Mulinelli da Shore Jigging

This is a discussion for the topic Mulinelli da Shore Jigging il the board SHORE JIGGING.

Autore Topic: Mulinelli da Shore Jigging  (Letto 14289 volte)

^DARIOCRETA^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2468
  • Fish Responsibly
il: Gennaio 29, 2013, 18:41:24
In passato ho ricevuto alcune richieste di consigli riguardo all'attrezzatura da Shore Jigging, per cui mi sembra giusto aprire un topic tecnico riguardante i mulinelli che vengono usati a shore jigging. Quando avrò altro tempo aprirò un topic dedicato alle canne.

Premetto subito che i mulinelli da shore jigging devono avere delle caratteristiche particolari e, in linea di massima, i mulinelli da spinning non sono adatti allo shore jigging, per alcuni semplici motivi. Ovviamente parliamo di vero e proprio shore jigging, non light shore con le canne da spinning, ma una tecnica dedicata, eseguita con canne specifiche e jig dai 40 ai 120 grammi, con trecciati da 20 a 30 libbre.

Questo topic si riferisce ad uno shore jigging medio-pesante destinato al Mediterraneo, in quanto per uno S/J nell'Atlantico o nel Pacifico ci vogliono attrezzature più pesanti e gravose, perché le prede sono più importanti. Stiamo parlando di una tecnica destinata ad insidiare pesci che in genere da noi non superano i 15 kili, o almeno non si hanno testimonianze fotografiche o video nel Mediterraneo di pesci più gorssi presi con questa tecnica, se non vado errato.

I mulinelli da shore, rispetto ai loro fratelli da spinning, devono essere semplicemente più potenti. In linea teorica devono essere muli da jigging o da heavy spinning, devono essere muli ignoranti, possibilmente full metal, possibilmente SW, possibilmente che li puoi prendere a martellate e li puoi strapazzare senza che perdano la loro efficacia e la loro potenza. I muli da spinning devono essere altrettanto forti, ma sicuramente possono permettersi di essere più 'orologini', scorrevoli, fluidi, aristocratici insomma, dei veri e propri damerini. L'ideale sarebbe avere un mulo che sposi entrambe le caratteristiche e nelle fasce alte lo troviamo pure. Ma sono fasce proprio alte...

Ma andiamo per ordine, elenchiamo prima le caratteristiche che devono avere i muli da shore.

1) Corpo resistente, possibilmente full metal.
2) Archetto robusto, di alluminio o altra lega, ma solido e stabile, sicuro nel lancio.
3) Rullino guidafilo generoso, capace di sopportare carichi gravosi.
4) Ingranaggi potenti, sovradimensionati, resistenti all'usura e allo sforzo, possibilmente anche alla corrosione e alla salsedine.
5) Manovella monoblocco in acciaio o altro materiale durevole, che si attacchi direttamente alla ruota del pignone per avvitamento.
6) Frizione potente, dai 9 kili in su, per poter ingaggiare un bel duello e nel caso forzare una grossa preda anche a 20-30 metri di profondità.
7) Il peso ideale dovrebbe essere dai 400 ai 550 grammi. Non vi fate spaventare, in America usano muli da 600-700 grammi anche su canne da spinning da 9 piedi. Voi direte, sono dei marcantoni...ma prendiamo allora i nostri amici giapponesi: per fronteggiare i giganti dei loro mari, ho visto video di shore jappo o made in Taiwan in cui questi mingherlini utilizzavano per questa tecnica uno Stella 10000 (come il mio amico Nek, che però è un gigante) o addirittura un Saragosa 14000 . Ci si deve fare l'abitudine, se le canne sono di 10 piedi non è detto che muli del genere le sbilancino, anzi, e bisogna acquisire una tecnica di jiggata particolare, in modo da far lavorare solo il braccio e non il polso o la spalla.
7bis) Devono avere una ratio di recupero possibilmente da 4,6 a 5,2. Anche se più che la ratio, importa la quantità di treccia recuperata per giro di manovella, ossia tra gli 80 e i 100 cm. Più la ratio sarà bassa più il mulo sarà potente. Diciamo che i 90 cm rappresentano un buon compromesso.
9) Devono essere muli che durano nel tempo, perché questa tecnica, come il vertical del resto, li stressa non poco, creando sollecitazioni su tutto il corpo del mulinello, dall'archetto al guidafilo agli ingranaggi all'albero, alla manovella, per non parlare della frizione.
10) Devono avere un pomello ergonomico, perché l'impugnatura a shore è diversa da quella a spinning, la presa è più salda, l'ideale sarebbe avere un pomello ad uovo (egg handle), in modo da non perdere mai il controllo della jiggata. Assolutamente da evitare i modelli con doppia manovella.
11) Non è necessario avere 14 cuscinetti, è la potenza la loro caratteristica, non la loro scorrevolezza. 4 cuscinetti, possibilmente anti-corrosione, sono più che sufficienti. Certo, se ne hanno 11 meglio ancora, ma con gli ingranaggi e le caratteristiche di cui sopra. Cioè, se devi prendere uno Stella va bene, se devi prendere un mulo con 8 cuscinetti ma con ingranaggi destinati a sfaldarsi o un guidafilo delicato o una frizione insufficiente, allora vira su altre caratteristiche. Perché quando si jigga devi suonare l'heavy metal, non la musica sinfonica, passatemi il paragone...
12) Devono avere bobine capaci di contenere almeno 250 metri di trecciato da 20 libbre (per le taglie più piccole) o da 30 libbre (le taglie più grandi).

Vediamo ora quali sono i modelli che mi sento di consigliare. A seguire farò un elenco di altri mulinelli utilizzati in questa tecnica, ma che non mi sentirei di consigliare, perché ho letto o constatato dei problemi di tenuta o dei difetti evidenti, per i quali rimando a specifici reviews. Ovviamente non si tratta di un elenco esaustivo, anzi è aperto a qualsiasi intervento e/o miglioramento, come ogni topic che si rispetti. Purtroppo non esistono sul mercato dei mulinelli creati appositamente per lo shore jigging, e ritengo che sia una lacuna da colmare, perché questa tecnica si sta pian piano diffondendo in tutto il pianeta. Ad esempio si sente l'esigenza di un mulo che abbia caratteristiche da vertical ma che abbia un peso contenuto, diciamo sui 450 grammi. Solo per fare un esempio.

Diciamo che queste valutazioni derivano, oltre che dall'esperienza personale, mia e dei miei compagni di shore, anche e soprattutto dallo studio di pareri qualificati, reviews, analisi degli ingranaggi e delle caratteristiche tecniche oltre che da test effettuati in pesca, letture cui mi dedico per passione, e che si possono trovare sui migliori forum deidcati. In particolare mi sono avvalso di contributi di forum greci, americani, australiani, neozelandesi, giapponesi in lingua inglese, oltre che del parere sempre stimolante del più grande Shore Jigger del Mediterraneo, ossia Markos Vidalis, mio maestro ateniese, con cui spero un giorno di avere l'onore di pescare.

Ecco l'elenco per marca dei muli che mi sentirei di consigliare a chi volesse intraprendere questa disciplina, ripeto lo shore jigging puro, non lo spinning coi jigs. L'elenco non è sempre in ordine di valore commerciale ma di valore tecnico relativamente a questa disciplina. Per ovvi motivi non do indicazioni di prezzi, perchè variano troppo e sarebbero fuorvianti. I prezzi potrete trovarli da soli. Le taglie più piccole sono da considerarsi adatte a canne di 9 piedi, quelle più grandi a canne di 10 piedi, per sintetizzare al massimo.

Shimano

Stella SW 5000 PG - 6000 PG - 8000 PG - 10000 PG
Twin Power SW 5000 - 6000 PG - 8000 PG
Biomaster SW 8000 PG
Biomaster SW-A 6000 PG
Saragosa SW 6000
Saragosa 8000 F
Spheros 8000 PG
Navi 8000 PG *

Penn

Spinfisher SSV 4500-5500
Conquer (Atlantis) 5000-7000**

Daiwa

Saltiga Z6000
Seagate 4500

Abu Garcia

Soron stx 60

Altri mulinelli utilizzati per lo shore, ma che non mi sento di consigliare sono:

Shimano

Technium 6000 FB***
Aernos 5000 FA

Daiwa

Capricorn 4500 J
Saltist 4500 H
Oceano Exceler 4500 JA

Quantum

Cabo 50

Okuma

Salina II 5000

*Oramai fuori catalogo.
**Il mulo, che uso da una decina di mesi,  sarebbe anche ottimo per lo shore, ma diciamo che ha alcuni difetti che possono dare fastidio, soprattutto su un mulo di quella fascia di prezzo, anche se non sono così gravi da sconsigliarlo, ed è ampiamente migliorabile. A mio giudizio è stato migliorato dal nuovo Spinfisher, anche se costa di meno.
***L'ho avuto per qualche tempo, mulo ottimo per lo spinning pesante, ci ho tirato su un bel serra da 3 kili, ma non completamente adatto a mio giudizio allo S/J.


alessandroserra24

  • FISHING FRIEND
  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 525
  • DEAL WITH IT
Risposta #1 il: Gennaio 29, 2013, 19:21:01
sei sempre incredibile e i tuoi topic sono sempre chiarissimi! ti ringrazio per aver scritto tutto questo :D .

lo shore jigging mi affascina molto, è solo che qui da noi non penso dia i suoi frutti perchè i fondali non sono profondi come da voi :( . un giorno però spero di poter iniziare a fare (magari quando avrò una barchetta o un amico con la barchetta) Vertical Jigging! tu l'hai mai provato?

solo una domanda. ma lo spinfisher SSV che consigli, perchè lo consigli? se non sbaglio l'SSV è il modello che ha il sistema per livebait (quella doppia frizione, sia anteriore che posteriore:per chi non sa di cosa si tratta, si tiene la posteriore attiva in modo che l'esca viva non incontri resistenza nel suo nuoto e quindi nuoti liberamente, e quando c'è la mangiata del predatore attraverso un sistema si attiva manualmente la frizione anteriore, tarata già per il combattimento, PUTENZA!) .
con tutti questi cappotti potremmo aprire un bel negozio di abbigliamento
---------------------------------------------
passion is life


^DARIOCRETA^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2468
  • Fish Responsibly
Risposta #2 il: Gennaio 29, 2013, 19:30:50
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
sei sempre incredibile e i tuoi topic sono sempre chiarissimi! ti ringrazio per aver scritto tutto questo :D .

lo shore jigging mi affascina molto, è solo che qui da noi non penso dia i suoi frutti perchè i fondali non sono profondi come da voi :( . un giorno però spero di poter iniziare a fare (magari quando avrò una barchetta o un amico con la barchetta) Vertical Jigging! tu l'hai mai provato?

solo una domanda. ma lo spinfisher SSV che consigli, perchè lo consigli? se non sbaglio l'SSV è il modello che ha il sistema per livebait (quella doppia frizione, sia anteriore che posteriore:per chi non sa di cosa si tratta, si tiene la posteriore attiva in modo che l'esca viva non incontri resistenza nel suo nuoto e quindi nuoti liberamente, e quando c'è la mangiata del predatore attraverso un sistema si attiva manualmente la frizione anteriore, tarata già per il combattimento, PUTENZA!) .

Ciao Ale. Il VJ non l'ho ancora provato, non avendo la barca (mannaggia) ma prima o poi lo proverò. Comunque sono due tecniche simili ma anche diverse, per attrezzatura e per tecnica. Lo spinfisher ssv, nuovo modello, è disponibile anche come live liner, ossia baitrunner, adatto a pesche tipo carpfishing e - se non vado errato - anche alla pesca col vivo. Ma io intendevo ovviamente il modello spinning reel, cioè quello normale. Si tratta di due attrezzi diversi.


alessandroserra24

  • FISHING FRIEND
  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 525
  • DEAL WITH IT
Risposta #3 il: Gennaio 29, 2013, 19:35:23
Aaah sisi hai ragione. io ero convinto che il modello con il live liner si chiamasse SSV e il normale V e invece il normale è SSV e quello con il liveliner si chiama SSVLL  calabria . perchè non provi a chiedere a Markos se ti porta in barca ? :D
con tutti questi cappotti potremmo aprire un bel negozio di abbigliamento
---------------------------------------------
passion is life


blue jack fin

  • FISHING FRIEND
  • ^Sr. Member^
  • *
  • Post: 368
Risposta #4 il: Gennaio 30, 2013, 09:44:15
Gran post dario, complimenti! Volevo Chiederti consigli sulla jercata, avevo letto da te che per non affaticarsi non bisogna mai rivolgere la canna verso il basso ma tenerla dall'orizzontale in sù, per poter lavorare di braccio e non di polso. E' già tanto ma se mi riesci a dare qualche accortezza in più te ne sarei grato. Questo perchè qualche volta ho fatto inchiku sui 75 metri di fondo ed è una faticaccia incredibile! E non si recupera veloce come nel vertical.
Mi vieni in mente spesso dario perchè qui da me ci sarebbe uno spot per lo shore incredibile. Da uno scoglio a 10 metri da esso ci sono 70 metri.. è una parete verticale che sprofonda in mare. Ed è pure una punta. Purtroppo è parco marino e solo i residenti possono pescarci (anche con reti e  palamiti e tutto quello che vogliono... lasciamo la polemica in questa parentesi).
Grazie ancora per le utilissime info.

P.S. tu che hai studiato  ;D  è vero che qualcuno si è slogato la spalla sull'abboccata facendo vertical?????

Saluti!!


^DARIOCRETA^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2468
  • Fish Responsibly
Risposta #5 il: Gennaio 30, 2013, 11:51:36
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Gran post dario, complimenti! Volevo Chiederti consigli sulla jercata, avevo letto da te che per non affaticarsi non bisogna mai rivolgere la canna verso il basso ma tenerla dall'orizzontale in sù, per poter lavorare di braccio e non di polso. E' già tanto ma se mi riesci a dare qualche accortezza in più te ne sarei grato. Questo perchè qualche volta ho fatto inchiku sui 75 metri di fondo ed è una faticaccia incredibile! E non si recupera veloce come nel vertical.
Mi vieni in mente spesso dario perchè qui da me ci sarebbe uno spot per lo shore incredibile. Da uno scoglio a 10 metri da esso ci sono 70 metri.. è una parete verticale che sprofonda in mare. Ed è pure una punta. Purtroppo è parco marino e solo i residenti possono pescarci (anche con reti e  palamiti e tutto quello che vogliono... lasciamo la polemica in questa parentesi).
Grazie ancora per le utilissime info.

P.S. tu che hai studiato  ;D  è vero che qualcuno si è slogato la spalla sull'abboccata facendo vertical?????

Saluti!!

Guarda sulla lussazione della spalla è possibile, è una tecnica davvero faticosa, ma sicuramente non penso sia l'abboccata il problema, ci doveva essere qualcosa di pregresso che si è acutizzato. Per quanto riguarda la jerkata a shore, se usi la funzione ricerca del forum, abbiamo postato diversi video jappo che mostrano lo stile perfetto per questa disciplina. L'importante è non lavorare di polso, o comunque usare una polsiera rigida, perché altrimenti tendiniti e tunnel carpali sono sempre dietro l'angolo (io ne so qualcosa). Ciao.


Tedo

  • ^Member^
  • *
  • Post: 29
Risposta #6 il: Giugno 12, 2013, 13:06:55
Che ne pensate dei Mulinelli Exceed della Trabucco?
Ho visto un amico che ha preso il mod. 4500 e non sembra niente male...
Peccato che al momento non sia prevista la bobina di ricambio!!!
Io per abitudine ne ho sempre una di scorta per i miei muli!  ;D


^DARIOCRETA^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2468
  • Fish Responsibly
Risposta #7 il: Giugno 12, 2013, 17:34:00
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Che ne pensate dei Mulinelli Exceed della Trabucco?
Ho visto un amico che ha preso il mod. 4500 e non sembra niente male...
Peccato che al momento non sia prevista la bobina di ricambio!!!
Io per abitudine ne ho sempre una di scorta per i miei muli!  ;D

Assolutamente no!!! ;D E' una copia di un mulo cinese di scarsa qualità. Vai su google e cerca la recensione di Alan Hawk che svela l'imbroglio, fra l'altro perpetrato da altre aziende come la Canyon.


Tedo

  • ^Member^
  • *
  • Post: 29
Risposta #8 il: Giugno 12, 2013, 19:06:59
Grazie mille, ho trovato il sito Alan Hawk e certo non ne parla un gran bene, però parla del 7000.

Ho letto che quello che fà più scalpore è che è di mediocre manifattura cinese e viene invece spacciato come di alta qualità!!!

Infine quello che mi ha colpito di più che la bobina (di cui tra l'altro non forniscono ricambio) è valutata come di bassa qualità cinese e che la frizione che danno per un carico massimo di 30 Kg. per quel modello, pare andare in crisi già a trazioni di 8 Kg.

In effetti meglio andare su Penn a questo punto, visto cha la fascia prezzo è quella...  ;D


^DARIOCRETA^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2468
  • Fish Responsibly
Risposta #9 il: Giugno 12, 2013, 19:18:03
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Grazie mille, ho trovato il sito Alan Hawk e certo non ne parla un gran bene, però parla del 7000.

Ho letto che quello che fà più scalpore è che è di mediocre manifattura cinese e viene invece spacciato come di alta qualità!!!

Infine quello che mi ha colpito di più che la bobina (di cui tra l'altro non forniscono ricambio) è valutata come di bassa qualità cinese e che la frizione che danno per un carico massimo di 30 Kg. per quel modello, pare andare in crisi già a trazioni di 8 Kg.

In effetti meglio andare su Penn a questo punto, visto cha la fascia prezzo è quella...  ;D

Giusto. Però dai un'occhiata anche al nuovo Biomaster SW, taglia 8000. O anche al Saragosa, che pesa un po' di più. Se riesci a trovarlo, inoltre, lo Stradic 8000 FJ è un mulo di tutto rispetto. Per quanto riguarda il Penn è interessante lo Spinfisher V, soprattutto per il rapporto qualità-prezzo.


nuccio81

  • ^Member^
  • *
  • Post: 27
Risposta #10 il: Luglio 09, 2013, 11:15:00
Buon giorno Dario volevo chiederti, che difetti hai trovato al penn atlantis, visto che ero interessato all'acquisto. A proposito il saragosa come si comporta con il trecciato, lo imbobina bene? Visto che la taglia 8000 ha l'imbobinamento aerowave e quindi credo non sia a spire incrociate. Grazie per le sicure risposte


^DARIOCRETA^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2468
  • Fish Responsibly
Risposta #11 il: Luglio 09, 2013, 17:52:28
Ciao. Sul Saragosa non ho esperienze dirette, ma sicuramente ti posso dire che non ha l'imbobinamento a spire incrociate. I difetti dell'Atlantis sono emersi dopo un po' di tempo che l'ho massacarato a shore. Diciamo che non è proprio un mulo che si presta alla perfezione, soprattutto nella taglia 5000. Innanzitutto la porta per la manutenzione è in plastica ed è avvitata, quindi non assicura l'impermeabilità del mulo in una zona nevralgica. A me forzando un po' l'avvitamento si è rotta e l'ho dovuta sostituire. Un peccato, in un mulo che è quasi tutto in metallo. Inoltre è scomoda la manutenzione, in quanto permette di aggiungere il grasso ma non di pulire con efficacia gli inggranaggi dal grasso vecchio e aprire un atlantis (io l'ho fatto) è un'impresa, rispetto ad uno shimano. Inoltre gli ingranaggi sembrano sensibili alla salsedine )ho dovuto sostiruire il wind gear), così come i cuscinetti che diventano ben presto rumorosi. Come pregi ha una bella manovella,un ottimo pomello, una frizione fantastica e potente, una certa leggerezza rispetto alla taglia della bobina, una capacità superiore di imbobinamento a parità di taglia shimano, un corpo abbastanza solido. Però, secondo me, non vale il prezzo che costa, nel senso che se costasse sui 120 euro sarebbe un ottimo mulinello, ma spendere 200 euro o quasi andrei su un altro. io l'ho mandato in assistenza e negli USA me l'hanno cambiato, ora è come nuovo, non so se fosse un modello difettato, ma direi, anche leggendo i commenti sui forum americani, che un po' tutti hanno riscontrato gli stessi difetti. Potendo tornare indietro andrei sul Saragosa...


nuccio81

  • ^Member^
  • *
  • Post: 27
Risposta #12 il: Luglio 09, 2013, 20:46:27
Allora vada per il saragosa 8000.A prop.ma il daiwa capricorn 4500 j come mai non è tra i tuoi preferiti?Impugnatura scomoda o cosa.Grazie per la disponibilità


tiburon88

  • FISHING FRIEND
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 1339
  • pescare.............uno stile di vita...........
Risposta #13 il: Luglio 09, 2013, 22:30:12
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Allora vada per il saragosa 8000.A prop.ma il daiwa capricorn 4500 j come mai non è tra i tuoi preferiti?Impugnatura scomoda o cosa.Grazie per la disponibilità

ciao, io utilizzo il saragosa a spinning ed è veramente un ottimo mulinello, ho la versione 4000f ma nonostante sia piccolo e veramente molto potente se relazionato ad un mulinello di pari categoria, gli unici inconvenienti che ho riscontrato sono la rottura prematura del cicalino e la penuria di bobine di ricambio che ho dovuto ordinare dall' Olanda...per quanto riguarda l' imbobinamento presta attenzione quando lo fai, in quanto il mulinello imbobina bene ma pretende che il trecciato sia stretto per bene, altrimenti fa delle pieghe.

Ciao dario, volevo chiederti un parere, premetto che adoro le attrezzature penn, mi danno la sensazione di potenza e robustezza....nello specifico avrei interesse sul mulinello SPINFISHER SSV, secondo te sarebbe adatto all' utilizzo dalla barca in tecniche tipo bolentino di medio fondale, light jigging e live kab, con una bella treccia 40lb?? che grandezza consiglieresti??

Saluti ad entrambi e grazie.
I lOvE FiShInG!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

StOp AlLe ReTi AbUsIvE!!!!!!!!!!!!!

EtIcA & SpOrT


^DARIOCRETA^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2468
  • Fish Responsibly
Risposta #14 il: Luglio 10, 2013, 20:43:02
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Allora vada per il saragosa 8000.A prop.ma il daiwa capricorn 4500 j come mai non è tra i tuoi preferiti?Impugnatura scomoda o cosa.Grazie per la disponibilità

ciao, io utilizzo il saragosa a spinning ed è veramente un ottimo mulinello, ho la versione 4000f ma nonostante sia piccolo e veramente molto potente se relazionato ad un mulinello di pari categoria, gli unici inconvenienti che ho riscontrato sono la rottura prematura del cicalino e la penuria di bobine di ricambio che ho dovuto ordinare dall' Olanda...per quanto riguarda l' imbobinamento presta attenzione quando lo fai, in quanto il mulinello imbobina bene ma pretende che il trecciato sia stretto per bene, altrimenti fa delle pieghe.

Ciao dario, volevo chiederti un parere, premetto che adoro le attrezzature penn, mi danno la sensazione di potenza e robustezza....nello specifico avrei interesse sul mulinello SPINFISHER SSV, secondo te sarebbe adatto all' utilizzo dalla barca in tecniche tipo bolentino di medio fondale, light jigging e live kab, con una bella treccia 40lb?? che grandezza consiglieresti??

Saluti ad entrambi e grazie.

Ciao Tiburon, se non ricordo male avevo aperto proprio una discussione sul nuovo Spinfisher. Mi sono molto documentato sui foprum americani, è un modello nuovo e finora sembra aver superato quasi tutti i test...sotto sforzo. Secondo me la misura giusta è il 5500, per il light jigging anche il 4500. E' un mulo dal rapporto qualità-prezzo davvero super, vale la pena provarlo.


^DARIOCRETA^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2468
  • Fish Responsibly
Risposta #15 il: Luglio 10, 2013, 20:49:41
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Allora vada per il saragosa 8000.A prop.ma il daiwa capricorn 4500 j come mai non è tra i tuoi preferiti?Impugnatura scomoda o cosa.Grazie per la disponibilità

Bella domanda, ero indeciso fino all'ultimo se inserirlo o no in quelli consigliati. Ho avuto modo di provarlo, ce l'aveva il mio amico Antonis ma l'ha venduto quasi subito. Guarda, ci ha tirato su anche discreti pesci, ma quando l'ho provato io non mi ha dato l'impressione di solidità, soprattutto per il prezzo che costa, almeno qui in Grecia. Il pomello in plastica è scomodo, leggerino e troppo...'giocattolo' per gli sforzi da jigging. Inoltre ha dato problemi di imbobinamento e al lancio ha dato problemi di parrucche, nonostante il taglio di diversi millimetri. La frizione è discreta ed ha una discreta scorrevolezza, ma l'impressione soggettiva è che per quel prezzo si può trovare di meglio. Il problema di Daiwa è che spesso i muli di fascia media o anche medio-alta non sono competitivi come gli Shimano, ad esempio. Per avere un buon mulo di qualità Daiwa (so che mi farò dei nemici su questo forum  calabria) secondo me bisogna spendere almeno 250 euro. Ovviamente non pretendo di possedere il vangelo eh, le mie sono solo opinioni.


nuccio81

  • ^Member^
  • *
  • Post: 27
Risposta #16 il: Luglio 10, 2013, 21:10:22
Molto Eloquente....l'unico dubbio è che il saragosa,  sul lancio con il trecciato, mi possa dare qualche problema. Ancora non capisco perché per avere un imbobinamento a spire incrociate, bisogna spendere capitali...


tiburon88

  • FISHING FRIEND
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 1339
  • pescare.............uno stile di vita...........
Risposta #17 il: Luglio 10, 2013, 22:42:36
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Molto Eloquente....l'unico dubbio è che il saragosa,  sul lancio con il trecciato, mi possa dare qualche problema. Ancora non capisco perché per avere un imbobinamento a spire incrociate, bisogna spendere capitali...

A patto che l' imbobinamento sia perfetto non avrai alcun problema, come ti dicevo io lo uso a spinning ed è inutile dire quanti lanci faccio in una pescata, ho avuto pochi problemi nonostante quando lo presi ero novellino della pesca con la treccia..

[/quote]

Ciao Tiburon, se non ricordo male avevo aperto proprio una discussione sul nuovo Spinfisher. Mi sono molto documentato sui foprum americani, è un modello nuovo e finora sembra aver superato quasi tutti i test...sotto sforzo. Secondo me la misura giusta è il 5500, per il light jigging anche il 4500. E' un mulo dal rapporto qualità-prezzo davvero super, vale la pena provarlo.
[/quote]

Grazie dario, dovrò comprare un mulinello a breve per usarlo un po come jolly nella pesca dalla barca, credo, visto soprattutto il rapporto qualità- prezzo, che virerò su questo.

Saluti
I lOvE FiShInG!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

StOp AlLe ReTi AbUsIvE!!!!!!!!!!!!!

EtIcA & SpOrT


nuccio81

  • ^Member^
  • *
  • Post: 27
Risposta #18 il: Luglio 10, 2013, 23:01:22
Grazie Tiburon


olandesevolante

  • ^Sr. Member^
  • *
  • Post: 322
Risposta #19 il: Luglio 11, 2013, 01:28:39
Pochi giorni fa avevo aperto un post sul navi 8000 pg che ho, sforzava a 100m con piombo da 200 g... Beh il mio compagno di barca ha un penn spinfisher 6500 se non ricordo male.. Non ci sn paragoni col navi, il penn potevo tirare un relitto


Link sponsorizzati

Tags: