GUIDA ALLA PESCA ALL’INGLESE IN MARE

This is a discussion for the topic GUIDA ALLA PESCA ALL’INGLESE IN MARE il the board PESCA ALL'INGLESE & BOLOGNESE.

Autore Topic: GUIDA ALLA PESCA ALL’INGLESE IN MARE  (Letto 145151 volte)

^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
il: Giugno 11, 2010, 02:43:30
GUIDA ALLA PESCA ALL’INGLESE IN MARE

di Nonnoroby

Descrizione generale
Sono convinto che ormai siano ben pochi quei pescatori che non sappiano che la pesca all’inglese fu scoperta da noi italiani durante i campionati del mondo tenutisi sull’Arno a Firenze nel 1985, dove gli inglesi ci batterono solennemente e noi ci classificammo secondi anche per merito del grande Roberto Trabucco, oggi simpatico ed attempato produttore/distributore di articoli da pesca di interesse internazionale.
I nostri restarono colpiti da quegli strani galleggianti dal corpo tozzo e da una lunga antenna della quale sporgeva dall’acqua solo un centimetro scarso della punta, oltre che da quelle particolari canne in tre pezzi piene zeppe di microscopici anelli passafilo, quando quelle usate dai nostri, le classiche bolognesi, presentavano un solo anello per sezione.
Restarono colpiti anche dalle notevoli distanze a cui gli inglesi riuscivano a piazzare i loro galleggianti.
Ma quello che soprattutto colpì fu il notare che gli inglesi tenevano il cimino della canna completamente immerso nell’acqua e che i loro galleggianti, nonostante la brezza, non ‘scorrazzassero’ da nessuna parte ma restassero ben fermi nel punto iniziale in cui erano stati lanciati, senza dover fare quindi continue rettifiche per riportarli sul punto iniziale, dove ormai era stata fatta la giusta pasturazione. E gli inglesi vinsero proprio per questo: i loro galleggianti pescavano nel punto esatto in cui avevano pasturato con accuratezza.
Si scoprì poi che gli inglesi usavano anche una nuova ‘diavoleria’, frutto di nuove tecniche sulla pastosità  del nylon, e precisamente il filo affondante, e che proprio perché immerso non offriva appigli al vento e quindi non veniva trascinato via dalla zona di pesca così ben preparata e pasturata.
Col passare degli anni anche questa disciplina, tipica delle acque dolci, fu trasferita, come già era avvenuto per la bolognese, in acque salate e si videro i primi pescatori pescare ‘al colpo’ anche in mare.
Quello che fu subito evidente era la difficoltà di riportare pari pari la stessa metodologia in un ambiente, quello marino, dove le condizioni ambientali erano fortemente condizionate da un evento meteorologico che nelle acque dolci era facilmente affrontabile col metodo all’inglese, mentre in mare lo stesso metodo aggravava solamente la situazione: la presenza del vento.
Mentre nelle acque dolci il vento non crea effetti così rilevanti, salvo forse che nelle grandi distese dei laghi, e col ‘trucco’ di affondare la cima della canna e l’utilizzo di filo affondante si riesce ad affrontare la situazione senza problemi, in mare invece il vento causa uno stravolgimento della superficie dell’acqua dando origine alla formazione delle onde. Il trucco di affondare il cimino e di utilizzare il filo affondante non solo non risolve il problema, ma addirittura lo aggrava, in quanto il moto ondoso si trascina dietro il filo (e di conseguenza il galleggiante) causando non solo lo spostamento del galleggiante dalla zona di pesca, ma facendo correre il rischio di causare addirittura lo spiaggiamento o l’arroccamento di filo e galleggiante. Il galleggiante inglese resiste molto meglio al moto ondoso rispetto al galleggiante classico, ma non così il filo. Si è così arrivati alla prima modifica del sistema adottando due semplici accorgimenti: eliminare il filo affondante ed utilizzare una classica canna bolognese dalla lunghezza decisamente maggiore, che consente nei limiti del possibile di mantenere il filo alto sul livello delle onde.
Nota: stiamo ovviamente parlando di un vento e di un relativo moto ondoso sostenibile, non certamente di condizioni da meteo-surf.

Questa è probabilmente la sostanziale differenza tra  inglese in acque dolci ed inglese in mare. Se le condizioni meteo-marine sono buone, oppure se peschiamo da luoghi riparati o da banchine dei porti, la tecnica adottata nelle acque dolci può essere riportata pari pari nelle acque salate. Per quanto riguarda questa guida, però, la descrizione che verrà fatta sarà quella della pesca all’inglese in mare, e che le eventuali coincidenze con quella fatta nelle acque dolci la ritengo puramente casuale, non avendo alcuna nozione specifica sulla pesca all’inglese originale, quindi praticata in acque dolci. Quello che so di certo è che nelle condizioni di mare avverse di solito è sufficiente eliminare il filo affondante ed usare una lunga bolognese al posto di una canna inglese.

Passiamo ora alla descrizione dell’attrezzatura

Canna
La canna da pesca inglese (match rod, da match fishing, il termine inglese di ‘pesca al colpo’) differisce dalle canne bolognesi sia per struttura fisica che per concezione di utilizzo, ed è studiata particolarmente per dare maggior efficacia alla sua azione preminente, che è quella di consentire lunghi lanci di galleggianti che possono arrivare a grammature anche notevoli.
Sono generalmente in 3 pezzi ad innesto e dotate di un gran numero di anelli passafilo di piccolo diametro, ed entrambi questi accorgimenti ne favoriscono appunto questa caratteristica.
Hanno per lo più azione parabolica per ammortizzare meglio i tentativi di fuga dei pesci, in modo che la forza non venga scaricata solo sul filo ma anche sulla canna, consentendo pertanto l’utilizzo di ‘bave’ più sottili che, come ben sappiamo, si rivelano più catturanti specialmente quando abbiamo a che fare con prede molto sospettose. Canne più rigide hanno invece la tendenza a scaricare la forza prevalentemente sul filo, che se è particolarmente sottile potrebbe spezzarsi con facilità.
La loro lunghezza varia dai 12 piedi (mt 3,65) ai 15 piedi (mt 4,57) ed il loro cast (potenza di lancio) varia dai 5-15 gr per le prime ai  15-30 gr per le seconde.

Nota: le canne inglesi per il mercato italiano, a parità di lunghezza, possono superare anche di molto questi cast per venire incontro ai gusti dei pescatori italiani, che in genere preferiscono canne meno ‘mollaccione’. Sempre per questione di gusti, in Italia vengono commercializzate anche canne inglesi telescopiche, ad imitazione delle bolognesi.

Un’altra caratteristica che contraddistingue la match rod è la lunga impugnatura di sughero che può estendersi anche per 75-80 cm, ed il portamulinello che è formato da 2 anelli sagomati in alluminio o grafite che, strozzando il piede del mulinello contro il sughero, ne assicurano il fissaggio.
 
Anche per quanto riguarda questi anelli, stiamo assistendo alla loro graduale scomparsa per essere sostituiti da portamulinelli classici, mentre l’impugnatura in sughero ancora resiste.

Chi, per qualsiasi motivo, non si sente particolarmente attratto dalla match rod (che uno dei miei più cari amici di pesca definiva affettuosamente ‘il violino’), può utilizzare benissimo una bolognese che ne rispecchi le caratteristiche: calano notevolmente le performance sul lancio di pesanti galleggianti, ma salvo casi particolari non è necessario raggiungere distanze da primato.

Mulinello
Non esistono mulinelli specifici creati appositamente per la pesca all’inglese, a meno che non si vogliano considerare tali quelli dotati di Bait Runner. Le caratteristiche che maggiormente interessano i pescatori inglesi (che badano più alla sostanza che all’apparenza) sono la maneggevolezza (quindi piccoli e leggeri), la capacità di fare lunghi lanci (quindi bobina conica) e l’elevata velocità di recupero per il reinnesco ed il rilancio. Però noi italiani, che abbiamo un innato gusto estetico (per il quale, diciamolo pure, siamo invidiati), probabilmente preferiremo puntare su un mulinello più completo e dotato:
-   misura da 2000 a 3000 (max. 4000)
-   bobina conica
-   recupero a spire incrociate
-   nottolino guidafilo di grandi dimensioni su cuscinetto a sfera
-   almeno altri 4 cuscinetti come minimo
-   velocità di recupero da 5:1 a 6:1
-   ingranaggi in bronzo
-   frizione millimetrica
-   almeno 2 bobine di ricambio
-   ottima fattura complessiva
-   aspetto aggraziato
   
Filo
Abbiamo già visto nell’introduzione come il filo da imbobinare per la pesca all’inglese debba avere una caratteristica peculiare: non deve galleggiare nell’acqua ma deve affondare.
Tutti i fili di nylon assorbono acqua. Per ridurre questa caratteristica vengono usati vari accorgimenti (quali per esempio la siliconatura o altri ingredienti che vengono aggiunti alla pasta di base durante la polimerizzazione, prima della filatura). Il match line (il filo affondante) subisce un processo particolare per il quale, pur assorbendo acqua per affondare, questa tuttavia non indebolisce la sua struttura, cosa che invece avviene per i fili normali quando perdono qualcuna delle loro caratteristiche iniziali.
Ovviamente i produttori hanno ciascuno i propri ‘segreti’ e, come per tutte le cose, ci sono marche e modelli di filo che sono migliori di altri. Una caratteristica un po’ in contrasto con quelle che dovrebbe avere un filo da bobina è che il match line è alquanto rigido, mentre i migliori fili da bobina dovrebbero essere morbidi. Però il basso diametro dei fili sopperisce in parte a questo inconveniente.
In presenza di moto ondoso, per quanto detto in precedenza, è altamente sconsigliabile il match line.
Disponendo di 3 bobine, si possono utilizzare i diametri 0.14,  0.16 e 0.18. Se in qualche spot sono segnalati pesci di grossa taglia e preferiamo non rischiare, possiamo arrivare anche allo 0.22.
Per il montaggio del terminale (che vedremo più avanti) serve poi uno spezzone di filo di 5-6 centesimi superiore alla madre (p.e. madre 0.14, spezzone 0.20), che va interposto tra la madre ed il bracciolo in modo da impedire che durante il lancio quest’ultimo vada ad aggrovigliarsi nel galleggiante o nel resto della lenza (una specie di ‘coda di topo’).
Come bracciolo si utilizzano fili sottili da 0.10 a 0.14 (ovviamente in proporzione alla madre) che possono essere anche in fluorocarbon.

Galleggianti
Ed eccoci arrivati all’aspetto più caratteristico di questa pesca: i galleggianti all’inglese. La prima cosa che colpisce è la loro forma, così diversa da quella dei comuni galleggianti da bolognese. La seconda cosa è la loro pre-piombatura. La terza cosa è il modo in cui vengono collegati alla lenza: all'apice del corpo sono dotati di un anellino entro cui scorre la lenza, metodo questo che ha contribuito a coniare per essi il termine di ‘wagglers’ (dondolatori: se teniamo tra le mani un pezzo di lenza in cui abbiamo infilato un galleggiante inglese e muoviamo le mani a destra e a sinistra, ci rendiamo subito conto del perché di questo nome):




I wagglers si suddividono (vedi figure più avanti) in Bodied (‘panciuti’), Straight Loaded (‘zavorrati dritti’) e Stick Float (‘bastoncini senza zavorra).
I bodied e gli straight loaded contengono ad una estremità un’appendice di piombo o di ottone fissata saldamente al corpo che ha lo scopo di conferire queste funzioni: funge da zavorra per appesantire il galleggiante in modo che possa essere lanciato più facilmente; conferisce più stabilità al galleggiante; consente un minor scarroccio in presenza di correnti. Gli stick float sono invece privi di zavorra (e sono utilizzati tantissimo come galleggianti scorrevoli con la bolognese).
Cominciamo poi col notare lo ‘strano’ metodo con cui vengono stampati i numeri che contraddistinguono la loro grammatura: 2+1, 4+1, 6+2 ecc., che crea forte curiosità in chi, per la prima volta, si imbatte su questi insoliti galleggianti nel bancone del negoziante. Il primo numero indica il peso del solo galleggiante, il secondo numero indica il peso max. in grammi della zavorra aggiuntiva (indicata dal segno +) che bisogna applicare alla lenza perché venga fatta affondare senza però tirarsi giù anche il galleggiante: in parole più semplici 2+1 significa che il galleggiante, di per se, pesa 2 gr e che è in grado di sostenere un ulteriore grammo aggiuntivo da applicare alla lenza. Mentre, volendo, è possibile applicare un peso aggiuntivo inferiore a quello dichiarato, un peso superiore farebbe inesorabilmente affondare il galleggiante. La zavorra aggiuntiva, come vedremo meglio nella descrizione dei terminali, può essere costituita da un pezzo unico oppure da un insieme di pallini il cui peso complessivo non superi quello dichiarato.
La seconda cosa da notare è che all’apice della zavorra inserita nel corpo del galleggiante è presente un anellino che serve per ‘appenderlo’ alla lenza: o si fa passare direttamente la lenza dentro l’anellino, oppure nella lenza viene inserita una speciale girella munita di moschettone, per cui l’anellino viene agganciato al moschettone. La prima soluzione non consente la sostituzione rapida del galleggiante (se non tagliando la lenza), la seconda invece consente una sostituzione rapida. Entrambe le soluzioni presentano pro e contro: la prima non consente la sostituzione rapida ma crea meno appigli durante il lancio; la seconda esattamente il contrario. Questo metodo di appendere il galleggiante gli conferisce un’oscillazione ondulatoria che gli ha dato il nome (waggler).

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Se si ha difficoltà a reperire questo utilissimo accessorio, si può ricorrere ad una piccolissima micro girella N. 22 munita di moschettone.
Va infine notata la lunghezza notevole del galleggiante, che ha il duplice scopo sia di favorire il lancio che di favorire l’affondamento del filo. Per aumentare l’efficienza durante il lancio, le lunghe aste del galleggiante sono spesso dotate di alette come le frecce di un arco.
 
Galleggiante bodied (panciuto).        
Come si vede dalla figura, il bodied è costituito da un corpo abbastanza massiccio e goffo (panciuto, appunto) costruito in legno di balsa. Ad una estremità è attaccata la zavorra sagomata (in piombo od ottone) solidale con un anellino che serve per appenderlo alla lenza. Dall’altra estremità fuoriesce una lunga asta (penna di pavone o plastica), dotata o meno di alette direzionali. La zavorra favorisce i lunghi lanci, la lunga asta (specie se dotata di alette direzionali) serve per stabilizzare il galleggiante durante il volo, oltre che favorire l’affondamento del filo una volta raggiunta l'acqua. La zavorra può essere fissa o variabile: quest’ultima è dotata di un’astina filettata sfilando la quale è possibile aggiungere o togliere piccoli dischetti di piombo o di ottone per variare il peso complessivo del galleggiante. Questo metodo di regolazione ‘fine’, per la verità, non è molto diffuso e (secondo il mio parere, ovviamente) è riservato ai veri maniaci della pesca all’inglese, che vogliono intervenire anche nei minimi dettagli.
L’utilizzo dei bodied (di solito in elevate grammature) è suggerito quando si vogliono raggiungere lunghe distanze oppure quando si pesca in situazioni di forti correnti.





Straight Loaded (‘zavorrati dritti’)
Sono galleggianti a forma di tubo dritto in plastica in basse grammature (2+1, 3+1) e vengono utilizzati quando non è necessario raggiungere lunghe distanze e quando è necessaria una maggior leggerezza di tutto l’apparato. La forza della corrente deve essere assente o molto debole.

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Stick Float (bastoncino senza zavorra)
Anche questi galleggianti sono a forma tubolare ma assolutamente privi di zavorra incorporata. Questo suggerisce che vanno usati in tutte quelle occasioni in cui è necessaria un’estrema sensibilità e in tutte quelle occasioni in cui è possibile calarli senza doverli lanciare (quindi da usare con lunghe bolognesi di 6-7 mt e oltre), da moli, porti, porticcioli, pontili e rocce con alti fondali sottostanti ed al riparo dal vento e onde.

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Accessori
Girelle.
Le girelle servono per congiungere tra loro le varie parti che compongono la lenza all’inglese (vedi sezione Terminali). La buona qualità dei materiali usati oggi per la costruzione nonché quella dei macchinari che servono per assemblarle, ci consente di usare un’unica misura piccolissima di micro girelle (la cui numerazione varia dal N.18 al N.22 a seconda della marca).
Sono da scartare quelle classiche (ed antiche) a barilotto in ottone, assolutamente inadeguate per carico di rottura e scarico delle torsioni. Tra le migliori, segnalo le Mustad cromate.

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Non tutti gradiscono un uso intensivo delle girelline, preferendo unire le varie parti della lenza con un nodo. Bisogna allora porre particolare attenzione a scegliere il nodo più adatto: trattandosi di unire spezzoni di lenza di diametro variabile tra loro, suggerisco di specializzarsi in un unico nodo che si è rivelato tra i più efficaci nella congiunzione di lenze in diametri o material diversi (nylon+fluorocarbon), e cioè l’Albright Special:

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Piombini
L’argomento sui piombini merita un trattamento molto approfondito, in quanto da essi dipende non solo la perfetta taratura del galleggiante ma l’integrità stessa della lenza.
Quelli che dobbiamo utilizzare sono i piombini calibrati: la particolarità di questi piombini risiede in un taglio perfettamente centrale e nella consistenza del piombo detta consistenza media, cioè non sono né troppo duri ne troppo morbidi. Ciò viene garantito da una piccolissima percentuale di antimonio, che rende la struttura del piombo dura al punto giusto, oltre che a funzionare da anti ossidante (rallenta cioè la formazione di quella patina biancastra che dopo un po’ di tempo si forma sul piombo a causa dell’umidità). La salinità dell’acqua aumenta l’ossidazione dei piombini, che è anche la prima causa del loro sfaldamento: questi piombini deteriorati vanno subito sostituiti usando l’apposita pinza levapiombo creata dall’onnipresente Stonfo:

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Ma il vantaggio maggiore dato dai piombini calibrati è il loro perfetto taglio centrale (taglio calibrato, da cui il nome) privo di qualsiasi sbavatura e che consente il loro esatto posizionamento sulla lenza senza che intacchino il filo, uno dei peggiori nemici occulti del nylon. E’ stato calcolato che un piombino tagliato bene ed applicato in modo corretto riduce la tenacità del nylon del 5%, contro il 50% di un piombino tagliato male ed applicato peggio. Inoltre i piombini calibrati sono perfettamente sferici. I migliori produttori di piombini calibrati sono (manco a dirlo!) gli inglesi.
La grandezza dei pallini è contraddistinta da un numero, ciascuno dei quali corrisponde ad una determinata grammatura del pallino. Sotto è riportata una tabella di comparazione della numerazione standard e di quella inglese: mentre la numerazione standard è approssimativa (in quanto dipende dalla casa produttrice), la numerazione inglese è specifica ed ogni numero corrisponde ad una grammatura ben precisa a prescindere dal produttore (notare come i numeri, per certe grammature, sono sostituiti dalle lettere dell’alfabeto):

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Molti produttori indicano comunque nelle confezioni l’esatta corrispondenza tra numeri e grammature dei propri pallini.
I piombini calibrati consentono inoltre la loro perfetta centratura sulla lenza, che non è solo una questione estetica, in quanto nei fili più sottili consente alla lenza di distendersi in modo più uniforme sia in fase di pesca che di lancio, limitando i grovigli dovuti proprio al lancio. Per centrare perfettamente un piombino sulla lenza è però indispensabile abbinare il più possibile la grandezza dei pallini al diametro del nylon. Quella sotto è una tabella che indica il rapporto tra la numerazione di un pallino calibrato ed il diametro del nylon a cui andrebbe applicato, per ottenere la centratura del piombino:

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Ovviamente ognuno potrà ricavarsi l’esatto abbinamento facendo le dovute proporzioni in base alle indicazioni della tabella.
Infine un suggerimento da non sottovalutare: a volte è più conveniente asportare un pallino mal posizionato e metterne uno nuovo, anziché farlo scorrere lungo il nylon. Per chi non vuole perdere tempo, ricordarsi di inumidire sempre il nylon prima di far scorrere i pallini e, soprattutto, non farli scorrere a gruppi ma singolarmente.

Esche ed ami
Le prede insidiabili con la pesca all’inglese in mare sono molteplici: diciamo che tutti i pesci costieri sono catturabili. Per nostra fortuna la variabilità degli ami e delle esche può essere limitata e non ci costringe ad adottare un amo o un’esca specifica per ciascuna specie. Per quanto riguarda le esche, la parte da leone la fa il bigattino, seguito dagli anellidi, dal gamberetto vivo e dalla mollica di pane o dalla pastella. Queste sono le esche più sperimentate e sono moltissimi i pescatori che usano quasi esclusivamente il bigattino.
E siccome l’amo deve essere proporzionato all’esca, possiamo adottare, volendo, due sole misure, la N.12 e la N.14. Ovviamente ciascuno è poi libero di usare la numerazione che vuole, però vi posso assicurare che queste due numerazioni sono più che sufficienti per affrontare tutte le situazioni, dallo sparlotto alla spigola che supera abbondantemente il kg.
Per quanto riguarda il modello di amo, personalmente ho deciso di usare esclusivamente quelli ad occhiello anziché quelli a paletta, e questo da quando i migliori produttori di ami (ovviamente i giapponesi) hanno immesso sul mercato ami con occhielli così microscopici da avere un volume addirittura inferiore a quello della paletta. Inoltre gli ami ad occhiello sono più veloci e meno complicati da legare, vantaggio questo da non sottovalutare se siamo costretti a sostituire l’amo durante una battuta notturna mentre il pesce sotto di noi è al massimo dell’attività.

Terminali
Ed eccoci arrivati alla parte che, son sicuro, attendevate con più ansia: la preparazione dei terminali.
Ma prima di addentraci nel loro assemblaggio, è utile tener presenti queste considerazioni.
Dalla descrizione fatta nell’introduzione, se ne deduce che la tecnica all’inglese produce dei vantaggi rispetto alla classica pesca con la bolognese, non fosse altro perché ci è costato il campionato del mondo del 1985… Tra questi annoveriamo:
- una maggior sensibilità alle tocche dovuta sia alla particolare conformazione del galleggiante che al suo sistema di collegamento alla lenza: anche la toccata più timida viene segnalata da questo sistema
- una ferrata più pronta in quanto la lenza (al contrario di un galleggiante bolognese) è sganciata dal galleggiante e quindi non deve ‘trascinarselo dietro’ al momento della ferrata: c’è una linea diretta tra amo e cimino senza l’interposizione del galleggiante
- l’immersione completa del filo affondante e del cimino della canna evitano gli effetti di trascinamento dovuti al vento di cui soffre il filo tradizionale e quindi il conseguente scarroccio del galleggiante lontano dal punto di pesca
- la facilità con cui si può sostituire il galleggiante (ovviamente mediante l’interposizione dell’apposito accessorio), cosa che invece nella bolognese con galleggiante classico poteva avvenite solo tagliando la lenza
- annullamento quasi totale dei grovigli dovuti al lancio (o alla presenza di vento frontale) per la particolare montatura all’inglese.

La prima scelta da fare è se montare il galleggiante in posizione fissa o scorrevole. Col passare degli anni vi accorgerete di preferire un’impostazione più di un'altra, e ciò è dovuto a molteplici fattori tra i quali hanno la prevalenza i gusti personali, i successi ottenuti e la frequentazione di spot fissi. Al sottoscritto, che ha la fortuna di abitare in un luogo relativamente vicino al mare ed a spot particolarmente adatti alla pesca all’inglese, è per esempio venuta la ‘fissa’ di usare in prevalenza il galleggiante scorrevole, riservando solo ad alcuni spot l’utilizzo del galleggiante fisso. Però un ‘trucco’ c’è per aggirare l’angoscia che a volte ci attanaglia quando ci troviamo a pescare in una zona poco conosciuta, oppure quando lo stesso spot, in quel determinato giorno, non vuol sentirne di regalarci una preda neanche a pregarlo in ginocchio: portarsi sempre dietro due canne armate una con il fisso e l’altra con lo scorrevole.
Negli esempi che seguono è stata presa in considerazione una lenza madre con diametro di 0.14 mm, bracciolo con diametro di 0.10 mm, amo N.14 e galleggiante bodied. Per diametri maggiori è sufficiente fare le dovute proporzioni.

Nota: le figure dei terminali non sono volutamente in scala per mettere in risalto particolari più caratteristici di altri.
 
Galleggiante in posizione fissa

a) Pesca a fondo su bassi fondali. Galleggiante Bodied.
Un galleggiante fisso ovviamente impone che il fondale sia adeguato alla lunghezza della canna (p.e. usando una canna da mt 3,60 il fondale non deve superare i 2,6 mt). Bisogna cioè che ci sia almeno 1 mt di tolleranza tra la lunghezza della canna e la profondità max. del fondale, in quanto bisogna tener conto della curvatura che assumerà la canna con il pesce agganciato. Se non calcoliamo questa tolleranza, non riusciremo neanche ad avvicinare il pesce a portata di guadino, specialmente se è di grosse dimensioni.
Per evitare ingarbugli durante il lancio, è meglio interporre tra lenza madre e bracciolo uno spezzone di 1,5 mt di nylon di diametro più grosso (p.e. 0.20), che per comodità (anche se impropriamente) chiamerò ‘coda di topo’, e su cui andranno attaccati i pallini calibrati. La coda di topo serve da anti groviglio sui lunghi lanci, ma se non facciamo lanci esagerati (diciamo sui 10 mt) e soprattutto se li ‘accompagniamo’, è meglio evitare la coda di topo, in quanto rappresenta pur sempre un ispessimento dell’apparato pescante. Sui lunghi lanci diventa invece indispensabile per evitare i grovigli. Per la stessa ragione, dobbiamo diminuire la lunghezza del bracciolo (max. 1 mt), per eventualmente aumentarlo se non facciamo lanci lunghi. I pallini calibrati, ammassati in due gruppi, vanno messi a ‘scalare’ di grossezza, mettendo il più piccolo vicino alla girella del bracciolo per poi aumentarli di grossezza man mano che si sale verso il galleggiante. E’ ovvio che il peso complessivo di tutti i pallini (compreso i due che fungono da stopper per il galleggiante) non deve superare quello massimo sopportato dal galleggiante: usando una bottiglia di plastica piena d’acqua, oppure l’apposito dosa pallini della Stonfo, possiamo regolarci con precisione sulla quantità di pallini che il galleggiante può reggere.

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Stoppaggio della lenza. Questo accorgimento, che è indispensabile nei due metodi di pesca descritti sotto, ma è valido per tutti i tipi di lancio, consiste in questo: appena fatto il lancio, quando ci accorgiamo che il galleggiante ha raggiunto la distanza che ci interessa, distendiamo completamente il braccio in avanti con un’inclinazione di 45° e facciamolo poi scendere lentamente verso la superficie dell’acqua sino a quando la canna non vi si trovi parallela. Contemporaneamente, durante la discesa del braccio, appoggiamo il dito indice sul bordo della bobina del mulinello per fermare la fuoriuscita del filo, ‘stoppandolo’. Quando il galleggiante sta per toccare l’acqua, riportiamo velocemente il braccio ad un’altezza di 45°. Questo stoppaggio favorisce la distensione completa del filo, che a sua volta diminuisce notevolmente il ‘ritorno’ del bracciolo e del terminale sulla lenza madre o sul galleggiante, evitando così un possibile groviglio. Chiudiamo quindi l’archetto.
 
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Terminale per pesca a fondo su bassi fondali

b) Pesca che sfrutta la calata. Galleggiante Bodied.  
Questo metodo è rivolto a quei pesci che sono soliti mangiare seguendo l’esca che si sposta lentamente dalla superficie verso il fondo. Personalmente l’ho battezzata “anti noia”, in quanto ci tiene sempre occupati tra recupero e rilancio continui e si rivela veramente micidiale con quei pesci che hanno quelle abitudini (tra i quali c’è anche la spigola).
I pallini da usare sono di grammatura piccola (con una scalatura poco accentuata) e vanno posizionati distanziati tra loro.
Questo metodo è fortemente legato alla buona esecuzione dello stoppaggio della lenza descritto sopra. Questo è il disegno del terminale:

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Terminale che sfrutta la calata

b) Pesca a galla o a mezzo fondo. Galleggiante Bodied con supporto ultra leggero.
Questo metodo richiama molto da vicino quello appena visto, ma con queste differenze: non dobbiamo lanciare e recuperare in continuazione e la lenza non scende sul fondale, in quanto pesca appena sotto la superficie o a mezz’acqua (metodo micidiale per occhiate, boghe, surelli, lecce stella, ecc.). Come galleggiante ci serve un bodied per poter fare lunghi lanci, ma adatti a reggere un peso il più basso possibile, in quanto la lenza deve stazionare tra la superficie ed il mezzo fondo. I pallini da usare sono quindi pochi e leggerissimi e la coda di topo va ridotta a 40 cm max. Data la leggerezza del terminale, estremamente soggetto ai ‘ritorni’ sulla madre e sul galleggiante, bisogna acquisire una notevole capacità nello stoppaggio della lenza.

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Terminale per pesca a galle e a mezzo fondo

Galleggiante in posizione scorrevole

Pesca a fondo su alti fondali. Galleggiante Bodied.
Il terminale per questo metodo è una via di mezzo tra la Pesca a fondo su bassi fondali e Pesca che sfrutta la calata, dalle quali si differenzia per l’assenza dei due pallini stopper del galleggiante e dall’inserimento di un peso superiore in pezzo unico (pallettone o torpilla) appena sopra la spallinatura.
Il pallino di stop a monte del galleggiante deve essere sostituito da un nodino di stop fatto con un filo di seta (o altro materiale), in quanto questo nodino è soggetto a continui spostamenti per adeguare l’altezza del terminale a quella del fondale, ed il materiale di cui è fatto lede in maniera molto meno cruenta il nylon rispetto al pallino di piombo. Lo stop a valle del galleggiante viene invece dato dal pallettone o dalla torpilla. Bisogna usare una zavorra in pezzo unico in quanto questa favorisce notevolmente la velocità di discesa rispetto alla sola spallinatura.
Suggerimento: tra il nodino di stop ed il pallettone inserire due micro perline che evitano la battuta diretta dell'anellino del galleggiante sul nodino e sul pallettone. La perlina superiore evita che l'anellino possa fuoriuscire dal nodino, quella inferiore che l'anellino batta direttamente sul pallettone o sulla torpilla.

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Terminale con galleggiante scorrevole

In tutti gli esempi visti sin qui è stato preso in considerazione il galleggiante Bodied in quanto abbiamo supposto di poter raggiungere il punto di pesca solo con lunghi lanci.
Ove questo non fosse necessario, chiaramente non dobbiamo ricorrere ai bodied, ma ci conviene usare i Straight Loaded (per lanci brevi) o i Stick Float se dobbiamo solo calare la lenza sotto i nostri piedi o appena più in là.
La preparazione dei terminali invece non varia, in quanto è indipendente dal galleggiante usato. Possiamo però evitare di usare la coda di topo.
Suggerimento per lanci brevi. Non dovendo imprimere forza, un lancio a breve distanza ci conviene farlo stando in posizione eretta: tenere la canna davanti a noi bassa sulla superficie dell'acqua e sollevandola velocemente verso l'alto liberare la lenza (anziché fare la classica frustata).

La pesca ibrida inglese/bolognese  
Tutto quanto esposto sino a questo punto riguarda i puristi della pesca all’inglese in mare, che in alcuni passaggi può anche differire dall’originale pesca al colpo in acque dolci, per la quale rimando alla lettura dei testi specifici redatti dagli specialisti del settore.
Ma in Italia il tipo di pesca più diffuso in acque salate che maggiormente si avvicina alla pesca all’inglese in mare è la pesca ibrida, che è un misto tra la pesca all’inglese e quella con la bolognese, e che moltissimi confondono con la vera pesca all’inglese, vista la grande somiglianza tra i due tipi. Le differenze fondamentali risiedono in:
- Canna. Per la pesca ibrida si usano solamente canne bolognesi, con misure che spesso vanno ben oltre la canonica misura dei 4,5 mt max. di un’inglese (non è raro vedere pescatori che usano canne anche di 8 mt e perfino di 9 mt, vento permettendo). La bolognese è completamente diversa dall’inglese: è solo telescopica e possiede un numero esiguo di anelli, con diametri ben maggiori. Pur effettuando buoni lanci, non raggiungeranno mai le performance delle inglesi (se volete sperimentare di persona, provate a lanciare un bodied da 40 gr con una bolognese da 7 mt, a patto però che non mi addebitiate la canna per averla spaccata in vari pezzi….). La bolognese quindi è una canna per lanci brevi e di galleggianti con basse grammature, ma è soprattutto una canna da ‘calata’ che sfrutta le correnti per portare l’esca nella zona di pesca, compito che gli è facilitato anche dalla lunghezza.
- Galleggiante. Non ha senso montare un bodied su una bolognese, per le cose che abbiamo appena detto. Molto meglio montare uno Straight Loaded ed ancora meglio montare uno Stick Float, lasciando alla spallinatura il compito di far raggiungere la zona di pesca qualora dovessimo fare un breve lancio. E’ proprio l’utilizzo di questi due galleggianti, tipici della pesca all’inglese, che portano a convincerci di fare una vera pesca inglese anche con la bolognese. Invece stiamo facendo una pesca ibrida.

Il termine ‘ibrido’ suona stonato, sembra quasi che stiamo dicendo una parolaccia, abbiamo timore di pronunciarlo o di usarlo nei nostri post, in quanto dire ‘io pesco all’inglese’ fa più ‘figo’, mentre invece non ci rendiamo conto che facciamo solo sorridere coloro che la pesca all’inglese la fanno per davvero.
Invece non c’è nulla di più sbagliato: la pesca ibrida in acque salate sta dando grandissimi risultati, e se praticata in porti, porticcioli, pontili e zone rocciose riparate dal vento è quella che da i risultati migliori. Con la ‘regina’ agognata dalla maggior parte dei pescatori, poi, (la spigola), la pesca ibrida (od anche la pura pesca alla bolognese, con tanto di galleggiante tradizionale) si rivela quella che porta ad un maggior numero di catture.
Come avviene sempre tra i sostenitori di due fazioni contrapposte, ci saranno i fautori della pesca all’inglese ‘canonica’ che sosterranno anche sotto tortura che il loro metodo è il migliore al mondo, a cui si contrapporranno i sostenitori della pesca ibrida (magari un po’ meno disposti a sacrificarsi sotto tortura…forse...) che invece sosterranno il contrario.
Io non voglio entrare nella diatriba (semplicemente perché non mi interessa), per cui descriverò comunque altri due tipi di terminali da usare con la bolognese, visto che comunque la pesca con la bolognese rappresenta il nostro tipo di pesca ‘nazionale’ e soprattutto…rende!
Dato che le immagini sono abbastanza esplicite, ritengo non siano necessari i commenti. Anche queste immagini non sono in scala per mettere in risalto i particolari

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Montatura ibrida per bolognesi corte. Su bolognesi lunghe, la torpilla può essere sostituita da una spallinatura a scalare ed il galleggiante può essere bloccato in posizione fissa.

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Montatura classica per bolognesi lunghe (almeno 6 mt). Per bolognesi più corte è meglio usare la montatura ibrida della figura precedente (con galleggiante scorrevole).

Pasturazione e Importanza della precisione del lancio
La pesca con il galleggiante (inglese, ibrida o tradizionale) difficilmente restituisce dei risultati se non è accompagnata dalla pasturazione. La pasturazione è così importante che mi sento di affermare che se per caso la dimentichiamo a casa, tanto vale non scaricare neanche l’attrezzatura e tornarcene indietro, a meno che non sia una bella giornata di sole e ne approfittiamo per abbronzarci, oppure qualche bella turista non ci strizzi l’occhio…
Lo scopo della pasturazione è, prima di tutto, quello di richiamare il pesce a tiro della nostra lenza ed in secondo luogo quello di addensarlo in un branco il più numeroso possibile. Quello che è ovvio è che la pastura serve ad ‘eccitare’ i pesci, e non a sfamarli, e non esagero dicendo che la pasturazione può arrivare ‘allo stato dell’arte’ come dimostra questo episodio a cui ho assistito quand’ero ragazzo. Il mio pontile preferito era, come al solito, brulicante di pescatori. A quei tempi eravamo talmente in tanti che per starci tutti lo spazio tra l’uno e l’altro non superava il metro. Si pescava con la solita cadenza del primo pomeriggio (un pesciolino ogni tanto), in attesa del tramonto sia per dedicarci alla spigola e sia perché il pontile sfollasse della maggior parte delle persone. Ad una certa ora ecco arrivare tre pescatori mai visti prima, due con una lunga bolognese ed una sacca ciascuno, ed il terzo con un grosso contenitore di bigattini, una gigantesca nassa portapesci ed un enorme guadino. Visto che la gente cominciava a sfollare, trovarono posto tutti e tre vicini e mentre due armavano le canne, il terzo iniziò a pasturare abbondantemente la postazione e a calare la nassa. Appena i due misero le canne in acqua, pescarono contemporaneamente due spigolette sui 300 gr, che il terzo uomo infilò nella lunghissima nassa. E riprese a brumeggiare con cadenza continua. Dopo pochissimo altre due spigolette della stessa taglia. E la cadenza del brumeggio riprese. Altre due spigole sul mezzo chilo. Brumeggio…Altre due spigole sul kg… Il terzo uomo si dedicava esclusivamente a brumeggiare, a guadinare ed a infilare le spigole nella rete. E continuò così per circa 4 ore, con alcune spigole che, ad occhio, superavano i 3 kg. Tutti noi smettemmo di pescare e ci posizionammo alle spalle dei tre, alcuni ammirati da quella mattanza, altri intenzionati a buttare a mare i tre, ma tutti rosi dall’invidia. Uno dei miei amici non smise di contare, era arrivato a 37, di cui un buon numero erano bestioni.
I tre (che poi sapemmo essere turisti bresciani) smisero di pescare perché avevano consumato l’intero contenitore di bigattini. Per tirare su la rete ci si misero in tre, selezionarono le spigole al di sotto del kg ributtandole a mare, si tennero le tre più grosse e, con un grande sorriso, ci dissero che le altre erano per noi. Non ho mai più visto quei tre bresciani, ne nell’arco della stagione ne in tutti gli anni successivi. Il giorno dopo, manco a dirlo,  prendemmo d’assalto i negozianti di zona per accaparrarci i bigattini in ‘quantità industriali’, ma il numero di spigole che furono catturate a partire da allora sino a tutt’oggi rimase nella media che sempre c’era stata e c’è tuttora in quel pontile (4-5 spigole max, senza contare le innumerevoli giornate buche).
Sembra una favola, vero? Ma è la pura verità, e quel giorno è impresso nella mia memoria in modo indelebile. Per anni abbiamo rimuginato su quell’episodio, senza mai venirne a capo. Mai e poi mai abbiamo scoperto in cosa era consistito il ‘trucco’ di quei tre, se non riconoscere loro una bravura al di fuori delle possibilità umane non solo nel pescare ma soprattutto nel pasturare. Ma probabilmente non c’era alcun trucco, quei tre erano semplicemente arrivati ‘allo stato dell’arte’ a cui ho accennato.

Ma torniamo a noi. La pasturazione può consistere in bigattini (i più usati), mischiati o meno con sfarinati, pellets o farina di pesce. Non essendomi mai neanche lontanamente avvicinato alla bravura di quei tre extraterrestri, mi sono sempre trovato comunque bene operando in questo modo: pasturazione abbondante appena arrivati ed un pugnetto a cadenza fissa nella fase successiva, per poi scendere ad una decina di bigattini ogni 5 minuti durante le fasi di cattura. Se la pasturazione avviene al largo (per cui è necessaria la fionda), bisogna essere il più precisi possibile per lanciare sempre nello stesso punto. Anche il galleggiante, di conseguenza, va lanciato sempre nello stesso punto. Scostamenti grossolani dal bersaglio non fanno altro che disperdere i pesci.
Per centrare meglio il bersaglio con il galleggiante, è meglio superare il punto di pesca di una decina di metri, immergere il cimino in acqua e dare un colpo secco verso l’alto per favorire l’affondamento del filo (se stiamo usando un filo affondante e non ci sono onde). In caso di filo normale, tenerlo ben sollevato sulle onde. In entrambi i casi, recuperare poi lenza sino a rientrare nel bersaglio.
Se dopo un ragionevole lasso di tempo non vediamo alcuna mangiata, recuperiamo la lenza e controlliamo che non sia aggrovigliata, in quanto questo inconveniente, quando peschiamo al lancio, si presenta più frequentemente di quanto non vorremmo.


Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


donatot

  • Il pescatore con la mosca SELE e TANAGRO
  • FISHING FRIEND
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 1410
  • Donato Tedesco P.a.M. TECNICA T.L.T.
Risposta #1 il: Giugno 11, 2010, 12:06:16
Grande Roberto, quando ci vediamo per stringerti la mano, ottimo e molto bene dettagliato.
Mi hai stuzzicato la vecchia passione di pesca... ;D devo riprovare, in una di queste serate calde a rilassarmi un poco.
Allora porto:
la sedia leggera (quella tipo regista)
la canna
il mulinello
le esche (bigattini)
una pila
la borsa attrezzata
un guadino
il cellulare
caffè e sigarette
spero che non mi manca niente
ha dimenticavo la candela profumata antizanzare
dimmi se va bene...ciao
>(((((((((°><°)))))))))<
Molto meglio la riva silenziosa di un fiume in una calda giornata di primavera con gli insetti che ti schiudono tutto intorno e accompagnati solo da qualcuno che è capace di assaporare questa magica atmosfera.


baronmario

  • FISHING FRIEND
  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 457
  • Ascoltare Sempre. Più Esperienza. Più Sapere.
Risposta #2 il: Giugno 16, 2010, 19:43:08
Roberto non ho parole. possibile che siano tutti maestri? ormai ho una certa età, mi è sempre stato detto che la perfezione non esiste e che bisogna crearla con tante piccole cose, anche se si conoscono  bisogna sempre ripassarle, per poi metterle in opera. Il mio parere, certamente a molti amici questo tipo di pesca probabilmente non interessa, ma ciò non vuol dire che in un secondo tempo possa essere una pesca interessante anche per loro. Pensa che volevo fare una proposta per creare una Rubrica dove poter inserire tutti i testi scritti dai componenti di ;D cosi da avere un archivio di appunti scritti da persone che con la loro esperienza possono certamente aumentare quella altrui. Non tutti siamo nati imparati come si dice nel meridione, e molti nuovi iscritti, certamente nel tempo potrebbero trovare delle soluzioni ai loro problemi di pesca. Roberto ti ringrazio per la tua gentilezza e aspetto di potermi scaricare e stampare il tuo scritto. ti saluto a presto Mario. ;D    
La furia dei marosi sulla scogliera...
La natura... si sfoga... contro di noi.


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #3 il: Giugno 16, 2010, 20:17:46
Ad essere sincero, Mario, tra i complimenti che ho ricevuto ci sono quelli di molti componenti dello staff, e questo è per me più che sufficiente e mi riempie di orgoglio.
Questa guida non l'ho scritta per 'insegnare' a pescare all'inglese (ci sono componenti nel forum così preparati sull'argomento che sono in grado di farlo molto ma molto meglio di me), ma piuttosto per chiarire la confusione che esiste sull'argomento da parte di coloro che si stanno avvicinando alla pesca col galleggiante.
Ho infatti notato, dai numerosissimi post sull'argomento, che anche per la pesca all'inglese in mare, così come è avvenuto per il surf casting, c'è stata un'inflazione del termine, per cui ho ritenuto utile specificare meglio le differenze tra la vera pesca all'inglese in mare e quella più diffusa fatta con la bolognese.
In ogni caso la guida è qui, a disposizione di chiunque voglia leggerla.
I miei propositi per il futuro sono (sia per questa guida che per tutte le altre che ho postato) quelli di migliorarle, ampliarle ed aggiornarle sia in base allo sviluppo di nuove tecnologie che ai suggerimenti dati da chiunque voglia farlo.
Ciao. 
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


baronmario

  • FISHING FRIEND
  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 457
  • Ascoltare Sempre. Più Esperienza. Più Sapere.
Risposta #4 il: Giugno 19, 2010, 18:11:17
Ciao nonnoroby, Mi sono stampato la guida, me la sono letta, e posso affermare, sia questa Guida per la Pesca all'Inglese e sia quella per il Beach Ledgering sono entrambe molto tecniche, ma di facile lettura e di facile apprendimento, con disegni e schizzi per facilitarne la lettura e la messa in opera di alcuni prodotti presenti sul mercato. anche il principiante che vuol dedicarsi a queste due tecniche, troverà tutte le risposte per risolvere i propri dubbi . e certamente troverà tutte quelle malizie, che in altri tempi ci sarebbe voluto diversi mesi di tentativi e richieste di aiuto. Di contro, si potrebbe obiettare che sono tutte notizie che si possono trovare nei vari inserti delle rubriche sulle Riviste di Pesca, Tutto questo è vero, ma se per trovare l'articolo o lo schizzo che ci interessa bisogna passare almeno una mezza giornata per rintracciare quello che vogliamo, ecco a cosa servono l tue 2 Piccole Guide. " Servono per avere tutto quello che ci interessa immediatamente senza perdere tempo a cercare sulle riviste o sui libri che abbiamo pagato. Scritto da una persona che ama veramente la Pesca e dedicato a Neo Pescatori, a Pescatori Esperti, e a chi vuol bene alla Pesca. Queste affermazioni sono state scritte perché voglio fare un plauso a "nonnoroby" per l'impegno messo a scrivere le 2 Guide, sono sicuro che tutti i Neo Pescatori e i Pescatori Provetti di ;D si uniranno al sottoscritto per un Bravo nonnoroby. ciao ciao baronmario. ùùooiuuy    
La furia dei marosi sulla scogliera...
La natura... si sfoga... contro di noi.


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #5 il: Luglio 16, 2010, 17:58:25
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Nonnoroby ti rivolgo i migliori complimenti per il lavoro svolto, molto tecnico e di facile acquisizione dei vari principii enunciati. Una guida molto interessante che ha destato il mio interesse, da poco ho iniziato a dedicarmi a questa tecnica, attualmente con scarsi risultati in termini di catture. Sto imparando pian pianino. Tanti saluti  da Corrado
Grazie per l'apprezzamento, Corrado.
Se hai cominciato da poco con la pesca col galleggiante, un piccolo scotto iniziale si paga sempre (di solito è stabilire la giusta altezza a cui far 'lavorare' l'esca).
Se ne hai la possibilità, le prime volte recati in siti già frequentati da altri pescatori, sia perché in questi spot i pesci sono già abituati alla pastura sia perché puoi 'sbirciare' l'altezza a cui questi pescatori tengono il galleggiante.
Poi vedrai che i risultati verranno.
Ciao
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


liotrultras46

  • -Member-
  • *
  • Post: 1
Risposta #6 il: Luglio 17, 2010, 12:16:22
SCUSATE VOLEVO CHIEDERE UNA COSAIO HO UNA CANNA ALL'INGLESE CON GALLEGIANTE DA 20 GR PRIMA OVVIAMENTE IL NODO CON LA PERLINA DOPO IL GALLEGGIANTE HO UNA PALLINA DI PIOMBO POI HO IL PASTURATORE CON IL PIOMBO DENTRO E POI HO LA GIRELLA SICCOME SN LE PRIME VOLTE KE PESCO POTETE DARMI QUALKE CONSIGLIO PER CIO KE RIGUARDA PROFONDITA ORARI PREDE E TIPI DI PASTURAZIONE???? GRAZIE
 ;D


^FLY^

  • ))ADMIN((
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 1940
  • Il Maestro
Risposta #7 il: Luglio 17, 2010, 12:34:09
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
SCUSATE VOLEVO CHIEDERE UNA COSAIO HO UNA CANNA ALL'INGLESE CON GALLEGIANTE DA 20 GR PRIMA OVVIAMENTE IL NODO CON LA PERLINA DOPO IL GALLEGGIANTE HO UNA PALLINA DI PIOMBO POI HO IL PASTURATORE CON IL PIOMBO DENTRO E POI HO LA GIRELLA SICCOME SN LE PRIME VOLTE KE PESCO POTETE DARMI QUALKE CONSIGLIO PER CIO KE RIGUARDA PROFONDITA ORARI PREDE E TIPI DI PASTURAZIONE? GRAZIE

Ciao lio, qualcuno degli esperti ti risponderà. Io intervengo solo per dirti che in un forum non si scrive in stampatello in quanto equivale a gridare!!! Poi è buona regola presentarsi nell'apposita sezione prima di postare.
Puoi farlo  qui :

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Comunque benvenuto in  ;D
.

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


alex 65

  • ^Member^
  • *
  • Post: 63
Risposta #8 il: Luglio 18, 2010, 08:03:24
Caro Nonnoroby,ti faccio i miei migliori complimenti per il lavoro svolto,voglio però farti una piccola domanda:pesco da riva con fondale misto (un posto molto praticato) uso o una canna da 4.50 con la montatura da te descritta,oppure una bolognese da 5m con galleggiante a penna da 2+1 o 3+1,microgirella e finale da 200 , 250cm da 0.8 a o.10 o al massimo 0.13 in fluo, libero,ed esca come tutti il biga,quello che mi fa rabbia e che gli altri pescano ed io nada , tutte spigolette da 500gr al kg ,dove sbaglio, puoi darmi qualche dritta, .    ti ringrazzio anticipatamente.


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #9 il: Luglio 18, 2010, 09:32:24
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Caro Nonnoroby,ti faccio i miei migliori complimenti per il lavoro svolto,voglio però farti una piccola domanda:pesco da riva con fondale misto (un posto molto praticato) uso o una canna da 4.50 con la montatura da te descritta,oppure una bolognese da 5m con galleggiante a penna da 2+1 o 3+1,microgirella e finale da 200 , 250cm da 0.8 a o.10 o al massimo 0.13 in fluo, libero,ed esca come tutti il biga,quello che mi fa rabbia e che gli altri pescano ed io nada , tutte spigolette da 500gr al kg ,dove sbaglio, puoi darmi qualche dritta, .    ti ringrazzio anticipatamente.
La cosa migliore è vedere la distanza tra galleggiante ed amo che tengono anche gli altri pescatori e regolarti di conseguenza. Se ciò non ti è possibile, con una sonda devi misurare il fondale nel punto esatto in cui lanci il galleggiante. Una volta stabilita l'altezza dal fondo, inizia tenendo l'amo a 25 cm dal fondo, per poi aumentarla o diminuirla di circa 50 cm alla volta sino a trovare la giusta altezza a cui mangiano le spigole: quasi sempre il motivo per cui le spigole non abboccano è dovuta all'altezza non idonea.
E' probabile che se il fondale non è molto alto (p.e. sui 3 mt) il bracciolo sia eccessivamente lungo e si adagi in buona parte sul fondo, che essendo misto puiò nascondere l'esca: accorcialo a 1,5 mt.
Altra cosa fondamentale è la pasturazione, che deve essere fatta sempre alla stessa distanza da riva ma tenendo conto della corrente. Se per esempio la corrente va da destra verso sinistra, devi lanciare la pastura (i bigattini) alla destra del galleggiante, tanto più a destra quanto più è forte la corrente. Viceversa se la corrente proviene da sinistra. Tieni inoltre presente che più è distante il galleggiante da riva, più è difficile centrarlo con la pastura, che quindi si disperde anziché concentrarsi più o meno nello stesso punto.
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


alex 65

  • ^Member^
  • *
  • Post: 63
Risposta #10 il: Luglio 18, 2010, 14:42:26
Ti ringrazzio con  cuore per la tua disponibilita nel rispondermi ,anche stamani niente anzi esaminando bene la montatura del mio vicino ,er la stessa che uso :canna da 5mt ,mulo 1000 xenox Trabucco filo in bobbina 0.16 in fluo attacco per galleggiante micro girella e finale 0.13 in fluo da 250cm +amo del 18 ,pasturavo sempre alla stessa distanza calcolando la corrente ma nessun tocco ,anche il mio vicino si è meravigliato, perche lui ne ha prese due da circa un kg ed io niente.


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #11 il: Luglio 18, 2010, 18:15:47
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Ti ringrazzio con  cuore per la tua disponibilita nel rispondermi ,anche stamani niente anzi esaminando bene la montatura del mio vicino ,er la stessa che uso :canna da 5mt ,mulo 1000 xenox Trabucco filo in bobbina 0.16 in fluo attacco per galleggiante micro girella e finale 0.13 in fluo da 250cm +amo del 18 ,pasturavo sempre alla stessa distanza calcolando la corrente ma nessun tocco ,anche il mio vicino si è meravigliato, perche lui ne ha prese due da circa un kg ed io niente.
Ma anche la distanza tra galleggiate ed esca era la stessa ? (cioè pescavate alla stessa altezza dal fondo?).
Quando hai stabilito questo, la prossima volta che succede la stessa cosa (cioè lui pesca e tu no) spostati alla sua sinistra se sei a destra, oppure spostati alla sua destra se sei a sinistra. Capita spesso che il vicino di pesca sfrutti la nostra pastura a causa della corrente.
In ogni caso non demordere, vedrai che la 'reginella' la pescherai anche tu.
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


alex 65

  • ^Member^
  • *
  • Post: 63
Risposta #12 il: Luglio 18, 2010, 19:11:39
Caro Nonnoroby ,pescavo alla sua stessa profondita,e dopo circa una oretta mi sono spostato circa 4mt da lui e niente ,per giunta parlavamo di questo e l amico scherzosamente mi dice(forse i miei biga sono piu appetitosi) . come attrezzatura secondo te va bene? canna bolognese della Mitchel da 5mt , mulo trabucco xenox 1000 con in bobbina o16 fluo ,come finale di circa 200, 250cm secondo te è meglio 013 o 015 in fluo dell ASSO? ti ringrazzio anticipatamente della tua gentilezza e disponibilità GRAZZIEEEEEEEEEEEEEEEEEEE.


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #13 il: Luglio 18, 2010, 19:42:40
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Caro Nonnoroby ,pescavo alla sua stessa profondita,e dopo circa una oretta mi sono spostato circa 4mt da lui e niente ,per giunta parlavamo di questo e l amico scherzosamente mi dice(forse i miei biga sono piu appetitosi) . come attrezzatura secondo te va bene? canna bolognese della Mitchel da 5mt , mulo trabucco xenox 1000 con in bobbina o16 fluo ,come finale di circa 200, 250cm secondo te è meglio 013 o 015 in fluo dell ASSO? ti ringrazzio anticipatamente della tua gentilezza e disponibilità GRAZZIEEEEEEEEEEEEEEEEEEE.
Si, ma dovevi spostarti dalla parte opposta per avere la corrente a tuo favore calabria
Canna, mulinello e diametro del filo in bobina vanno bene.
Diminuisci invece il diametro del bracciolo, passando allo 0.10 fluorocarbon (o 0.12 se nylon normale).
L'amo del 18 mi sembra un pò piccolo, visto che sono presenti spigole sul mezzo kg: sali sino al N.14 (oppure tieni il N.18 sino alla cattura della prima spigola e vedi come si comporta).
Ciao
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


paperino

  • -Member-
  • *
  • Post: 9
Risposta #14 il: Luglio 21, 2010, 09:02:03
Sono appena entrato nel forum. Leggendo qua e là ho trovato interssante queso argomento di nonnoroby, avrei alcune domande per Lui:
ho visto che differenzi i due tipi di montatuta per la pesca inglese su bassi e alti fondali , perchè ?
quale è la differenza dell' una e dell'altro calamneto grazie
Giacomo


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #15 il: Luglio 21, 2010, 10:39:32
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Sono appena entrato nel forum. Leggendo qua e là ho trovato interssante queso argomento di nonnoroby, avrei alcune domande per Lui:
ho visto che differenzi i due tipi di montatuta per la pesca inglese su bassi e alti fondali , perchè ?
quale è la differenza dell' una e dell'altro calamneto grazie
Ciao Paperino,
ti chiedo scusa se l'hai già fatto (non ci ho badato), però è buona norma presentarsi al Forum prima di iniziare a fare un qualsiasi post. Se ancora non l'hai fatto, sei pregato di presentarti, grazie.
Per quanto riguarda la differenza di montatura dei due calamenti, non hai letto con attenzione in cosa consiste la differenza:
- per i bassi fondali, il galleggiante è trattenuto sempre alla stessa altezza da due pallini di piombo 'fissi'
- per gli alti fondali, i due pallini di piombo 'fissi' scompaiono: il pallino superiore è sostituito da un nodino di stop mobile che può essere spostato lungo il filo per aumentare o diminuire l'altezza del galleggiante, e quindi permettere al calamento di lavorare anche su fondali alti.
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


paperino

  • -Member-
  • *
  • Post: 9
Risposta #16 il: Luglio 21, 2010, 20:09:45
Mi sono spiegaTO male.
volevo capire come mai usavi un raggruppamento di tre piombini , peso a scalare di dimensione, nella pesca a fondo su fondali bassi , cambiando la tipologia e disposizione piombatura , su pesca a fondo su fondali alti. Immagino ci sia una ragione, tieni conto che sono alle prime " armi", novizio. Ho compreso l'uso delluso dello scorrevole e del nodino di stop.
e ancora l'esca deve essere radente al fondo ?
La lunghezzza del terminale è calcolata in proporzione al fondale?
grazie
paperino
Giacomo


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #17 il: Luglio 21, 2010, 21:45:37
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Mi sono spiegaTO male.
volevo capire come mai usavi un raggruppamento di tre piombini , peso a scalare di dimensione, nella pesca a fondo su fondali bassi , cambiando la tipologia e disposizione piombatura , su pesca a fondo su fondali alti. Immagino ci sia una ragione, tieni conto che sono alle prime " armi", novizio. Ho compreso l'uso delluso dello scorrevole e del nodino di stop.
e ancora l'esca deve essere radente al fondo ?
La lunghezzza del terminale è calcolata in proporzione al fondale?
grazie
paperino
Ti chiedo scusa, Paperino, ma non avevo proprio capito.
 
- Per accelerare la discesa del calamento sugli alti fondali è meglio sostituire alcuni dei pallini con un unico pallettone di peso elevato (naturalmente proporzionale al galleggiante che lo deve sostenere), perché altrimenti il calamento impiegherebbe troppo tempo a raggiungere il fondo, oppure potrebbe non raggiungerlo affatto se è presente una corrente sostenuta. Il primo 'pallino' del calamento disegnato più grosso è proprio un pallettone.

- L'altezza di partenza dell'amo dal fondo è in genere calcolata sui 25 cm (misura questa altezza con la sonda). Se dopo un certo tempo (diciamo dopo 15 minuti) non vedi alcuna toccata, le cause potrebbero essere due:
    a) il pesce mangia ad un'altezza superiore. Diminuisci quindi il fondo di una cinquantina di cm alla volta abbassando il nodino di fermo sino a quando non vedi la prima toccata;
    b) oppure potrebbe essere il contrario: il pesce è a fondo, ma la corrente sul fondo è talmente forte che tende a mettere il bracciolo parallelo al fondo, quindi lo tiene praticamente sollevato. In questo caso aumenta il fondo sollevando il nodino sempre con tentativi di 50 cm alla volta. Il bracciolo resterà sempre parallelo, però pescherà più rasente al fondo.

- La lunghezza dell'intero terminale è meglio che rimanga sempre la stessa sia per fondale basso che per fondale alto. Per fondale alto l'unica cosa da variare è la posizione del nodino di stop per aumentare o diminuire la profondità di pesca.

Non so se sono riuscito a chiarire completamente il tutto, per cui non farti assolutamente scrupolo di chiedere ulteriori chiarimenti di cui puoi necessitare. Il manuale l'ho scritto proprio per i giovani che, come te, si stanno avvicinando alla pesca (gli 'anziani' ne sanno molto più di me...), per cui è importantissimo che tutti i passaggi siano chiari al 100% (purtroppo non è facile scrivere un manuale perfetto, ti sfuggono sempre tante di quelle cose di cui non ti rendi neanche conto se non te le fanno osservare).
Ciao
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


paperino

  • -Member-
  • *
  • Post: 9
Risposta #18 il: Luglio 28, 2010, 13:50:06
 ;D
grazie , ma avrei altre domande e visto che ho trovato la tua dissponibilità , eccole:
premetto che pesco da scogliera alla foce del fiume sul versante mare, su fondali che superano la lunghezza della canna , quindi pescando con lo scorrevole , uso un nodino in silicone come stopper:
1) esistono  ragioni per prediligere la pesca a fondo  con galleggiante, rispetto a quella in superficie ? 
  Ho cercato di seguire la montatura da te illustrata ma con scarsi risultati il mio pescato è di dimensioni misere , tutto rilasciato ovviamente. Pesca diurna.
2) come esca uso il bigattino e pasturo con un preparato a base di sarda. Il problema è che dove pesco dicono che ci siano correnti in superficie differenti da quelle sul fondo. Cosa fare ?
3) La maggior parte dei pescatori della zona  usa canne da fondo , ho solo una canna all' inglese e una bolognose non penso addatte per quest'ultimo tipo di pesca. Consigli.....
Giacomo


sugo

  • ^Member^
  • *
  • Post: 28
Risposta #19 il: Luglio 28, 2010, 15:50:36
cerco di risponderti...

1) la pesca diurna spesso non da buoni frutti è da preferire l'alba ed il tramonto.

2) benissimo il bigattino e cerca di pasturare anche con il bigattino. se hai paura delle correnti incollalo insieme a del ghiaietto oppure prendi una bottiglia di acqua fai dei fori piccoli, metti un bel sasso interno legala con una corda per il recupero e quindi riempi con bigattini e lanciala nella tua zona di pesca. Ogni 15-20 minuti in base alle dimensioni dei fori recupera la bottiglia e riempila di nuovo.

3)ogni canna ha il suo utilizzo specifico...


Link sponsorizzati

Tags: