A CACCIA DI.....SPIGOLE

This is a discussion for the topic A CACCIA DI.....SPIGOLE il the board SURFCASTING.

Autore Topic: A CACCIA DI.....SPIGOLE  (Letto 9583 volte)

^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6152
il: Novembre 10, 2010, 23:43:15
PREMESSA La spigola entra di diritto fra le prede tipiche del surfcasting. Ma in realtà è poi proprio così? Se andiamo a scomodare la statistica e le esperienze personali, almeno le mie,  posso affermare che non sono tutte rose e fiori. Altre tecniche, quali spinning e galleggiante, sovrastano quantitativamente la nostra disciplina e la prima anche in fatto di pezzatura delle catture. Allargando l’orizzonte ci accorgiamo anche che non tutto il mondo è paese. Infatti, sempre con dati statistici alla mano, possiamo constatare che alcuni lidi risultano molto proficui e la caratteristica prevalente di questi posti più fortunati sono le acque basse e medio basse. Cosa dobbiamo fare noi, sfortunati abitatori delle profonde coste tirreniche della Calabria(e non solo)? Dobbiamo deporre le armi o dedicarci ad altre tecniche? Assolutamente no. Il nostro predone è largamente presente sulle nostre coste (Peppino & spinners docet) e non dobbiamo far altro che affinare le armi e aguzzare l’ingegno. Il comportamento è differente a seconda dell’età. Infatti, spesso e volentieri si atteggia a grufolatore di gruppo in età giovanile mentre diventa totalmente o quasi solitario in età adulta assumendo prevalentemente le vesti del cacciatore. Ma inquadrarla entro canoni rigidi è praticamente impossibile: ogni volta che si pensa di aver stabilito la regola ecco che si presenta l’eccezione. La nostra regina ha infatti un comportamento a volte imprevedibile e camaleontico e di questo dovremo tenerne conto. A nostro favore comunque depone il fatto di trovarci di fronte ad un avversario pressoché onnivoro. La sua dieta spazia dagli anellidi ai cefalopodi, dai crostacei ai pesci, sia vivi che morti, passando dai molluschi pertanto il nostro parco esche potrà essere quanto mai vario. Comunque la sua indole di predatore ci farebbe orientare verso gli inneschi vivi ma in questo caso sfoceremmo nella tecnica a teleferica e similari che esula dal nostro campo. E’ comunque possibile utilizzare queste esche (cefaletto e anguillina in primis) ma in condizioni di scaduta e con dei lanci appoggiati, significando che lanci violenti e condizioni di mare estremamente mosso troncherebbero immediatamente la vitalità delle nostre insidie.
DOVE
 In quali posti insidiare la spigola? Bella domanda: potrebbe essere ovunque. Ovviamente ci sono degli spot da prediligere rispetto ad altri. Spogliamoci per un momento dei panni da pescatore e indossiamo le squame del nostro labrax. La nostra ha uno scatto rapidissimo ma di breve durata, predilige prede di dimensioni non esagerate e soprattutto non le piace percorrere autostrade ma ama aspettare piuttosto che disperdere energie nella ricerca di cibo. Quindi il suo territorio di caccia tipo è facilmente intuibile: 1) spiagge piccole delimitate da formazioni rocciose, promontori o scogliere (le c.d. pocket beach). Ambienti delimitati che costituiscono riparo per tante creature di cui cibarsi ed entro cui la caccia si risolve, in bene o in male, nell’arco di pochi metri. 2) presenza di foci con emissione di acqua dolce con possibilità di risalita del primo tratto di fiume. Questo è un ambiente che fornisce alla nostra amica elevate quantità di cefalotti e anguilline. 3) gradino di risacca: è un territorio di caccia prediletto dalla spigola. Questa zona schiumosa, durante il rimescolamento delle onde, solleva innumerevoli organismi che costituiscono il menù principale dei piccoli pesci. In poche parole è l’innesco della catena alimentare. In questo caso sospinge le prede verso la battigia senza stancarsi. Di conseguenza è in prossimità di questi ambienti che piazzeremo le nostre esche Non tralasciamo ovviamente secche o scogli isolati e nemmeno le zone in cui l’acqua cambia colore: la spigola, oltre che opportunista, è un’abilissima stratega e, in mancanza di nascondigli solidi, al riparo dei quali attendere le prede, si affida alle zone d’ombra che l’elemento liquido le può fornire. In definitiva, ogni ambiente in cui, senza tanto affannarsi, presenti una buona concentrazione di cibarie, può costituire il luogo ideale di caccia della nostra amica. Quanto detto è riferito principalmente alle spiagge ad alta energia. Discorso leggermente diverso andrebbe fatto per le spiagge basse. In questi ambienti, anche con un leggero sommovimento le acque divengono opache fornendo il necessario occultamento al nostro cacciatore anche in assenza di ripari naturali.
Anche qui è fondamentale andare ad individuare l’innesco della catena alimentare. A tal proposito vi rimando alle discussioni già affrontate in più occasioni e relative ai soliti frangenti, canaloni paralleli e perpendicolari ecc. L’unica raccomandazione è di non essere tentati, trattandosi di acque basse, di raggiungere sempre e comunque distanze estreme: ricordatevi che il canalone più vicino a riva di solito è quello più bazzicato dalle spigole. Gli amici che pescano nel medio Adriatico, zona molto ricca delle nostre amiche, spesse volte pescano con una porzione di bracciolo fuori dall’acqua.
COME
Tenendo conto che ci occupiamo di surfcasting gli attrezzi saranno adeguati allo scopo. Se ci prefiggiamo di pescare solo in condizioni di scaduta o di mare non estremamente mosso anche le telescopiche e le 3pz possono andar bene a patto che ci consentano di pescare con zavorre da 150gr. in su più esca. Mulinelli fissi con frizione di provata affidabilità e buona capienza caricati con monofili non inferiori allo 0.28 più shock leader adeguato al piombo utilizzato. Il surfcaster completo che non vuole trovarsi impreparato davanti a condizioni estreme ricorrerà invece alla soluzione ripartita più rotante. In questo caso la gamma sia in ordine alle canne che ai mulinelli è più ristretta: potremmo optare per una canna da 6oz o arrivare ad una 8oz a seconda della situazione che preferiamo affrontare. La scelta del mulinello ricade fra le tre marche arcinote sul mercato optando fra i modelli più potenti o più veloci a seconda della situazione. Essi saranno caricati con un monofilo dallo 0.30 in su più il solito shock. Anche per i calamenti il discorso è molto semplice. Tralascio l’uso dello scorrevole in quanto poco indicato per il surfcasting e mi limiterei al long arm ed allo short . La scelta dell’uno o dell’altro è determinato dalla forza delle onde e dalla profondità dell’acqua. Personalmente prediligo i braccioli lunghi, non a livello di orata ovviamente, ma dai 150 ai 200cm. Teniamo conto che dobbiamo trovare un ottimo compromesso fra massima mobilità dell’esca e tenuta ai grovigli. Io di solito armo una canna con un long sopra i 150cm con attacco basso ed un’altra con le stesse misure ma con attacco alto. Aumento il diametro finchè non arrivo alla perfetta tenuta del bracciolo. Ricordiamoci che nelle nostre condizioni è sconveniente scendere sotto uno 0.30 di diametro mentre possiamo arrivare ad impiegare fino ad uno 0.60. Naturalmente se le condizioni sono da centrifuga e l’acqua non è particolarmente opaca possiamo ripiegare sui classici short e short rovesciato. Escluderei il pater noster a causa dei braccioli corti che non rendono la necessaria mobilità anche se può capitare che il nostro predatore possa essere ingannato da un braccioletto da 30cm. Non utilizzerei fluorocarbon vista la scarsa visibilità delle acque e ritengo controproducente l’impiego del cavetto d’acciaio. Le esche sono quelle viste nelle premesse: di tutto e di più, teniamo conto che la spigola, anche se è un predatore, è comunque un calcolatore che mira al massimo profitto con la minore spesa. Nella stagione fredda, poi, quando i pesciolini e gamberi da predare sono più rari, giocoforza deve orientarsi su altri bocconi che le possano offrire il giusto apporto proteico. Naturalmente il grado di appetibilità delle singole esche varia da spot a spot. La nostra sceltaricade su: grossi americani, bibi, sardine, cefali, seppie, calamari e occhio di canna, cannolicchi, fasolare e cardium. Dovendo fare una classifica generica di massima metterei al primo posto la seppia fresca, magari innescata a strisce con un taglio finale a coda di rondine. Con tutto questo parco a disposizione potremmo anche sbizzarrirci in accoppiate quali americano (di grosse dimensioni) con trancetto di seppia, cannolicchio con fasolare o occhio di canna ecc. Non lesinate sulla misura degli ami: dobbiamo presentare bocconi di una certa grandezza e quindi l’uncino dovrà essere adeguato, partiamo da misure prossime allo 0 per arrivare fino al 2/0 – 3/0. Il tipo da impiegare dipende dai gusti personali. Diciamo che il beack è universale mentre l’aberdeen è più specifico per le esche da tenere lunghe quali l’americano, la sarda e la striscia di seppia. Non tralasciamo di effettuare qualche tentativo con l’esca sgallata. O all’interno quando la tipologia lo consente (sarda, seppiolina ecc) o con dei pop-up negli altri casi
QUANDO
Un predatore si dovrebbe nutrire comunque, a prescindere dalle condizioni ma, statisticamente parlando, ci sono dei momenti più propizi in cui la nostra regina è più propensa a spalancare la bocca. La sua attività è influenzata da condizioni climatiche e temporali. Sotto il primo aspetto dovremo andare a cercare l’arrivo di una perturbazione. Un drastico calo barico, che di solito coincide con l’inizio di una mareggiata, mette la carica alla nostra amica che rimarrà comunque attiva per tutto il tempo della mareggiata e della scaduta finale. Sotto l’aspetto temporale ritengo che sia una delle specie più soggette all’effetto delle maree. I momenti migliori sono i culmini di alta e bassa marea facendo comunque salve le due ore prima e le due ore dopo dei due eventi. Altri momenti fertili, sempre sotto l’aspetto temporale, sono i cambi di luce ovvero alba e tramonto, fattori che, come ben sapete stimolano l’attività di diverse specie. Stabilire se è meglio la notte o il giorno non saprei: quando il mare muove la trasparenza dell’acqua è molto limitata per cui anche le ore diurne non hanno controindicazioni. La stagione clou è ovviamente l’inverno, periodo in cui gli esemplari più grossi accostano per la riproduzione, però, essendo una specie che non effettua grossi spostamenti, qualunque condizione di mare mosso, in qualunque stagione, potrebbe essere un’occasione propizia per darle la caccia.
CONCLUSIONI
L'azione di pesca in se è semplice: una canna a sondare la zona del gradino di risacca e i primi 30 metri e l'altra dai 50 metri in poi. Nelle pochet beach accostiamo le nostre esche alle formazioni rocciose. Se siamo nei pressi di una foce cerchiamo di lambire il punto più lontano in cui arriva l'acqua dolce (lo si individua dal cambio di colore dell'acqua). Nelle spiagge basse una canna nel primo canalone e la seconda sull'ultimo. Cosa molto importante è di non stare con le mani in mano anche se le esche sono corpose e resistenti: variamo le distanze, alterniamo i calamenti e variamo le esche. E soprattutto andate a pescare quando il mare muove.
Spero di essere stato utile e e di non avervi annoiato calabria
Alla prossima
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


giufà

  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 407
Risposta #1 il: Novembre 11, 2010, 01:45:58
beh che dire..descrizione a dir poco perfetta!!
volevo se si può aggiungere..il fatto che la spigola nel periodo Febbraio-Marzo, dopo la riproduzione, le Spigole diventano ancora più pigre, e si comportano da grufolatori anche se di grosse dimensioni,dopo gli sforzi della riproduzione, è più semplice mangiare anellidi e ciò che il mare "offre senza fatica" che andare a caccia!! in questo periodo è un pò più probabile che la Spigola si lasci tentare da esche da SC o da PAF!! ;D
comu n'cissi u surici a nuci....dammi tempu ca ti perciu!!


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6152
Risposta #2 il: Novembre 11, 2010, 22:43:20
Ciao Giufà e grazie dell'apprezzamento.
Concordo in pieno con quanto dici. Come avrai notato ho messo i puntini sulle i sulla connotazione esclusivamente predatoria della spigola. Se prendiamo il serra, a parte il trancio di pesce (comunque sgallato e molto mobile), si nutre esclusivamente di pesce vivo. La nostra, come hai giustamente osservato, in certi periodi diventa più pigra. Io ho voluto concentrare il mio post nel periodo classico del surf che è poi quello che ragala gli esemplari più grossi.
Ne approfitto per ribadire che l'apporto delle esperienze personali di ciascuno di voi mi farebbe enormemente piacere
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


greybear

  • FISHING FRIEND
  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 832
Risposta #3 il: Novembre 12, 2010, 00:31:23
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
QUANDO
Un predatore si dovrebbe nutrire comunque, a prescindere dalle condizioni ma, statisticamente parlando, ci sono dei momenti più propizi in cui la nostra regina è più propensa a spalancare la bocca. La sua attività è influenzata da condizioni climatiche e temporali.
anche dalle mie parti la presenza di spigole catturabili é influenzata
da particolari periodi e momenti e dalla conformazione della costa barese: in assenza di foci profonde di fiumi il luogo privilegiato di riproduzione é l'interno dei porti, per cui la spigola é preda comune per chi pratica bolo e inglese in ambito portuale, specie di sera quando diminuisce o si ferma l'attività di cefali e pescettame. dopo la riproduzione le giovani spigole convivono nel porto con i cefaletti fino a quando migliorano i tempi, con la buona stagione escono dai porti e cominciano la 'caccia' lungo le coste, passano tutta l'estate in caccia fino alla maturazione sessuale e rientrano nei porti in autunno per la prima riproduzione... ma poi ne escono affamate per riprendere la caccia e, a quel punto, tocca a noi cercarle su spiaggie e scogliere...
l'orso scende dalla montagna ed esce dal bosco
mangia l'ultima mela dimenticata dal contadino
sull'albero e ruba il miele alle api...
sulla riva del fiume, nascosto all'ombra dei cespugli, osserva l'uomo che pesca...
UOMO! SE RISPETTERAI L'ARIA CHE RESPIRO E LA TERRA SU CUI VIVO E L'ACQUA
CHE MI NUTRE IO SARO' IL TUO TOTEM E I MIEI FIGLI E I TUOI FIGLI VIVRANNO IN PACE.


sh4d0w85

  • Visitatore
Risposta #4 il: Aprile 28, 2014, 12:12:05
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
[...] dovremo andare a cercare l’arrivo di una perturbazione. Un drastico calo barico, che di solito coincide con l’inizio di una mareggiata, mette la carica alla nostra amica che rimarrà comunque attiva per tutto il tempo della mareggiata e della scaduta finale.

Innanzitutto complimenti per l'articolo 

con riferimento alla citazione sopra secondo te è possibile stabilire una preferenza tra mare montante o in scaduta?


Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Se siamo nei pressi di una foce cerchiamo di lambire il punto più lontano in cui arriva l'acqua dolce (lo si individua dal cambio di colore dell'acqua)

Questa affermazione è frutto di esperienza o c'è qualche altra spiegazione?


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6152
Risposta #5 il: Aprile 28, 2014, 16:16:50
Grazie per l'apprezzamento anzitutto.
Dovendo scegliere fra fase iniziale di una mareggiata e scaduta sceglierei la prima ma è anche molto difficile da acchiappare in quanto spesse volte si esaurisce in pochissimo tempo. La scaduta invece è più fruibile e prevedibile e il pesce continua ad essere in circolazione anche se meno frenetico.

E' un dato di fatto, quindi desunto da esperienze personali dirette ed indirette. Diciamo che mi riferivo, in caso di foce, a condizioni di accentuata sporcizia della zona per cui è da preferire la linea di demarcazione fra sporco e pulito. Tieni comunque conto che la spigola spesso sta in agguato in queste zone di cambio della tonalità senza avventurarsi nel torbido. Se il colore dell'acqua è accettabile allora conviene sfruttare tutta la zona. Le condizioni che allontanano i pesci dalla foce si verificano sugli estuari di una certa portata al momento del disgelo della neve sulle montagne: l'acqua diventa troppo fredda e viene disertata dai pinnuti.
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


sh4d0w85

  • Visitatore
Risposta #6 il: Aprile 28, 2014, 18:25:21
Mi interessa molto la foce perchè spesso pesco in questa zona e non solo con la tecnica del surf, credo che comunque alcuni concetti siano generali a prescindere dalla tecnica utilizzata.


Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Le condizioni che allontanano i pesci dalla foce si verificano sugli estuari di una certa portata al momento del disgelo della neve sulle montagne: l'acqua diventa troppo fredda e viene disertata dai pinnuti.

Oltre alla condizione della citazione sopra ed alla presenza di forte sporcizia, ci sono altre condizioni (es. stagione, ora della giornata, marea, condizione meteo, ecc...) che portano il pesce ad allontanarsi dalla foce?


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6152
Risposta #7 il: Aprile 28, 2014, 22:36:13
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Oltre alla condizione della citazione sopra ed alla presenza di forte sporcizia, ci sono altre condizioni (es. stagione, ora della giornata, marea, condizione meteo, ecc...) che portano il pesce ad allontanarsi dalla foce?
Penso che l'ambiente della foce sia sottoposto alle stesse influenze degli altri spot ossia maggior attività durante le ore prossime ai picchi di marea e in prossimità di alba e tramonto. Per quanto riguarda le condizioni meteomarine la foce costituisce un habitat autonomo e a se stante. Grazie all'apporto in termini di nutrimento e acqua dolce da parte dell'emissario, spesso non richiede condizioni particolari come gli altri spot come mare mosso ecc. ovviamente un minimo di movimento dello specchio acqueo e una gradazione velata dello stesso non guastano.
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


sh4d0w85

  • Visitatore
Risposta #8 il: Aprile 30, 2014, 20:34:31
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
[...] maggior attività durante le ore prossime ai picchi di marea [...]

L'alta e la bassa marea fanno sì che la quantità di acqua salata che si immette nella foce è diversa, secondo te, in caso di mare calmo o quasi, c'è un legame tra alta o bassa marea e la distanza dal mare lungo il canale dove la spigola sosta?


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6152
Risposta #9 il: Maggio 01, 2014, 01:14:42
L'alta marea, anche per una questione meccanica, aumenta l'immissione di acqua salata verso il fiume ma, per i nostri fini, secondo me, la questione va vista al contrario nel senso che l'alta marea rallenta il deflusso di acqua dolce verso il mare aperto. Bisogna anche dire che nel Mare Nostrum i fenomeni di marea sono molto limitati per cui, in condizioni di mare calmo, non mi creerei eccessive preoccupazioni: l'importante è che ci sia l'emissione di acqua dolce in mare.
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


sh4d0w85

  • Visitatore
Risposta #10 il: Maggio 02, 2014, 12:46:51
Grazie per i tuoi consigli,
le tue argomentazioni fanno riflettere ed aprono scenari interessati per chi ama questo sport 


Link sponsorizzati

Tags: