tonnetti alletterati. wanted!!!

This is a discussion for the topic tonnetti alletterati. wanted!!! il the board REGGIO CALABRIA.

Autore Topic: tonnetti alletterati. wanted!!!  (Letto 3441 volte)

sampey dello stretto

  • ^Member^
  • *
  • Post: 76
il: Settembre 25, 2014, 21:47:08
ma come mai sulle coste di reggio calabria e villa san giovanni ancora non ho potuto avere il piacere di prenderne nemmeno uno? 1 anno fa la loro passa è iniziata il 10 settembre e ora nè con la barca nè con la canna.... qualcuno di voi ha avuto in questi giorni la possibilità di prenderne almeno uno? se si dove?
La pesca è come il gioco d'azzardo, chi rischia a volte viene ripagato, a volte ne esce da perdente...


SognandoSampei

  • ^Sr. Member^
  • *
  • Post: 325
Risposta #1 il: Settembre 26, 2014, 10:49:38
Ciao,

Quest'anno è un problema generale... Anche dalle mie parti(ROssano) gli scorsi anni si prendevano un sacco di tonni da riva ma quest'anno niente, massimo 1/2 al giorno quando va bene... Speriamo che sia un ritardo anche se ho paura che quest'anno sia un'annata cosi....  ;D
"Si può dire che la pesca con la lenza è come la matematica: non la si può mai imparare completamente."

Izaak Walton, Il pescatore perfetto, 1653/76


beka

  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 454
  • Calabria pesca on line forum:il forum sulla pesca in Calabria
Risposta #2 il: Settembre 26, 2014, 11:42:45
bè..... con la strage di tonnetti che tutti gli anni viene fatta sulla costa ionica magari saranno pure finiti...
non è la paura a dominarmi ma solo l'irrequietezza


SognandoSampei

  • ^Sr. Member^
  • *
  • Post: 325
Risposta #3 il: Ottobre 03, 2014, 10:45:08
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
bè..... con la strage di tonnetti che tutti gli anni viene fatta sulla costa ionica magari saranno pure finiti...

Non posso darti torto... Purtroppo la mancanza è colpa di noi pescatori.... Io lo scorso anno arrivavo a 8/9 per un peso di 5kg e tornavo e non tutti i giorni.... C'è gente che ha portato a casa 30/40 tonni al giorno da riva nei giorni clou, per non parlare delle mattanze con la barca... Si vantavano che prendevano 100/120 tonnetti anche da 200/300 gr.... E questi sono i risultati.....
"Si può dire che la pesca con la lenza è come la matematica: non la si può mai imparare completamente."

Izaak Walton, Il pescatore perfetto, 1653/76


Enrico63

  • ^Member^
  • *
  • Post: 94
Risposta #4 il: Ottobre 03, 2014, 18:01:46
Buonasera io sono più fiducioso, ho la convinzione che il mare, la natura si auto regolamenta salvandosi dallo scempio dell'uomo, cerco di spiegarmi. Questa stagione, ho anticipato il rientro dalle vacanze, verso i primi di settembre dal Salento. Ragion per cui non mi sono lamentato di aver visto solo un paio di alletterati in canna. Poi leggo che anche in questo periodo, non se ne pescano. Dico subito che questa stagione di pesca, mi è sembrata in generale sottotono, se raffrontata agli scorsi anni. Io credo per le condizioni meteo particolari che ho riscontrato e  che ha colpito tutto lo stivale.Parlando con un pescatore di quelli di un tempo, mi faceva notare che oggi, non riusciamo più a "vedere" e dare il giusto peso ai cambiamenti, che ci possono essere anno per anno. Un poco come quando dopo una stagione di siccità, tutti a giurare che la desertificazione globale ha avuto inizio, per poi ricrederci due anni dopo con piogge copiose per 6 mesi. Quindi magari tra una stagione o due ritorneranno i giusti tempi, con clima e condizioni favorevoli per tornare a pescare "intelligentemente" i nostri amati tonnetti. Certo mettiamoci tutti una mano sulla coscienza, peschiamo con la testa e non con un'altra parte del corpo e tratteniamo senza passare per barbari.  E ancora non mi stancherò mai di gridarlo, i sacchetti, le plastiche varie riportiamoli a casa, siamo uomini o animali? In certi casi vedo la seconda ipotesi. Anche da un sacchetto in meno abbandonato, si creano le condizioni ottimali per continuare ad esercitare questo sport meraviglioso.


^DARIOCRETA^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2468
  • Fish Responsibly
Risposta #5 il: Ottobre 04, 2014, 12:01:08
Caro Enrico, è molto saggio iltuo discorso che condivido, ottimismo a parte. Io penso che da anni, per fattori antropici, la catena eco-alimentare sia spezzata, non dico irrimediabilmente, ma quasi. Forse non è un processo irreversibile, basti pensare al cosiddetto buco dell' ozono, fenomeno che grazie alle timide politiche di contenimento internazionali, sembra si stia riducendo, seppure in maniera lenta. Penso che noi pescatori sportivi dobbiamo dare l' esempio come dici tu, ma non basta, purtoppo, in assenza di politiche globali che vadano al di là di semplici proclami, perlopiù sterili. Fino a due anni fa qui da noi era pieno di tonnetti alletterati, adesso fai fatica a trovarne uno, anche al mercato. Le responsabilità di ciò vanno distribuite a più livelli, ma noi pescatori sportivi ritengo che siamo al livello più basso di dette responsabilità, il che non ci esime dal dovere morale di comportarci, almeno noi, nella sola maniera che riteniamo accettabile, ossia con profondo rispetto per il nostro amico mare, che sta morendo.

Inviato dal mio LG-E455 utilizzando Tapatalk



Enrico63

  • ^Member^
  • *
  • Post: 94
Risposta #6 il: Ottobre 06, 2014, 10:43:11
Ciao, l'ottimismo è obbligatorio di questi tempi e  non solo nella pesca sportiva. Giusto anche il tuo punto di vista, personalmente non credo più all'intervento delle istituzioni, dei politici ecco perché cerco di sensibilizzare da sempre tutti noi, ad un uso civile delle coste, dell'ambiente in generale. Se ci vantiamo e non ci indigniamo al pescatore sportivo (?) o semi professionale che getta le reti dove non può, a pochi metri dalla riva, in periodi vietati non solo dai regolamenti ma anche dal buon senso. Quando vedo in estate sub con le bombole, con il "palo" sulla barca che staziona a 5 metri, impedendo a me di lanciare e ti guarda come dire "Che vuoi pure pescare? Tanto il mio compare è lì sotto e sparerà, tranquillo a tutto ciò che passa dai 10 cm in su', di che si vuole discutere? Della mancanza politico organizzativa del settore? Che evidentemente conosciamo, come su altri settori che pensano a tutto tranne che al suddito pagante. Che vuoi chiedere ad una politica che permette il consumo sempre più massiccio del pesce spazzatura (pangasio), importato da fiumi super inquinati, da dare alle nostre mense dove siedono i nostri figli e non insegna nelle scuole, a conoscere il buon pesce azzurro di casa nostra. Evidenziando che non esiste solo il pesce allevato orate e spigole. Che per carità, capita che mangio pure in mancanza di altro. 


Link sponsorizzati

Tags: