Pescare l'orata dai moli del porto

This is a discussion for the topic Pescare l'orata dai moli del porto il the board L'ORATA.

Autore Topic: Pescare l'orata dai moli del porto  (Letto 14410 volte)

^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
il: Febbraio 23, 2009, 20:28:41
Vi descrivo un metodo efficacissimo usato dai pescatori cagliaritani per catturare l'orata nel porto di Oristano, da sperimentare eventualmente in altri porti.

La banchina deve scendere a "picco" nell'acqua (questo particolare metodo non si può attuare in presenza di banchine scoscese o in presenza di massi frangiflutto).
La pesca va fatta in due, uno che tiene la lenza e l'altro che segue a ruota con il coppo.
La lenza, da tenere in mano, è formata da nylon del diametro 0.25, senza piombo e con un amo in acciaio robustissimo. Si apre una cozza, si stacca la polpa da una delle valve e si ammassa sull'altra valva. La valva vuota si stacca e si butta via. Si innesca l'amo nella polpa della valva rimasta e si cala in acqua per una profondità variabile dai 2 ai 4 metri (dipende a che altezza mangia il giorno l'orata, stabilita dalla prima toccata). I due pescatori iniziano una lenta "passeggiata" lungo il molo e quando l'orata viene agganciata il pescatore col coppo deve essere abilissimo a copparla al primo colpo, pena la rottura della sottile lenza (sto parlando di orate dai 4 ai 5 Kg). Salpata l'orata e reinnescato l'amo, la passeggiata prosegue.

Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


NinoRC

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 206
Risposta #1 il: Febbraio 23, 2009, 20:35:11
 >x<calabria>x<  >x<calabria>x<  >x<calabria>x< sto già comprando le scarpe  nuove  ><calabria><  ><calabria><
__________________________
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


ziolucky

  • ^Member^
  • *
  • Post: 92
  • NON COMPRIAMO LA NEONATA alias SARDELLA
Risposta #2 il: Febbraio 23, 2009, 21:42:38
Ciao Nonnoroby, giusto per capire bene, come si ferma l'esca sull amo? se l'amo suppongo robusto (di che dimensione?) e pesante non rischia di persersi l'esca nel trascinamento? e l'azione di pesca si svolge quindi a ridosso del cemento della banchina? Scusami per la mia  ignoranza e beccati i miei Salutoni.


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #3 il: Febbraio 24, 2009, 12:00:14
In effetti la mia descrizione è stata alquanto frettolosa. Vedo di rimediare.

L'amo è del N.6, quindi non enorme, ma dal filo robusto. Non c'è da sbagliare nella scelta se da un catalogo, da un depliant e (a volte) dalla stessa confezione ricavate l'informazione che trattasi di amo adatto all'orata. Naturalmente le dimensioni della cozza devono esere adeguate all'amo.

L'innesco della polpa della cozza, quando è attaccata alla valva, non è tra i più semplici e richiede una certa pratica (il mio amico Osvaldo ci impiega 1-2 secondi, altri, tra i quali io, hanno bisogno di molto più tempo): l'amo deve trapassare le parti più "dure" della polpa, si fa fuoriuscire completamente e si fa un secondo giro, facendo furoriuscire nuovamente l'amo in modo completo. In questo modo il nylon avrà formato una piccola ansa che "cuce" in qualche modo la polpa. Infine si blocca l'amo infilandone la punta sino all'ardiglione nel muscolo che tiene attaccata la polpa alla valva. Ripeto, non è una cosa semplice, bisogna impratichirsi, ma se l'innesco "viene" bene, la tenuta è assicurata e resiste ottimamente alla lenta trainetta da usare con questo metodo.

La banchina di cemento (alla quale sono attaccate le cozze di cui l'orata va a cibarsi) deve scendere a perpendicolo nell'acqua perchè la trainetta si effettua a ridosso della stessa.  Trattasi pertanto di banchine interne al porto, e non delle banchine periferiche alle quali sono sempre addossati gli enormi massi frangiflutto, sui quali immancabilmente la lenza andrebbe ad impigliarsi. Purtroppo.

Dico purtroppo perchè nel porto di Oristano sia la Guardia di Finanza che la Capitaneria rompono in continuazione le scatole, non rilasciano assolutamente i permessi e ci consentono di pescare solo dai moli periferici dai quali, come ho detto, QUESTO particolare metodo non è fattibile.

Naturalmente noi ce la tentiamo lo stesso, ma stiamo sempre in ansia a causa di questi signori. E' anche per questo motivo che, da tempo, faccio questo tipo di pesca molto saltuariamente.

Una curiosità: ma anche dalle vostre parti non rilasciano permessi?
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


robyjerk

  • Visitatore
Risposta #4 il: Febbraio 24, 2009, 12:19:24
Sì,è così un pò ovunque,qualcuno ci va a pescare nei porti,ma rischia il verbale.E poi pescare sotto stress non è bello.Io proporrei una legge che costringa le autorità portuali a far entrare i pescatori sportivi nei porti,con le dovute regole,è ovvio.Tipo:si può lanciare al massimo a 5 metri,il pescatore è responsabile di eventuali danni a cose o a persone,compreso se stesso,su richiesta delle autorità il pescatore deve spostarsi.Insomma una piccola licenza di pesca dedicata solo ai porti,che ne pensate?

Perchè i porti sono gli unici posti rimasti dove non passano le reti a raschiare il fondale,e qualche bella preda si può ancora prendere.


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #5 il: Febbraio 24, 2009, 12:42:22
Condivido pienamente. Però mi risulta che in molti porti le autorità non siano così severe e rilascino i dovuti permessi senza la minima difficoltà. E' questo che mi fa più incavolare: che certi Comandanti del porto, per non avere scocciature, liquidino il problema con molta faciloneria, al contrario di altri che sono più sensibili alle esigenze dei pescasportivi (e non sto parlando di piccoli porti come quello delle mie parti, ma di quelli molto più grandi con traffico intensissimo).
Le leggi, in modo generico, impongono il divieto di pesca nei porti, ma è lasciata ampia facoltà ai Comandanti di rilasciare autorizzazioni. Bisogna quindi aver la fortuna che nel proprio porto venga nominato uno di questi Comandanti...
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


giobio

  • ^Member^
  • *
  • Post: 28
Risposta #6 il: Febbraio 26, 2009, 12:45:06
Davvero pesca interessante


Fulippu

  • -Member-
  • *
  • Post: 23
  • Unni c'è acqua c'è pisci!
Risposta #7 il: Marzo 20, 2009, 01:27:02
sicuramente una tecnica strana...ma se da i suoi frutti ben venga!


Tags: