lezione di pesca con piombo derivato con vivo....

This is a discussion for the topic lezione di pesca con piombo derivato con vivo.... il the board PESCA NEI PORTI & PESCA IN FOCE.

Autore Topic: lezione di pesca con piombo derivato con vivo....  (Letto 13101 volte)

ture

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 275
il: Settembre 02, 2009, 21:33:06
ciao a tutti, come tutti durante le vacanze ho dedicato qualche giorno alla pesca, e in uno di questi mi sono recato nei pressi di una foce sulla costa ionica a pescare con dei cefaletti presi il giorno prima. Arrivato sul posto, noto un mare increspato da un moderato vento di libeccio, con onde di 1 metro circa. Monto 2 canne e innesco due pesci di circa 15 cm a teleferica, e per fargli superare l'onda faccio il classico lancetto, ma il vento frontale bloccava le esche pochi metri oltre il bagnasciuga. Risultato era che i pesci dopo 20/30 minuti venivano spinti quasi a terra.... e mi toccava rilanciare ogni mezz'ora. Mentre ero arrivato a l'ennesimo lancio, mi accorgo dell'arrivo di una jeep scura, che portava il logo di calabriapesca... era la spinning-mobile di vincenzospinning, il quale dopo avere parcheggiato l'auto ad un paio di metri dalla riva, scende e inizia a montare una canna da spinning. Avevo avuto l'occasione di incontrarlo lo scorso anno in un altro spot, e di scambiarci quattro chiacchere, e non mi sarei aspettato di vederlo anche in questo spot. Mi avvicino per salutarlo e, sperando di riuscire a carpire qualche dritta, inizio a chiaccherare con lui mentre si prepara per la battuta.
Mentre lui inizia a fare qualche lancio, sempre con me appiccicato come una cozza, mi accorgo che per l'ennesima volte uno dei cefali serfava nel bagnasciuga. Lascio riprendere fiato Vincenzo, e vado a rilanciare la mia esca... mentre stavo per lanciare, vincenzo mi blocca, e mi dice "guarda che ti conviene pescare con il piombo derivato con questo mare, altrimenti passi la serata a rilanciare, e a controllare le canne", e io "mh......, si.... e com'è si fa?"......    vincenzo, senza fare una piega appoggia la canna, e mi dice "veni cu mia (vieni con me) " lo seguo fino alla sua jeep, apre il portellone postriore e mi ritrovo davanti agli occhi un mini negozio di pesca, con tutto quello che ti può servire per la pesca da riva.... io rimango imabambolato per un paio di secondo, durante i quali vincenzo comincia a tirare fuori, nylon, ami, cavetto, pinze, ecc. Mentre prepara il terminale, mi spiega il perchè sta usando quel tipo di filo o di nodo,  o perche il cavetto deve avere quella misura o non quell'altra, e tutto con dovizia di particolari e dati tecnici...
Mi è dispiaciuto veramente non avere a disposizione un telefono che potesse filmare il tutto, Vincenzo oltre ad essere un bravo pescatore è anche una persona piena di passione, con una grossa voglia di trasmettere al prossimo la propria conoscenza e il proprio sapere.... se mi permettete il termine "un Professore".
E  alla fine, non ha tralasciato l'innesco e lancio.....
seguendo il consiglio di vincenzo preparo anche la seconda canna allo stesso modo, incrocio le dita...
Siamo rimasti poi altre due ore a pescare, non riuscendo a prendere niente nonostante due belle mangiate appena scaduto il libeccio, una delle quali a sbattuto una delle mie canne per terra,  tutte nell'arco di 10 minuti... "probabilmente spigola"  dice Vincenzo, infatti i cavetti  non erano sfibrati, ed il cefali spariti....
Comunque a me è bastata, anche se a mani vuote sono tornato a casa contento, sia per le due botte di "adrenalina da abboccata" che per avere ricevuto una lezione magistrale di pesca con il piombo derivato (tutto merito di Vincenzone), e con la speranza che la prossima volta la mangiata potrebbe andare a buon fine....

ciao a tutti e ancora grazie a vincenzospinning
one man, one rod, one hundred lures!!!


etfreaky*

  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 813
  • Sii il cambiamento che vuoi nel mondo
Risposta #1 il: Settembre 02, 2009, 23:09:51
Ci spieghi anche a noi il piombo derivato???
Daaai, mi hai incuriosito.
La pesca è la metafora della vita... stai seduto senza far nulla aspettando che succeda qualcosa.
Ma non succede mai nulla.


ture

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 275
Risposta #2 il: Settembre 03, 2009, 10:43:48
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Ci spieghi anche a noi il piombo derivato???
Daaai, mi hai incuriosito.

sarebbe corretto che lo spieghi vincenzospinning, se non altro per il differente "bagaglio culturale" in merito alla tecnica....
 ciao


one man, one rod, one hundred lures!!!


VincenzoSpinning

  • Visitatore
Risposta #3 il: Settembre 03, 2009, 10:55:19
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Ci spieghi anche a noi il piombo derivato???
Daaai, mi hai incuriosito.

sarebbe corretto che lo spieghi vincenzospinning, se non altro per il differente "bagaglio culturale" in merito alla tecnica....
 ciao

la tecnica e' questa .....e come fare la teleferica invertita:
dalla lenzamadre che fuoriesce dal nìmulinello, si infila una pallina salvanodo dura media e dopo un moschettone. al moschettone attacchiamo il finale 0,50 cavettizzato un metro circa con un singolo amo ( per esche vive piccole con piu' ami per esche medie )sia per esca viva che morta ( per l'esca morta tipo la sarda possiamo usare anche tre ami).
il piombo in questo caso va attaccato ad uno spezzone di lenza di diametro inferiore uno 0,35   o   40   puo bastare il cui ne fareno uno spezzone da um merto e venti aggangiato con uno sgancio rapido o un moschettone sulla lenza madre scorrevole fino alla pallina salvanodo  il  finale di dove attaccheremo il poimbo deve essere 20 cm piu' lungo del terminale dove va attaccata l'esca.
con questa tecnica nel caso che  il pesce abbocca e tira non sente il contrappeso del piombo
questa tecnica si chiama piombo derivato  la si usa in particolare con mare nosso , e mare mosso con vento, tipo libbeccio o altro.



-vincenzo-


etfreaky*

  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 813
  • Sii il cambiamento che vuoi nel mondo
Risposta #4 il: Settembre 03, 2009, 13:56:53
Vediamo se ho capito bene....
Lenza madre, pallino salvanodo, e poi moschettone lasciato scorrevole con attaccato il finale con il piombo, poi, moschettone al quale attacchiamo il finale con amo giusto? Quest'ultimo moschettone deve essere attaccato alla lenza madre e non scorrevole giusto?
Grazie e a presto.
La pesca è la metafora della vita... stai seduto senza far nulla aspettando che succeda qualcosa.
Ma non succede mai nulla.


mili

  • -Member-
  • *
  • Post: 1
Risposta #5 il: Novembre 10, 2009, 00:38:06

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Ci spieghi anche a noi il piombo derivato???
Daaai, mi hai incuriosito.

sarebbe corretto che lo spieghi vincenzospinning, se non altro per il differente "bagaglio culturale" in merito alla tecnica....
 ciao

la tecnica e' questa .....e come fare la teleferica invertita:
dalla lenzamadre che fuoriesce dal nìmulinello, si infila una pallina salvanodo dura media e dopo un moschettone. al moschettone attacchiamo il finale 0,50 cavettizzato un metro circa con un singolo amo ( per esche vive piccole con piu' ami per esche medie )sia per esca viva che morta ( per l'esca morta tipo la sarda possiamo usare anche tre ami).
il piombo in questo caso va attaccato ad uno spezzone di lenza di diametro inferiore uno 0,35   o   40   puo bastare il cui ne fareno uno spezzone da um merto e venti aggangiato con uno sgancio rapido o un moschettone sulla lenza madre scorrevole fino alla pallina salvanodo  il  finale di dove attaccheremo il poimbo deve essere 20 cm piu' lungo del terminale dove va attaccata l'esca.
con questa tecnica nel caso che  il pesce abbocca e tira non sente il contrappeso del piombo
questa tecnica si chiama piombo derivato  la si usa in particolare con mare nosso , e mare mosso con vento, tipo libbeccio o altro.



-vincenzo-

Vicenzo ciao,,,sono nuovo qui come utente ma vi seguo da qualche tempo. sono apassioanato pescatore come te ma non sono "purtroppo" bravo come te...chi sa, magari un giorno...
 ti chiedo gentilmente se riesci fare un disegno del piombo derivato. non sono riuscito a capire come si realizza..
grazie



Rocco

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 216
Risposta #6 il: Giugno 26, 2011, 11:05:48
Salve Ragazzi, rispolvero qs Fantastico Topic poichè lo ritengo di fondamentale utilità x chi si accinge ad utilizzare il Cefalo Vivo come esca ( ... a tal proposito ringrazio Ture e Vincenzo x;D !!!)

Infatti molto spesso,  poichè il   cefalo (..a differenza delle care aguglie...non sempre reperibili), ha la tendenza a ritornare verso riva anzichè partire vetrso il largo ;D , si è impossibilitati ad utilizzare la "Teleferica" in senso Puro...A causa di  qs inconveniente siamo  costretti in sostanza a lanciare (...cd  lancio Accompagnato) il ns caro amico cefalo..

A tal proposito, mi rivolgo agli  esperti, ai quali chiedo se lo schema (..che ho allegato qui sotto)  sintetizza in maniera corretta la montatura in questiopne (Piombo Derivato co Vivo), oppure, se allo stesso vanno apportate delle opportune modifiche...

Grazie....

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Uploaded with Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Rocco


beka

  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 454
  • Calabria pesca on line forum:il forum sulla pesca in Calabria
Risposta #7 il: Giugno 26, 2011, 11:42:09
è esattamente la montatura che uso quando vado a squali dalla riva all'estero (naturalmente le dimensioni del tutto cambiano "lievemente"  calabria). dopo vari tentativi in ogni condizione possibile l'unico accorgimento che mi sento di suggerire è di fare il finale con l'esca uguale allo spezzone dove si attacca il piombo. qui da noi è pressochè inifluente ma in condizioni estreme dove magari devi entrare in qacqua, non riesci a stare in piedi e devi bestemmiare tutti i santi per risucire a lanciare a 30-35 metri la lunghezza uguale aiuta parecchio. lo spezzone con il piombo va bene anche scorrevole sempre che non si utilizzi un'esca molto più pesa del piombo nel qual caso conviene mettere un blocco.
spero di essere stato di aiuto
non è la paura a dominarmi ma solo l'irrequietezza


Rocco

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 216
Risposta #8 il: Giugno 26, 2011, 11:54:05
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
è esattamente la montatura che uso quando vado a squali dalla riva all'estero (naturalmente le dimensioni del tutto cambiano "lievemente"  dopo vari tentativi in ogni condizione possibile l'unico accorgimento che mi sento di suggerire è di fare il finale con l'esca uguale allo spezzone dove si attacca il piombo. qui da noi è pressochè inifluente ma in condizioni estreme dove magari devi entrare in qacqua, non riesci a stare in piedi e devi bestemmiare tutti i santi per risucire a lanciare a 30-35 metri la lunghezza uguale aiuta parecchio. lo spezzone con il piombo va bene anche scorrevole sempre che non si utilizzi un'esca molto più pesa del piombo nel qual caso conviene mettere un blocco.
spero di essere stato di aiuto ...

Ciao Beka...intanto grazie...quindi confermi che la montatura con piombo derivato è qs ..???


Sbaglio o il fine ultimo del piombo montato in qs  maniera , sarebbe ql di evitare (... il più possibile in fase di lancio )lo stress al pesce esca ...e sopratutto evitare lo staccarsi degli ami dallo stesso...???


Ps.Ma tu l'Hai utilizzata nelle ns acque..funziona x davvero nei confronti di lecce e serra..?

Rocco


^VITTORIO^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2601
  • Fantasma che appare ogni morte di Papa
Risposta #9 il: Giugno 26, 2011, 11:54:52
Ciao Rocco
ho guardato attentamente la montatura che hai proposto e a prima vista ... a mio avviso ....risulta difficile lanciare il cefalo con il piombo scorrevole sulla lenza madre.
Innanzitutto perchè quest'ultimo non partirebbe verso il largo ... ma resterebbe nei pressi della risacca. Inoltre penso che i 75 -100 grammi sono pochi ..con il mare calmo, figuriamoci in condizioni di mare formato e vento in faccia. Idem per il discorso della montatura "sottile".
Altro aspetto non gestibile ....in condizioni di mare mosso (come l'amico Vincenzo ha fatto intendere) è la lunghezza di entrambi i travi.
Volevo chiederti se...hai già utilizzato questo tipo di calamento e cosa ne pensi?

Vittorio
Sempre camminerò per queste spiagge tra la sabbia e la schiuma dell'onda.
L'alta marea cancellerà l'impronta e il vento svanirà la schiuma.
Ma sempre spiaggia e mare rimarranno.
Kahlil Gibran


Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login - Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login - Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login - Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


Rocco

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 216
Risposta #10 il: Giugno 26, 2011, 12:01:02
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Ciao Rocco
ho guardato attentamente la montatura che hai proposto e a prima vista ... a mio avviso ....risulta difficile lanciare il cefalo con il piombo scorrevole sulla lenza madre.
Innanzitutto perchè quest'ultimo non partirebbe verso il largo ... ma resterebbe nei pressi della risacca. Inoltre penso che i 75 -100 grammi sono pochi ..con il mare calmo, figuriamoci in condizioni di mare formato e vento in faccia. Idem per il discorso della montatura "sottile".
Altro aspetto non gestibile ....in condizioni di mare mosso (come l'amico Vincenzo ha fatto intendere) è la lunghezza di entrambi i travi.
Volevo chiederti se...hai già utilizzato questo tipo di calamento e cosa ne pensi?

Vittorio

No io non l'ho utilizzata..anzi l'ho proposta proprio x consentire un'analisi in maniera più Dettagliata di qs tecnica , che a detta di molti sarebbe l'alternativa vincente alla teleferica in senso puro (..soprattutto quando si ha a che fare con cefali vivi, anziche aguglie)..
Rocco


beka

  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 454
  • Calabria pesca on line forum:il forum sulla pesca in Calabria
Risposta #11 il: Giugno 26, 2011, 19:54:02
rispondendo a rocco l'ho utilizzata sia nelle nostre acque dalle scogliere che sempre in africa per pesci serra. funziona da dio in ogni situazione. a tale proposito (opinione personalissima) non mi trovo d'accordo con Vittorio. si lancia anche scorrevole nel migliore dei modi. ovviamente se hai un piombo da 60 grammi ed un cefalo di 500 grammi bisogna essere bravini ma stando nel normale  viaggia alla grande calabria
non è la paura a dominarmi ma solo l'irrequietezza


Rocco

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 216
Risposta #12 il: Giugno 27, 2011, 11:08:47
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
rispondendo a rocco l'ho utilizzata sia nelle nostre acque dalle scogliere che sempre in africa per pesci serra. funziona da dio in ogni situazione. a tale proposito (opinione personalissima) non mi trovo d'accordo con Vittorio. si lancia anche scorrevole nel migliore dei modi. ovviamente se hai un piombo da 60 grammi ed un cefalo di 500 grammi bisogna essere bravini ma stando nel normale  viaggia alla grande calabria
Visto che di "Pesca col Vivo" ..te ne intendi...
...Volevo chiederti

1) se utilizzando uno spezzone Scorrevole(...a cui è legato il Piombo) più lungo del terminale, non si ri rischia l'aggrovigliamento in fase di lancio;

2) e se  con piombi da 100/120 gr e cefalo da 300/400 gr, almeno i fatidici 40 mt   si riescono a raggiungere,(..lancio accompagnato senza danni collaterali..ossia la perdita/distacco  del pesce esca!!), oppure, sono una "Chimera" ...

Grazie..BYE, BYE!!!
Rocco


blue jack fin

  • FISHING FRIEND
  • ^Sr. Member^
  • *
  • Post: 368
Risposta #13 il: Giugno 28, 2011, 02:39:24
Volevo ringraziare vincenzo poichè questa sera con questa tecnica ho preso un branzino di un kilo e mezzo. Ho innescato un cefalo da 15 cm, piombo 75 gr attaccato a 70 cm di braciolo. Mare calmo, vento assente, su di una lingua di sabbia che unisce due zone rocciose, con luce ancora presente ha abboccato la regina che non tira.. che soddisfazione!!! Sarò riuscito a lanciare ad una 40ina di metri da riva con una vecchia browning da 120 gr di azione massima.
grazie ancora per i preziosi consigli!


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #14 il: Giugno 28, 2011, 14:36:11
Per chiunque fosse interessato, descrivo il metodo che uso da sempre per pescare col vivo, che tra tutti quelli che ho provato si è rivelato il più pratico, il più veloce, il più assente da garbugli ed anche il più catturante. Niente ritorno del pesce esca a riva, niente fori del piombo tappati dalla sabbia.
Alcuni sostengono che il foro del piombo scorrevole si otturi facilmente con la sabbia, ma l'evento è talmente raro (a me p.e. non è mai successo...) che qualsiasi soluzione adottata per evitare questo remotissimo evento crea più inconvenienti che altro.

Come lenza madre uso un filo di diametro 0.50, in cui infilo un piombo sferico scorrevole da 75 a 150 gr, a seconda delle dimensioni del pesce-esca. A seguire infilo un gommino salvanodo e poi lego alla cima della madre una girella robustissima del N.6 o del N.4. Alla girella lego quindi un bracciolo diametro 0.50 (se sto tentandomi la spigola) oppure diametro 0.70 (se sto tentandomi la leccia amia). Come amo uso quelli dritti da palamito di grossezza adeguata al pesce-esca.

Il sistema di apertura/chiusura della canna (a inizio pesca e a fine pesca) è rapidissimo: nelle canne che uso per la pesca col vivo non smonto mai il mulinello per il trasporto e di conseguenza non smonto mai neanche la paratura, che è quindi sempre pronta per l'utilizzo (a meno che non sia da sostituire): ripiego la canna, faccio passare il bracciolo intorno al piede del mulinello, aggancio l'amo sull'anello apicale e quindi recupero e metto in tensione lenza madre e bracciolo. Stringendo un pò la frizione, il filo rimane teso e l'amo non fuoriesce dall'apicale. A fine pescata risciacquo il tutto con acqua corrente, ovviamente a casa.

Una volta lanciato il pesce esca, metto leggermente in bando la lenza madre, apro l'archetto e lasciandolo aperto infilo la madre in un largo elastico che ho posizionato intorno alla canna un poco più sopra del mulinello. L'elastico lo ricavo tagliando un segmento di camera d'aria di bici. Un altro segmento, più lungo, lo posiziono sulla canna nel punto in cui, a canna ripiegata, il piombo va a battere sulla canna (una sorta di salva-canna).
Il sistema dell'elastico consente al predatore di trascinarsi il pesce-esca senza avvertire la resistenza dell'archetto, in quanto aperto (anche a frizione completamente aperta, un archetto chiuso oppone sempre una certa resistenza).

Come segnale, metto un vistoso rettangolo di polistirolo incastrato sulla madre appena dopo l'anello apicale.

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
 
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


^DRAYCON^

  • Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2346
  • L'elemento fondamentale della pesca?Birra e panini
Risposta #15 il: Giugno 28, 2011, 18:57:29
Ciao Roberto!
In poche parole sarebbe un long arm scorrevole giusto? Poi un'ultima cosa, correggimi se ho capito male! Tu lasci l'archetto aperto, ma la lenza madre incastrata su un'anello elastico montato sulla canna! Successivamente l'archetto lo chiudi o lo lasci aperto?
ciao!
Vivo la vita a un'uscita di pesca alla volta! Non mi importa ne dove, ne quando, ne come! A ogni uscita di pesca, sono un'uomo libero!


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #16 il: Giugno 28, 2011, 20:05:02
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Ciao Roberto!
In poche parole sarebbe un long arm scorrevole giusto? Poi un'ultima cosa, correggimi se ho capito male! Tu lasci l'archetto aperto, ma la lenza madre incastrata su un'anello elastico montato sulla canna! Successivamente l'archetto lo chiudi o lo lasci aperto?
ciao!
Lo chiudo solo al momento che mi sembra il più idoneo per dare la ferrata, che potrebbe avvenire anche dopo alcune decine di metri di filo trascinati via.
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


blue jack fin

  • FISHING FRIEND
  • ^Sr. Member^
  • *
  • Post: 368
Risposta #17 il: Giugno 28, 2011, 20:37:04
Ciao nonno roby, intanto grazie per tutto, trovo sempre molto utili ed interessanti i tuoi post. Ti volevo chiedere come mai proprio a sfera il piombo. Non sarebbe meglio un piombo che non possa rotolare? Oppure questo asseconda meglio il girovagare dell'esca? Grazie e cordiali saluti


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #18 il: Giugno 29, 2011, 01:00:41
Ho provato varie forme di piombo e diciamo che la forma sferica è quella che preferisco, probabilmente perché il tratto tra i due fori (entrata e uscita), in una sfera, è il più corto che ci sia. In ogni caso la forma del piombo non è così influente da essere determinante, è più che altro una questione di gusti personali.
La dimensione del diametro della madre è anch'essa legata a fattori personali (agli inizi in cui praticavo la pesca col vivo con fili più sottili più volte mi è capitato di perdere i 'bestioni' per cedimento del filo), mentre i diametri un pò eccessivi dei braccioli sono dovuti al logorio che questi subiscono durante il loro sfregamento nell'apparato boccale del predatore. Siccome nella pesca col vivo il diametro del filo è praticamente ininfluente, tanto vale prendermi il sicuro nel caso abbocchi un bestione (anche se, nel caso del pesce serra, si rende indispensabile il cavetto d'acciaio).
Ovviamente tutti i diametri possono essere ridotti per scelta personale.
Come ami preferisco quelli comuni da palamito perché la loro punta è facilmente lavorabile 'a spillo' con una lima triangolare in pietra, in modo da facilitare la loro penetrazione nel sottopelle del pesce esca. Ma anche qui la scelta degli ami è del tutto personale.
Infine non smonto mai (se non nel caso di manutenzione) la paratura delle canne in quanto ne uso due esclusivamente per la pesca col vivo (ultimamente sto trattando due gloriose Italcanna Marenostrum e due altrettanto gloriosi mulinelli Mitchell 498 che già possedevo nel passato, ma il venditore vuole praticare prezzi da collezionista...)

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


Link sponsorizzati

Tags: