Montaggio Palmer

This is a discussion for the topic Montaggio Palmer il the board COSTRUZIONE MOSCHE ARTIFICIALI.

Autore Topic: Montaggio Palmer  (Letto 3284 volte)

Flyfisherman

  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 401
  • Difendiamo la natura e tutti i suoi abitanti...
il: Ottobre 03, 2008, 17:03:08
Questo tipo di costruzione, si usa qualora si volessecreare imitazioni con corpi voluminosi, e di estrema galleggiabilità...

Le imitazioni costruite in questo modo, prendono il nome di PALMER, i cui modelli più celebri e efficaci sono la BROWN BISIBLE, la WICKHAMS, ecc..

questi sono i procedimenti da eseguire per creare una PALMER (in questo caso una Brown bisible)

In quest'immagine, c'è, un filato (tinsel) che viene usato per creare le anellature alle Palmer... (non tenetene conto per la creazione di questa, non richiede anellature...)


1 col filo di montaggio marrone, partite a metà del gambo, e proseguite verso la curvatura dell'amo.
2 qui collocate una hackles di gallo marrone, per la punta...
3 a spire serrate,portate il filo di montaggio fin dove arriverà, o volete far arrivare l'hackles precedente.
4 qui, legate un altra hackles di gallo ginger, questa volta dalla base..dopo aver tolto la lanugine..
5 avvolgete la prima hackles lungo il gambo, verso l'occhiello, a spire serrate..e bloccatela con u paio di giri  di filo ben stretti.
6 avvolgete la seconda hackles fino all'occhiello, dove farete la testa con il filo di montaggio, e il nodo di chiusura.



Questa è il risultato... la vostra BROWN BISIBLE è pronta per pescare..
Una mosca che si posa leggera e perfetta sull'acqua....è come una poesia, soave per il moschista...autocostruttore...che non può fare altro che perdersi in essa accompagnato dalla natura che lo circonda e accoglie...nella sua immensa bellezza..


nick

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 202
Risposta #1 il: Ottobre 03, 2008, 18:19:41
bel topic semplice ed efficace
13 cappotti consecutivi


flyangler

  • ^Member^
  • *
  • Post: 71
Risposta #2 il: Ottobre 06, 2008, 12:27:58
Complimenti, Flyfisherman, ottima descrizione. Tra l'altro la Brown o la Bivisible oppure ancora la Tricolor sono tra le mosche che preferisco perche le ritengo molto valide. Anche la Wickham's Fancy è molto buona.
Il fatto di avvolgere una piuma dalla base e la seconda dallapunta è ottima perche permette di avere le hackle più lunghe vicino all'occhiello e fornre quindi una sagoma descrescente da occhiello a curva dell'amo. A questo proposito allora ritengo piu utile avvolgere la prima (che sara di misura piu piccola e il piu parallela possible) partendo dal calamo e la seconda dalla punta. Ma sono scelte personali...
The Gods will deduct from the allotted time of life the days spent fishing...


Flyfisherman

  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 401
  • Difendiamo la natura e tutti i suoi abitanti...
Risposta #3 il: Ottobre 06, 2008, 13:18:05
Grazie Osvaldo.
Il bello dell'autocostruzione, è questo... alla fine, l'importante è (nel caso delle palmer), che abbiamo una silhouette precisa, decrescente verso la curvatura dell'amo... poi, per il resto, ci sono centinaia di diversi tipi di montaggi...tutti validissimi...e a libera scelta del Flytiers... (Costruttori di mosche)
Una mosca che si posa leggera e perfetta sull'acqua....è come una poesia, soave per il moschista...autocostruttore...che non può fare altro che perdersi in essa accompagnato dalla natura che lo circonda e accoglie...nella sua immensa bellezza..


flyangler

  • ^Member^
  • *
  • Post: 71
Risposta #4 il: Ottobre 06, 2008, 14:19:56
Un'altra tecnica per realizzare i palmer e che ci permette di risparmiare sul costo delle hackle (ormai hanno raggiunto valori "a peso d'oro"..!) è quella di utilizzare dei peli piuttosto rigidi (ho provato con quelli di cinghiale e devo dire che funzano) applicati sul filo ad asola e poi tutto intorno il gambo dell'amo (una specie di cordoncino, un dubbing, molto peloso). Non sono identici ai palmer tradizionali ma funzano, oh, se funzano!
The Gods will deduct from the allotted time of life the days spent fishing...


Link sponsorizzati

Tags: