' da SurfCasting (ma questa definizione farà imbestialire Oltremare  calabria), telescopica con range 120-200 gr e 6 pezzi.
L'ho presa, perchè insieme al rivenditore, abbiamo valutato che il cast è sovrastimato di almeno il 20% per cui ci troviamo in realtà con un cast di circa 90-150 gr.
Con quel range si può utilizzare per PAF generica e con un pò di "fantasia" anche a Beach.
La tele dovrebbe essere più facile da gestire rispetto ad una ripartita o 3 pz soprattutto all'inizio.
Poi quando avrò maturato esperienza passeremo a qualcosa di più valido tecnicamente.

Il costo? € 100,00. Con quel prezzo avrei preso una "ciofega" di 3 pz ed allora ho optato per una valida canna telescopica.
Ho sbagliato il ragionamento?

Grazie per i tuoi commenti
IL MARE: NE ABBIAMO UNO SOLO
--------------------------------------
LA FURBIZIA E' L'INTELLIGENZA DEI POVERI ..... IDIOTI


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #16 il: Aprile 15, 2013, 11:33:57
Non è certamente una canna da surfcasting e neanche da beachledgering calabria
Però è un'ottima canna da PAF, da sfruttare con le orate.
Te l'ho comunque chiesto per cercare di capire come mai i tuoi lanci erano così limitati col pasturatore (pensavo avesse un cast molto basso e la canna non si caricasse per questo motivo), invece probabilmente devi ancora migliorare il tuo stile di lancio, per il quale ti suggerisco di dedicare maggior tempo all'allenamento col solo piombo (prova sia il 90 che il 120 g), in modo da non 'sciupare' i lanci che farai quando userai i pasturatori di pari peso complessivo (piombo + bigattini o sfarinati), con i quali dovrai centrare quanto più possibile sempre la stessa zona da pasturare, per evitare di disperdere la pastura in punti sempre diversi, che diventerebbe controproducente.
Per i bigattini incollati, una soluzione potrebbe essere la seguente: dopo aver pasturato con una serie di lanci successivi una determinata zona con bigattini non incollati (per favorirne una più rapida fuoriuscita), durante l'azione di pesca riempi il pasturatore con bigattini incollati, per rallentarne invece la fuoriuscita.
Se vuoi dedicarti in modo specifico al beachledgering, ti suggerisco però una canna adatta a questo tipo di pesca, con un cast max di 120 gr o, ancora meglio, dotata di 2 cimini, uno sino a 60 gr e l'altro sino a 120 gr, in modo da poter usare una lenza madre più idonea (max. 0.23) ed un bracciolo sottile (max. 0.20). 
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


Tony Manero

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 131
Risposta #17 il: Aprile 15, 2013, 11:53:17
Roberto,
avevo intuito che la domanda era orientata a capire il perchè dei lanci così corti da far ricadere il piombo in testa. Per questo ho cercato di dare più informazioni possibili sulla canna. Forse ho sbagliato il casting anche perchè esiste la versione 90-130 gr che è l'ideale per il Beach, ma a questo punto saranno "cacchi" per le orate. Poi per il Beach vedremo in seguito.
Comunque ho anche capito il perchè dei lanci così corti. Il piombo, ad onor del vero, arriva in cielo quindi, presumo io, che quando carico la canna e rilascio la lenza, il piombo in realtà non in linea con la canna ma è leggermente arretrato. Dovrò sicuramente ritardare di quel tanto da far sì che il piombo viaggi in "orizzontale" e non in "verticale". Oppure sbaglio anche qui?
Grazie mille
IL MARE: NE ABBIAMO UNO SOLO
--------------------------------------
LA FURBIZIA E' L'INTELLIGENZA DEI POVERI ..... IDIOTI


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #18 il: Aprile 15, 2013, 16:14:23
Magari non imposti in modo corretto la posizione di gambe e braccia durante la preparazione del lancio. Cercherò di descrivertela a parole, anche se sarebbe molto più facile farlo dal vivo. Pertanto dovrai integrare questa descrizione con la visualizzazione di uno o più filmati su YouTube.
Innanzitutto ti conviene assimilare sia il lancio above (meno potente ma più preciso, quindi molto utile per utilizzare i pasturatori), che il lancio side, più potente, con cui guadagnare metri in più quando non usi i pasturatori.
Per l'above inizia con questa postura di braccia e corpo:
1 - Posizionati di fronte al mare, mano sinistra che impugna la base del pedone e mano destra avvolta intorno al portamulinello. Inclina la testa all'indietro di circa 45° in modo che lo sguardo sia rivolto verso l'alto e anch'esso con un'angolazione di 45° dalla superficie del mare: immagina di tracciare una linea orizzontale parallela alla superficie del mare ed un'altra linea orizzontale parallela al cielo, il tuo sguardo deve essere rivolto in un punto che sta a metà strada tra la linea parallela al mare e la linea parallela al cielo


 
2 - Solleva il pugno sinistro in alto, di fronte ai tuoi occhi, in modo che il braccio rimanga bello disteso col pugno che stringe la canna in alto (in questa posizione, il punto che stai fissando come descritto in precedenza sarà adesso offuscato dal pugno sinistro, cioè si troverà dietro il pugno sinistro)

3 - Piega il braccio destro a 90° e posiziona il pugno destro che stringe il portamulinello subito dietro la nuca: con le braccia in questa posizione, la canna non sarà parallela al suolo ma obliqua, con la punta del cimino rivolta in basso ed il pedone rivolto in alto. La canna è esattamente sopra (above) la nostra testa



4 - Sposta il corpo leggermente all'indietro, in modo che il suo peso venga sostenuto quasi interamente dalla gamba destra: la gamba resterà un pò flessa, mentre il piede sinistro, di riflesso, tenderà a poggiare sul tallone con la punta sollevata (immagina che stai caricando il tuo corpo come una molla, in cui tutta la carica è assorbita dalla gamba destra).

5- Fai scendere il drop della canna sino a quando il piombo non ha toccato il suolo: il drop deve restare teso

6 - Ora devi compiere in simultanea questi movimenti:
     a) spostare il peso del corpo dalla gamba destra alla sinistra (la punta del piede sinistro toccherà il suolo, mentre il tallone del piede destro tenderà a sollevarsi)
     b) spingere in alto e in avanti il braccio destro come se fosse la leva di una catapulta
     c) richiamare in basso il braccio sinistro in modo tale che il pugno sinistro, a fine corsa, venga a trovarsi all'altezza della mammella sinistra
     d) fermare la corsa che farà la canna in avanti non quando si mette parallela al suolo (o, ancora peggio, quando scende più in basso), ma quando avrà assunto un'angolazione di circa 80° rispetto al suolo (per male che vada, fermarla anche a 90°)
     e) attendere che il piombo impatta sull'acqua.



Nota importante: la direzione che abbiamo impostata per il nostro sguardo non dovrà mai essere spostata da quella direzione per alcun motivo (almeno sino a quando non avremo liberato il filo a fine chiusura del lancio), in quanto è proprio quello sguardo puntato in quella determinata direzione che consentirà al filo di andare dritto e di compiere una parabola perfetta.

Per quanto riguarda il lancio side, dobbiamo compiere la stessa preparazione, con l'unica differenza che il pugno destro non andrà posizionato dietro la nuca ma a lato (side) della testa: il pugno dovrà trovarsi all'altezza dell'orecchio destro e la canna non si troverà più sopra la nostra testa ma sopra la nostra spalla. Questa posizione ci consente di imprimere più forza alla 'catapulta', e quindi il piombo subirà una spinta superiore. Per incrementare ulteriormente la potenza del lancio, possiamo posizionare il drop in modo trasversale dietro di noi, come se volessimo fare un "side/ground" (passami il termine...)
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


Tony Manero

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 131
Risposta #19 il: Aprile 15, 2013, 16:28:40
Roberto,
non so come ringraziarti per l'enorme lavoro che hai svolto per rispondere a questo post.
La precisione e la chiarezza di esposizione è una caratteristica che ti contraddistingue (senza nulla togliere a tutti gli altri).
Terrò a mente i tuoi suggerimenti e vedrò i filmati anche su youtube.
Ti aggiornerò sui miglioramenti e spero di sfruttare al meglio le caratteristiche di questa canna che tu hai definito "ottima per la PAF" anche con il pasturatore.
Grazie ancora ed alla prossima lezione.
 
IL MARE: NE ABBIAMO UNO SOLO
--------------------------------------
LA FURBIZIA E' L'INTELLIGENZA DEI POVERI ..... IDIOTI


Link sponsorizzati

Tags: