Gizzeria, ''Laghi La Vota'', Provincia approva progetto per salvaguardia sito

This is a discussion for the topic Gizzeria, ''Laghi La Vota'', Provincia approva progetto per salvaguardia sito il the board SEGNALAZIONI DAL WEB.

Autore Topic: Gizzeria, ''Laghi La Vota'', Provincia approva progetto per salvaguardia sito  (Letto 1025 volte)

Varnon

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 148
Un luogo naturale, bello, unico nel suo genere viene salvaguardato. Spero che facciano davvero degli sforzi per mantenerlo così com'è, ritrovo di animali e caratteristiche acquatiche uniche. Vi lascio con l'articolo che parla dei fondi che verranno utilizzati per salvaguardare questo pezzo di natura.



La giunta provinciale di Catanzaro, presieduta da Wanda Ferro, ha approvato questa mattina una delibera per la candidatura a finanziamento attraverso la misura 2.2 – asse III del FEP- Fondo Europeo Pesca, di un progetto rivolto alla salvaguardia ambientale e alla valorizzazione del SIC – Sito di interesse comunitario dei "Laghi La Vota", ultimo lago costiero naturale della costa tirrenica calabrese nel territorio di Gizzeria.

Il progetto di salvaguardia ambientale, che comporta un investimento di quasi 200 mila euro, è realizzato dalla Provincia di Catanzaro in partenariato scientifico con la società di consulenza ambientale Graia srl, e attraverso una considerevole attività scientifica punta alla definizione di modalità eco-sostenibili di gestione e di utilizzo delle risorse ambientali presenti nel sito. Questi laghi salmastri sono, tra l'altro, popolati da specie ittiche di importanza faunistica come le anguille e da molluschi bivalvi.

In particolare, il progetto punta ad una gestione sostenibile del prelievo ittico e di molluschi eduli, compatibile con la conservazione del Sic, e di ausilio e sostegno alle attività di pesca professionale a mare, coerentemente con quanto richiesto dal bando Fep. Il progetto ha anche una importante ricaduta sociale, poiché all'interno del sito vengono svolte attività legate alla pesca di varie specie ittiche e alla raccolta di molluschi commestibili.
I Laghi La Vota sono caratterizzati da un ecosistema molto delicato e da varie criticità che si ripercuotono inevitabilmente sulla fauna – pesci, anfibi, rettili e uccelli – che popola il sito. Tra le criticità: disturbo antropico (una frequentazione eccessiva e incontrollata), alterazioni morfologiche (modifiche strutturali e alterazioni degli equilibri idrici dei bacini dovuti a opere di bonifica, a sfruttamento a scopo agricolo e a prelievi idrici), frammentazione e ridotta estensione delle fitocenosi, gestione forestale (rimboschimenti nelle aree retrodunali e disboscamenti a fini agricoli), presenza di specie alloctone, raccolta di frodo (pesca e cattura di fauna e flora non controllate), rischio incendi incontrollati, inquinamento da fertilizzanti, pascolo incontrollato, cambiamento dell'uso del suolo con perdita di corridoi ecologici di connessione con le aree palustri, erosione costiera, erosione della duna, deposito incontrollato di rifiuti, scarsa informazione.

Tra gli obiettivi del progetto, mantenere e migliorare la biodiversità degli habitat e delle specie di interesse comunitario, utilizzare in maniera sostenibile le sue componenti, scongiurare la scomparsa degli endemismi locali, minimizzare e limitare la diffusione di specie alloctone, migliorare lo stato delle conoscenze sulle specie ed habitat di interesse comunitario, introdurre una gestione a tutela degli habitat, contribuire ad aumentare la sensibilizzazione nella popolazione locale riguardo le esigenze di tutela, con attività informativa anche nelle scuole.
"La salvaguardia dei Laghi La Vota – commenta il presidente Wanda Ferro – non solo consentirà di tutelare la pesca e le tante attività connesse, ma anche di valorizzare un sito di straordinario valore naturalistico che potrà attirare tanti visitatori e appassionati in una parte del nostro territorio che ha una certa vocazione turistica, generando quindi una significativa economia e dando un contributo al miglioramento della qualità della vita dei cittadini. Si tratta di un progetto che è reso possibile dal grande lavoro svolto dal Settore Agricoltura dell'ente, diretto dalla dott.ssa Rosetta Alberto, che abbiamo fortemente sostenuto insieme all'assessore al ramo Nicola Montepaone e al consigliere Michele Rosato".




Fonte: Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


Link sponsorizzati

Tags: