Pesci deformi nel Tirreno cosentino, spina bifida

This is a discussion for the topic Pesci deformi nel Tirreno cosentino, spina bifida on the board NOTIZIE E SEGNALAZIONI.

Author Topic: Pesci deformi nel Tirreno cosentino, spina bifida  (Read 15014 times)

pieruzzu

  • ^Member^
  • *
  • Posts: 39
Reply #20 on: November 09, 2015, 17:41:19
Speriamo, la fonte sembra autorevole...


pieruzzu

  • ^Member^
  • *
  • Posts: 39
Reply #21 on: November 19, 2015, 17:41:28
Volevo condividere le informazioni che mi ha fornito il sanitario che ha analizzato i pesci.
Mi spiegato come caricare le immagini?
Ho già oscurato i dati sensibili e personali.





grease123

  • ^Member^
  • *
  • Posts: 54
Reply #22 on: November 19, 2015, 22:20:05
ciao,

per le foto usa www. postimage . org  carichi li le foto e copi il 3° lin che ti rimettono qui sul tuo post .
 


pieruzzu

  • ^Member^
  • *
  • Posts: 39
Reply #23 on: November 20, 2015, 00:12:13
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


Speriamo si vedano


romano56

  • -Member-
  • *
  • Posts: 24
  • Calabria pesca on line
Reply #24 on: November 20, 2015, 09:09:17
non si legge niente


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Posts: 6153
Reply #25 on: November 20, 2015, 10:16:06
Devi cliccare sulle foto per ingrandirle.
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


Dr.chm

  • ^Member^
  • *
  • Posts: 40
Reply #26 on: November 20, 2015, 13:37:15
Questa mattina, sulla gazzetta del sud, c'era questo articolo abbastanza rassicurante:



Inoltre, vedendo le analisi pubblicate da  pieruzzu, credo che si possa stare tranquilli! calabria

Esiste la morte perchè l'uomo non potrebbe sopportare in eterno la vita!


pieruzzu

  • ^Member^
  • *
  • Posts: 39
Reply #27 on: November 20, 2015, 20:12:52
Tanto prima o poi moriremo tutti...

 calabria


Dr.chm

  • ^Member^
  • *
  • Posts: 40
Reply #28 on: November 20, 2015, 22:44:05
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Tanto prima o poi moriremo tutti...


Concordo.... inoltre chissà quanti alimenti seriamente contaminati ingeriamo ogni giorno a nostra insaputa... comunque, meglio poi che prima calabria   calabria
Esiste la morte perchè l'uomo non potrebbe sopportare in eterno la vita!


kimura

  • ^Full Member^
  • *
  • Posts: 111
  • zaanghete!!
Reply #29 on: November 20, 2015, 23:06:50
E quindi si evince che si tratta di un mutamento genetico? Altrimenti sarebbe grave se dei piccoli alletterati, forse di alcuni mesi fossero già contaminati da metalli pesanti.
Quando le circostanze ti suggeriscono di arrenderti : è il momento di perseverare, è allora che tutto avrà inizio.


Dr.chm

  • ^Member^
  • *
  • Posts: 40
Reply #30 on: November 21, 2015, 17:17:04
Si, da quanto è emerso, si tratta di un mutamento genetico... le cause non sono chiare, ma credo che l'inquinamento sia un fattore primario...
Esiste la morte perchè l'uomo non potrebbe sopportare in eterno la vita!


pieruzzu

  • ^Member^
  • *
  • Posts: 39
Reply #31 on: November 22, 2015, 17:32:31
Secondo il veterinario che ho interpellato, le mutazioni nel DNA sarebbero dovute a delle sostanze (idrocarburi) che alcune piattaforme petrolifere immettono in mare al largo della Sicilia.
Quello che non è del chiaro è se siano questi pesci a ingerirle o a respirarle oppure lo fanno le loro prede naturali, ossia sarde, alici, calamaretti ecc.
Queste sostanze però sono presenti in concentrazioni apprezzabili solo nei genitori per un fattore di accumulo; i tonnetti invece essendo giovani sarebbero esenti dal problema.
Un processo di evoluzione naturale durerebbe migliaia di anni, non un lustro, però io non sono uno scienziato.
Magari, ipotizzo da profano senza cercare un facile allarmismo, mangiandone in grosse quantità e per lunghi periodi qualcosa fanno anche a noi, ma questi sono solo dei miei pensieri senza alcuna base scientifica, basati solo su un principio cautelativo di precauzione.
E poi ditemi se evitate le supressate, nonostante siano state dichiarate ufficialmente cancerogene; io già conto i giorni che mi separano dalla prossima " 'du puarcu"...

My 2 cents


Tags: