ELEMENTI DI LANCIO (da pesca)

This is a discussion for the topic ELEMENTI DI LANCIO (da pesca) il the board SURFCASTING.

Autore Topic: ELEMENTI DI LANCIO (da pesca)  (Letto 23153 volte)

^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6153
Risposta #40 il: Marzo 22, 2010, 08:56:14
E' sempre difficile individuare le cause se non si guarda dal vivo. Comunque, un lancio corto e a sinistra indica un rilascio ritardato dello shock. Il ritardo, a sua volta è indice di un lancio "tagliato" ovvero, dopo la rotazione iniziale viene chiuso con un'alzata repentina della canna sopra la spalla. Questa azione rappresenta un contraccolpo al corretto caricamento dell'attrezzo che non consente di far proseguire la giusta traiettoria al piombo: è come se qualcuno correggesse in volo la traiettoria della zavorra e la schiacciasse verso il basso. I miei suggerimenti sono questi, peraltro già esposti nella parte relativa al ground, ma capisco che è difficile correggersi da soli. Basilare è tenere sempre le braccia distese e la canna distante dal corpo, per tutta l'esecuzione del lancio. Altra cosa fondamentale è lo sguardo che deve fissare il cielo e mai il mare o l'orizzonte. La rotazione della canna (dalla posizione di partenza al momento dell'alzata) dev'essere fatta al rallentatore parimenti alla rotazione del busto. Giunti a circa ore 12 si comincia ad alzare la canna senza smettere di ruotare intorno al nostro corpo e sempre con le braccia distese. In questo frangente la mano sinistra dev'essere sempre molto alta, ad altezza della testa, e la mano desta ad altezza del fianco destro. Questa è proprio la fase cruciale: proviamo ad immaginare che al posto della canna abbiamo in mano una matita e che con la punta di questa tracciamo 3/4 di cerchio intorno a noi, da ore 15 (o comunque dalla posizione di partenza) fino a ore 18. Durante la fase di chiusura la velocità aumenta per imprimere forza all'azione. Io consiglio di affidarsi prevalentemente al braccio sinistro, ovvero all'azione di "pull", di tirare il calcio della canna verso il nostro petto con tutta l'energia che abbiamo, nel frattempo cerchiamo di vincolare il braccio sinistro ad una posizione quanto più possibile "distesa". Sembrerà strano ma l'azione di push & pull è abbastanza difficile da eseguire e coordinare e il più delle volte in questo frangente si tende ad "accorciare" il braccio destro richiamando la canna verso il corpo.
Mi pare che Dunkan abbia preso coscienza dei propri errori facendo la giusta diagnosi. Gli accorgimenti sono tanti ma partiamo da questi che ti sono stati suggeriti.
Caio
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


Dunkan

  • ^Member^
  • *
  • Post: 27
Risposta #41 il: Marzo 22, 2010, 10:40:16
Grazie a tutti per le risposte, purtroppo non potrò prima della prossima uscita di pesca, penso che questo sia il fattore che mi penalizza di più nell'apprendimento...Comunque cercherò di tener bene a mente i vostri consigli: sguardo alto e rotazione completa dellla canna.
Volevo infine chiedervi un ultima cosa, lanciando col fisso vi capita a volte di rilasciare male il filo a casa del dolore sull'indice che lo  rilascia? Utilizzare del nastro sul polpastrello può essere un rimedio?

Grazie ancora Dunkan.


^DRAYCON^

  • Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2346
  • L'elemento fondamentale della pesca?Birra e panini
Risposta #42 il: Marzo 22, 2010, 16:58:45
Beh penso di si.. Comunque il dolore al dito può venire in due occasioni, o mentre ti stai allenando con i lanci, dove ne fai uno dopo l'altro, allora il dolore più che altro è dato dalla stanchezza; oppure può essere dato da una cattiva disposizione del dito indice al momento del lancio (questo naturalmente quando sei a peca dove il numero di lanci è limitato).
Vivo la vita a un'uscita di pesca alla volta! Non mi importa ne dove, ne quando, ne come! A ogni uscita di pesca, sono un'uomo libero!


etfreaky*

  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 813
  • Sii il cambiamento che vuoi nel mondo
Risposta #43 il: Marzo 22, 2010, 17:14:13
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Grazie a tutti per le risposte, purtroppo non potrò prima della prossima uscita di pesca, penso che questo sia il fattore che mi penalizza di più nell'apprendimento...Comunque cercherò di tener bene a mente i vostri consigli: sguardo alto e rotazione completa dellla canna.
Volevo infine chiedervi un ultima cosa, lanciando col fisso vi capita a volte di rilasciare male il filo a casa del dolore sull'indice che lo  rilascia? Utilizzare del nastro sul polpastrello può essere un rimedio?

Grazie ancora Dunkan.

Per il dolore, puoi facilmente risolvere utilizzando gli appositi salvadito che si vendono. Oppure un pezzo di camera d'aria.
Comunque si, quando non uso il salva dito, e forzo i lanci, ho dolore anche io, come tutti d'altronde.
La pesca è la metafora della vita... stai seduto senza far nulla aspettando che succeda qualcosa.
Ma non succede mai nulla.


^DRAYCON^

  • Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2346
  • L'elemento fondamentale della pesca?Birra e panini
Risposta #44 il: Aprile 08, 2010, 03:28:41
Salve ragazzi! Purtroppo in queste vacanze di pasqua non sono riuscito ad andare a pescare! In compenso  martedì me ne sono andato in un bel campo a provare lanci, in particolare sto cercando di imparare il side! Ho trovato molte difficoltà, e soprattutto i risultati non sono stati dei migliori! Dopo due ore di allenamento e circa una ventina di lanci riuscivo a indirizzare il piombo verso le ore 7, cercando di lanciare verso le ore sei, almeno questo è stato il mio isero miglior risultato! Non so però se le condizioni con cui cercavo di allenarmi fossero buone! Mi spiego meglio, la canna che utilizzavo, una lineaeffe laredo in fibra di vetro az. 100-250 gr era pesantissima (685gr), molto rigida (il cimino è grosso quasi quanto una matita) e il piombo di 125gr! Quando cercavo di concentrarmi sul dito per il giusto rilascio della lenza  notavo che non ero io ad anticipare, ma era il filo che mi scappava dal dito! Ho cercato allora di stringerlo il più possibile ma ho risolto poco, snza contare che mi stavo letterlamentre sfregiando il dito! Secondo voi, pensave che avrei dovuto usare una canna e piombo più leggeri per iniziare? Per adesso comunque la distanza non mi interessa, voglio solo imparare bene il lancio, la distanza viene dopo!
Vivo la vita a un'uscita di pesca alla volta! Non mi importa ne dove, ne quando, ne come! A ogni uscita di pesca, sono un'uomo libero!


Saragone

  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 898
Risposta #45 il: Aprile 08, 2010, 07:46:56
Secondo me dovevi usare un piombo più pesante per quella canna innanzitutto...
Poi devi lavorare esclusivamente sulla pulizia del movimento,successivamente penserai ai metri...
E' meglio un ottimo  pescatore con una pessima canna in mano,che una ottima canna in mano ad un pessimo pescatore...

Meno seghe mentali e PIU' PESCA!


^DRAYCON^

  • Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2346
  • L'elemento fondamentale della pesca?Birra e panini
Risposta #46 il: Aprile 08, 2010, 13:32:33
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Secondo me dovevi usare un piombo più pesante per quella canna innanzitutto...
Poi devi lavorare esclusivamente sulla pulizia del movimento,successivamente penserai ai metri...
Ciao Saragone!
Non lo so non mi fido a usare piombi più pesanti con una canna del genere, nonostante la grammatura è in fibra di vetro e inoltre è una telescopica, ho paura di romperla e di farmi male.. Non lo so magari vorrei una vostra conferma, ma pens che l'errore mio sta sul fatto che facevo un movimento troppo rotatorio, come un ground poco caricato.. Infatti partivo con il mulinello e gli anelli, anzichè rivolti verso l'alto, rivolti di lato, facendo poi un movimento rotatorio dall basso verso l'alto, finivo nella stessa posizione, cioè con mulinello e anelli rivolti di lato anzichè in basso.. Non so se ho reso l'idea del movimento che facevo!
Vivo la vita a un'uscita di pesca alla volta! Non mi importa ne dove, ne quando, ne come! A ogni uscita di pesca, sono un'uomo libero!


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6153
Risposta #47 il: Aprile 08, 2010, 14:09:34
Affidati ad una telescopia di ultima generazione in carbonio alto modulo. Le differenze rispetto alla fribra di vetro sono abissali. Quando passai dalle Mitchell Mariner Strong (fenolico, 3 pz, 250 gr.) alle Futura, al primo lancio forzato mi causai un taglio profondo alla linea fra le due falangi del dito
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


^DRAYCON^

  • Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2346
  • L'elemento fondamentale della pesca?Birra e panini
Risposta #48 il: Aprile 08, 2010, 17:02:50
Ciao Oltremare!
Si ora sto risparmiando per acquistare una canna come si deve, per adesso sono riuscito ad acquistare un buon mulinello che era più urgente! Riguardo alla tecnica di lancio che eseguivo sai dirmi qualcosa?
Vivo la vita a un'uscita di pesca alla volta! Non mi importa ne dove, ne quando, ne come! A ogni uscita di pesca, sono un'uomo libero!


Danny88

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 276
  • **Non è finita fino a quando non lo hai salpato**
Risposta #49 il: Aprile 18, 2010, 21:57:31
Oltremare, nonostante la tua modestia c'è da complimentarsi innanzitutto per la preparazione e per il bagaglio d'esperienza, in secondo luogo per il modo piuttosto fluente con il quale sbobbini la pratica in teoria, molto esaustivo. Vorrei chiederti una cosa a proposito del ground, dato che sto cominciando a cimentarmi con questa tipologia di lancio.
Nella spiegazione ripeto molto chiara e semplice da te fatta, parli d una fase di "precaricamento", ovvero quella che a detta tua dev'essere svolta a rallentatore per poi in fase di chiusura scatenare il push nd pull caricando fortemente la canna. Cosa intendi per rallentatore? Se cominciamo la rotazione eccessivamente piano, non corriamo il rischio di trascinare solamente il piombo fino ad un certo punto? sarebbe una sorta di side partendo da posizione più angolata...O forse ho esasperato il concetto di "rallentatore" immaginandolo a modo mio, magari per rallentatore intendi un precaricamento piuttosto lento, ma sempre funzionale a trasferire la giusta energia alla canna!
Ancora grazie per i tuoi preziosi post! Un saluto!  calabria
DaNNy88


Saragone

  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 898
Risposta #50 il: Aprile 19, 2010, 07:46:57
Credo che Nicola abbia voluto intendere una progressione,un crescendo fino al momento della chiusura,in modo tale da evitare precaricamenti molto veloci,che portano solo ad altrettanto veloci scaricamenti che potrebbero avvenire prima di completare la chiusura,impedendo un lancio corretto e conseguentemente perdita di metri.
E' meglio un ottimo  pescatore con una pessima canna in mano,che una ottima canna in mano ad un pessimo pescatore...

Meno seghe mentali e PIU' PESCA!


Danny88

  • ^Full Member^
  • *
  • Post: 276
  • **Non è finita fino a quando non lo hai salpato**
Risposta #51 il: Aprile 19, 2010, 18:17:02
Esatto, mi riferisco proprio a quello. Grazie per la delucidazione!
DaNNy88


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6153
Risposta #52 il: Aprile 20, 2010, 08:06:42
Proprio come dice Saragone. Più che le parole ti posso invitare a guardare un qualunque filmato di un lancio pendolare ben fatto. La chiusura del pendolare e del ground in pratica si equivalgono ma nel primo caso il ralenty del caricamento si vede meglio. In pratica, finita l'oscillazione del piombo, il lanciatore comincia a girarsi verso la direzione di lancio. Potrai osservare che in questi pochi istanti la velocità è ridotta. Nel ground questa fase equivale al momento in cui insieme alla rotazione del busto si comincia a far ruotare la canna da ore 15 (o meno) al momento in cui la canna comincia ad essere alzata.
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


etfreaky*

  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 813
  • Sii il cambiamento che vuoi nel mondo
Risposta #53 il: Aprile 20, 2010, 10:03:59
Io se provo a fare questa progressione graduale, per poi chiudere di potenza, mi chiudo il lancio nei piedi... devo fare tutto veloce... perchè???
La pesca è la metafora della vita... stai seduto senza far nulla aspettando che succeda qualcosa.
Ma non succede mai nulla.


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6153
Risposta #54 il: Aprile 20, 2010, 12:26:04
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Io se provo a fare questa progressione graduale, per poi chiudere di potenza, mi chiudo il lancio nei piedi... devo fare tutto veloce... perchè???
E mi sembra strano in quanto è proprio la velocità che di solito ti porta a tagliare il lancio. Per "chiudere il lancio nei piedi" cosa intendi? che il piombo va a finire troppo basso? Evidentemente nella velocità ometti di fissare con lo sguardo un punto alto nel cielo.
Un paio di suggerimenti se mi permetti. Supponendo che parti con la cima della canna ad ore 15 evita di mettere drop e piombo in linea ma posizionali ad ore 17 (canna e drop devono formare un angolo retto).
Nel momento della chiusura "imponiti" di tenere il braccio destro disteso all'altezza degli occhi. Deve avere solo la funzione di reggere la canna, senza spingere. Il sinistro deve invece tirare a tutta birra verso il corpo.
Prima di ruotare il busto gira la testa verso la direzione di lancio e fissa un punto alto nel cielo. Vedrai che un pò alla volta riuscirai a rallentare la tua azione.
Ciao
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


chiaravadrhotu

  • FISHING FRIEND
  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 622
  • PePpE Da Chiaravalle C.le
Risposta #55 il: Aprile 20, 2010, 13:20:49
Caro oltremare ti sembrerà strano ma la tecnica da te descritta riguardo il differente uso delle due mani è la stessa che a kendo usiamo per dare i colpi con la spada...
effettivamente anche io ho notato che nei lanci usando la destra per dare direzione e imprimendo la velocità necessaria con la sinistra le differenze in termini di lancio sono notevoli.

p.s.

sei anche tu del parere che un lancio eseguito perbene caricando la canna non deve produrre il tipico fruscio che si sente nel lancio?

ho sentito dire questo da ripamonti in un video sul web.
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login  Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login  Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


etfreaky*

  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 813
  • Sii il cambiamento che vuoi nel mondo
Risposta #56 il: Aprile 20, 2010, 13:46:52
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

E mi sembra strano in quanto è proprio la velocità che di solito ti porta a tagliare il lancio. Per "chiudere il lancio nei piedi" cosa intendi? che il piombo va a finire troppo basso? Evidentemente nella velocità ometti di fissare con lo sguardo un punto alto nel cielo.



Si, proprio questo... quando cerco di essere più lento nella fase di precaricamento, non riesco a chiudere bene...

Per quanto riguarda il piombo, hai ragione, l'ho sempre tenuto a ore 15, in linea con la canna... proverò a metterlo ad ore 17 come mi suggerisci.

Grazie, a presto
La pesca è la metafora della vita... stai seduto senza far nulla aspettando che succeda qualcosa.
Ma non succede mai nulla.


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6153
Risposta #57 il: Aprile 21, 2010, 08:23:39
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Caro oltremare ti sembrerà strano ma la tecnica da te descritta riguardo il differente uso delle due mani è la stessa che a kendo usiamo per dare i colpi con la spada...
effettivamente anche io ho notato che nei lanci usando la destra per dare direzione e imprimendo la velocità necessaria con la sinistra le differenze in termini di lancio sono notevoli.
p.s.
sei anche tu del parere che un lancio eseguito perbene caricando la canna non deve produrre il tipico fruscio che si sente nel lancio?
ho sentito dire questo da ripamonti in un video sul web.
Ciao Peppe, penso che azioni simili possano essere comuni a diversi sport in quanto è un gesto meccanico che va a sfruttare regole fisiche per raggiungere il massimo del risultato.
In effetti il mio consiglio è mirato a correggere l'abbassamento eccessivo della canna che capita spesso agli inizi. Utilizzando il braccio destro solo come guida e sostegno, bloccandolo ad una certa altezza, si evita che durante la chiusura la cima della canna si abbassi troppo. Ovviamente, una volta acquistata pratica e dimestichezza, l'azione migliore è il push & pull in cui il braccio destro diventa attivo spingendo in avanti la canna contemporaneamente al sinistro che tira.
Ho già detto anch'io in uno dei miei scritti quanto sostiene Ripamonti: far fischiare la canna non è sinonimo di lancio corretto anzi. Questo fenomeno avviene per lo più con le telescopiche ed è presto spiegato. Se tu prendi un pezzo di bambou sottile e fendi l'aria sentirai il tipico sibilo. Se invece prendi un pezzo di bambou molto grosso e rigido non lo sentirai fischiare. Ciò significa che il sibilo indica che si sta caricando solo la cima della canna. Con le ripartite ciò non avviene in quanto l'attrezzo si carica in modo uniforme e progressivo. L'unica cosa che potrai sentire è il cigolio della struttura dell'attrezzo.
Ciao
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6153
Risposta #58 il: Aprile 21, 2010, 08:28:02
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Si, proprio questo... quando cerco di essere più lento nella fase di precaricamento, non riesco a chiudere bene...

Per quanto riguarda il piombo, hai ragione, l'ho sempre tenuto a ore 15, in linea con la canna... proverò a metterlo ad ore 17 come mi suggerisci.

Grazie, a presto

Devi puntare molto sull'esercizio, cercare, come ti ho detto, di tenere il braccio destro rigido a fare solo da sostegno e fissare, preventivamente, un punto altro in cielo. Ti sembrerà strano ma eseguendo una rotazione lenta anche le parrucche sul rotante diminuiscono.
Mi raccomando, a ore 17 solo il piombo, la cima della canna sempre ad ore 15.
Ciao
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


greybear

  • FISHING FRIEND
  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 832
Risposta #59 il: Aprile 21, 2010, 13:33:57
per come ha descritto i suoi lanci mi é sembrato di capire che draycon ha un limite (dovuto alla giovane età) nella forza dei polsi: parte con il mulo nella giusta posizione, ma non ha forza sufficiente a mantenere l'angolazione fino alla chiusura, deve rinforzare
i polsi... chi ha buoni consigli da dargli?
l'orso scende dalla montagna ed esce dal bosco
mangia l'ultima mela dimenticata dal contadino
sull'albero e ruba il miele alle api...
sulla riva del fiume, nascosto all'ombra dei cespugli, osserva l'uomo che pesca...
UOMO! SE RISPETTERAI L'ARIA CHE RESPIRO E LA TERRA SU CUI VIVO E L'ACQUA
CHE MI NUTRE IO SARO' IL TUO TOTEM E I MIEI FIGLI E I TUOI FIGLI VIVRANNO IN PACE.


Link sponsorizzati

Tags: