IL SURFCASTING ...questo sconosciuto - 2 - le canne

This is a discussion for the topic IL SURFCASTING ...questo sconosciuto - 2 - le canne il the board SURFCASTING.

Autore Topic: IL SURFCASTING ...questo sconosciuto - 2 - le canne  (Letto 16231 volte)

OLTREMARE

  • Visitatore
il: Febbraio 28, 2008, 15:23:48
Ciao ragazzi,
continuo questa mia carrellata di “articoli” sul Surfcasting sottraendo un po’ di tempo al lavoro (ma non ditelo in giro).
La prosecuzione logica del preambolo che ho già postato penso sia senz’altro l’attrezzatura. Anche parlando di strumenti tecnici vi prego di tener sempre a mente quelle che per me sono le caratteristi fondamentali della disciplina.
Mi preme fare alcune considerazioni per me inconfutabili:
1) non è l’attrezzatura a fare il buon pescatore, o meglio, il vero surfcaster. Questa qualità deriva da altre caratteristiche intrinseche della persona quali passione, senso del sacrificio e adattamento, senso dell’acqua.
2) ogni tecnica richiede i suoi attrezzi specifici che il più delle volte non sono assolutamente intercambiabili fra discipline diverse. Il pescatore a mosca ha le sue canne, i suoi mulinelli e accessori e mai e poi mai potrebbe utilizzare proficuamente gli attrezzi da spinning. E’ anche vero che esistono delle eccezioni in quanto tecniche diverse a volte hanno delle caratteristiche coincidenti come ad esempio il rock-fishing che spesso e volentieri adotta attrezzature da S.C.
Il surf richiede attrezzature con determinate caratteristiche, prima fra tutte la solidità e la potenza. Attrezzi che permettano sostanzialmente di “stare in pesca” anche nelle condizioni più critiche. Anche in questo campo, ed in particolar modo per le canne, le discussioni sono innumerevoli per via della onnipresente soggettività che aleggia intorno alla parola surfcasting: c’è chi considera da SC una canna che reca l’indicazione “potenza massima 150 gr.” e chi invece annovera solo canne da 8 oz. in su. Prima di ogni altra considerazione facciamo una doverosa premessa e valutiamo le tipologie di canne. Esistono in definitiva due grandi famiglie. Le telescopiche e le due pezzi (che poi effettivamente sono anche 3 pezzi e più). Le prime sono veloci da armare, facili da trasportare e, in linea di massima, anche più facili da usare, oltre ad avere generalmente un prezzo più abbordabile. Le seconde richiedono qualche sacrificio ed attenzione in più nel trasporto e nella messa in opera. Le differenze costruttive, quelle esteriori, sono sotto gli occhi di tutti. Le tele sono superfrazionate (4/5/6 sezioni) le altre hanno una minore divisione. E proprio da questo se ne trae una considerazione elementare e basilare pur senza addentrarci in tecniche di lavorazione del carbonio più o meno evolute. Un pezzo di carbonio (ma in linea di massima di tanti altri materiali) più viene frazionato e più si indebolisce. Con questo mi sento senz’altro di affermare che una canna telescopica è meno robusta di una due pezzi. Si può obiettare che alcune telescopiche sono vendute per lanci fino a 200gr. e oltre. Ricordiamoci che nella stragrande maggioranza dei casi quanto indicato sulle serigrafie non corrisponde a realtà o meglio, è reale se vengono adottati i parametri delle case produttrici che generalmente sono: lancio appena appoggiato, poco o leggermente lateralizzato, assenza di vento e di esca ecc. in sostanza è quasi come i test di consumo carburante divulgati dalle case automobilistiche. Ma se la telescopica da 150 gr. viene messa in mano ad un pescatore che abbia una buona tecnica di lancio nelle braccia e spara il massimo della zavorra, magari con un’esca consistente attaccata all’amo, non passerà molto che i soldi spesi saranno buttati alle ortiche oltre al rischio reale di farsi veramente male. Vi sono ovviamente le eccezioni (poche) di telescopiche (a volte denominate semiripartite: ma che significa questo termine?) che se la cavano egregiamente a surf, nel senso che stanno in pesca con mare bello tosto, ma anche in questo caso non cimentiamoci con lanci sofisticati. Allora, direte voi, l’alternativa sta  nelle due pezzi? Non è così semplice: vi sono due pezzi e due pezzi. Alcune hanno una notevole potenza di lancio dichiarata (250gr. e più) ma, a parte la struttura, devono essere trattate come le tele anche se dotate di maggior robustezza. Distinguiamo allora all’interno della categoria: 1)due pezzi. 2) canne a ripartizione (dette anche semplicemente cards o rip). Delle prime abbiamo fatto un breve accenno. Passiamo alle seconde. Queste sono le vere canne da surfcasting. E’ molto difficile tracciare delle caratteristiche univoche per questi attrezzi anche perché esistono comportamenti differenti fra modello e modello. Non sono riconducibili all’interno di una particolare azione (parabolica, di punta ecc.) in quanto tutta la loro struttura è finalizzata all’accumulo ed al successivo rilascio di potenza nelle mani del pescatore. Vi può essere il modello che richiede un’azione più veloce e quello invece che necessita di un trattamento più progressivo. C’è il modello con la cima più morbida e l’atro con la cima più dura ma in definitiva il comune denominatore è l’armonia di raccordo tra le tre parti che costituiscono l’attrezzo: cima, arco, pedone. E’ anche doveroso dire che per il loro miglior utilizzo è necessaria una certa dose di tecnica di lancio e mi riferisco a lanci tecnici come il ground ed il pendolo. Altri lanci appoggiati o con piombo in sospensione hanno l’effetto di caricare solo la cima senza interessare le altre componenti. Sorge naturalmente l’apprensione connessa alle tecniche di lancio e alle difficoltà di apprendere quelli più evoluti. Posso dirvi che i più esperti lanciatori sono arrivati a quei livelli solo dopo anni di sacrifici ed allenamenti ma chi, come me, non ha come suo fine ultimo il raggiungimento di distanze proibitive (relegate per lo più ai campi di lancio) ma imparare una buona esecuzione di un ground da consentirgli, all’occorrenza, di raggiungere quel frangente dietro cui si può nascondere la sorpresa, un minimo di impegno e di costanza possono essere sufficienti. Volevo inoltre sfatare il miraggio della massima distanza a tutti i costi che ciascuno di noi sembra inseguire affannosamente. Spesso, invece di guardare la superficie del mare di fronte a noi e cercare di cogliere i suoi segnali, ci sbracciamo per mettere l’esca dove di più non si può, trascurando quella prima fascia che rappresenta la zona di caccia prediletta della spigola. Torniamo alle rip. Queste hanno purtroppo un costo generalmente alto se non addirittura proibitivo quando ci orientiamo verso la blasonata produzione britannica. Va comunque detto che la tecnica costruttiva è molto sofisticata e solitamente sono attrezzi che, salvo malaugurati imprevisti ci durano una vita. Sono anche convinto che attualmente i passi più grossi sono stati fatti e, difficilmente, per un po’ di tempo, potremo assistere a rivoluzioni nel settore. Ripercorrevo mentalmente, scrivendo queste righe, l’evoluzione delle attrezzature negli ultimi anni e mi sono tornate alla memoria le mie  prime canne da surf: una coppia di Italcanna Telesurf da 5,20 mt. quelle con gli anelli enormi tutti in metallo. Giovane ed inesperto ritenevo che per staccare dalle onde occorresse una canna lunga. Solo dopo mi sono reso conto che la lunghezza non c’entra nulla. Successivamente sono arrivate le mitiche Mitchell mariner strong in tre pezzi e poco dopo le Italcanna revolution: un must per l’epoca. Che dire, attrezzi da farsi le ossa ed i muscoli nel vero senso della parola. I lanci erano quelli che erano, la passione tanta e come esseri umani, a volte vanitosi, seguiamo l’evolvere della tecnica e anche le mode. Chiusa la parentesi. Tutti sappiamo come è fatta una rip: due pezzi, innesto a spigot o compound, dotate normalmente di 7/9 anelli non molto scalati nella misura e due coaster per l’attacco del mulinello lunghezza da ca. 370 cm a 400 o poco più, potenze differenti a seconda dell'impiego più o meno gravoso. E’ la tipica configurazione per l’impiego con i mulinelli rotanti che rappresentano il miglior abbinamento. Non si demoralizzino gli estimatori del mulinello fisso. Normalmente le rip, con la semplice applicazione di una ghiera o slitta al posto dei coaster possono essere agevolmente usate con il fisso. Alcune case assemblano le canne specificamente per questo attrezzo mentre altre producono canne così dette ibride, ovvero per l’uso ambivalente con i due tipi di mulinello. Garanzia di questi attrezzi è che la stragrande maggioranza delle rip indica l’effettiva e reale portata in termini di zavorra, distinguendo spesse volte fra lancio pendolare e ground, quindi esposizione dei dati basata su prove al top delle condizioni. Tornando alle considerazioni iniziali possiamo dire che una rip può essere usata anche a mare calmo per la ricerca della massima distanza ma non possiamo impiegare altri attrezzi mutuati dalla pesca a fondo o dal beach-ledgering per affrontare una battuta di surfcasting. In questo sta la specificità degli attrezzi. Sfatiamo anche il luogo comune che vuole le rip quali attrezzi buoni per battere le olive. Non confondiamo gli attrezzi da pesca con quelli esplicitamente dedicati al lancio tecnico. Molte canne sono ambivalenti. Abbiamo delle signore canne da pesca che in pedana snocciolano distanze ben superiori ai 200 metri che sono una vera goduria a pesca per la flessuosità della cima. Altre canne che ci perdonano, come buone madri di famiglia, errori grossolani nell’esecuzione del lancio senza procurarci strappi muscolari. Avrete notato che non indico marche e modelli in questo contesto. Per dare un parere corretto e obiettivo dovrei citare solo i modelli che conosco di persona ma rischierei di fare un torno ai molti validi attrezzi presenti sul mercato.
Alla prossima
 
 
 


^FLY^

  • ))ADMIN((
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 1940
  • Il Maestro
Risposta #1 il: Febbraio 28, 2008, 15:55:41
Ciao Oltremare, come al solito sei stato molto chiaro nella tua esposizione, permettimi per? di esprimere una considerazione strettamente personale:molti di noi che non pratichiamo questa tecnica avremmo bisogno di vedere oltre che leggere,non potresti inserire nell'articolo qualche foto?
Secondo me sarebbe pi? agevole per tutti non solo dal punto di vista della comprensione ma soprattutto da quello della lettura.
Ciao Aldo
.

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


^NANDONE^

  • Io vi osservo !!!!!
  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 707
Risposta #2 il: Febbraio 28, 2008, 21:14:50
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Ciao Oltremare, come al solito sei stato molto chiaro nella tua esposizione, permettimi per? di esprimere una considerazione strettamente personale:molti di noi che non pratichiamo questa tecnica avremmo bisogno di vedere oltre che leggere,non potresti inserire nell'articolo qualche foto?
Secondo me sarebbe pi? agevole per tutti non solo dal punto di vista della comprensione ma soprattutto da quello della lettura.
Ciao Aldo

Quoto in pieno, per quanto esaustivo tutto il discorso sarebbe opportuno qualche rappresentazione fotografica, e perch? no, anche di qualche bella cattura da te effettuata in tutti questi anni di militanza nel surf-casting.


OLTREMARE

  • Visitatore
Risposta #3 il: Febbraio 29, 2008, 07:49:21
Pienamente d'accordo con voi ragazzi. Mi rendo conto che un post senza qualche illustrazione possa diventare particolarmente arido e palloso. Sto cercando di risorvere i miei problemi per l'accesso ad ImageShack. Spero di riuscirci.


^FLY^

  • ))ADMIN((
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 1940
  • Il Maestro
Risposta #4 il: Febbraio 29, 2008, 08:42:00
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Pienamente d'accordo con voi ragazzi. Mi rendo conto che un post senza qualche illustrazione possa diventare particolarmente arido e palloso. Sto cercando di risorvere i miei problemi per l'accesso ad ImageShack. Spero di riuscirci.
Vai alla Categoria COME USARE IL FORUM e clicca su COME CARICARE UN'IMMAGINE GRANDE, alla fine del post
c'? la finestra da dove puoi accedere direttamente a IMAGE SHACK .US
.

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


OLTREMARE

  • Visitatore
Risposta #5 il: Febbraio 29, 2008, 09:04:38
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Vai alla Categoria COME USARE IL FORUM e clicca su COME CARICARE UN'IMMAGINE GRANDE, alla fine del post
c'? la finestra da dove puoi accedere direttamente a IMAGE SHACK .US
Grazie Fly ma il problema non ? come usare ImageShack ma del mio server centrale in quanto diversi siti web vengono immediatamente bloccati.




catanese

  • -Member-
  • *
  • Post: 4
Risposta #6 il: Ottobre 16, 2009, 18:10:02
ciao a tutti, sono un appassionato di surf da qualche anno e sto cercando sempre piu di migliorarmi. volevo qualche informazione su monofili qualcuno puo dirmi quali comprare. ho un tica 9000 da imbobbinare. ciao


marcos

  • -Member-
  • *
  • Post: 4
  • Calabria pesca on line
Risposta #7 il: Ottobre 17, 2009, 23:40:58
ciao oltremare,cosa mi dici dell etre pezzi ch evanno cosi di moda? vorrei prenderne una ,sono orientato su qualche shimano o veret scs..qualcuno puo' chiarirmi un po di idee,attualmente ho un acoppia di antares ax 170 e una di futura 190


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6153
Risposta #8 il: Ottobre 18, 2009, 00:15:54
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
ciao oltremare,cosa mi dici dell etre pezzi ch evanno cosi di moda? vorrei prenderne una ,sono orientato su qualche shimano o veret scs..qualcuno puo' chiarirmi un po di idee,attualmente ho un acoppia di antares ax 170 e una di futura 190
Ciao Marcos, ti consiglio prima di tutto di presentarti nell'apposita sezione: Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Per avere un'indicazione sulle canne bisognerebbe conoscere l'impiego a cui vuoi destinarle. Le Antarex e soprattutto le Futura potrebbero essere sufficienti. Delle tre pezzi ci sono alcune discussioni in merito. Dai un'occhiata e se scopri che intendi acquistarle per un questione di moda, lascia perdere.
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


vincearchery

  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 501
  • NEL MARE GROSSO, SI PIGLIANO I PESCI GROSSI..
Risposta #9 il: Ottobre 18, 2009, 15:57:47
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
ciao a tutti, sono un appassionato di surf da qualche anno e sto cercando sempre piu di migliorarmi. volevo qualche informazione su monofili qualcuno puo dirmi quali comprare. ho un tica 9000 da imbobbinare. ciao
ciao.. io uso lo 0,40 della benkley, ed ultimamente ne ho imbobinato uno con lo 0,35 della trilene, a differenza del benkley il tilene invece di essere trasparente è rosso, ma considerato che parli di surf casting, non credo che il colore abbia importanza, poi se peschi di notte meno ancora.. Ma questo ovviamente dipende dai punti di vista.. Io personalmente il fluorocarbon non lo uso neanche per i braccioli (ovviamente se parliamo di surf o di pesca notturna), in quanto alla sua minore tenuta a pari diametro.
per le due marche usate, io mi trovo molto bene..
spero ti sia stato d'aiuto.
NON IMPORTA CHE TIPO DI PESCA FAI.. L'IMPORTANTE E' POTER RACCONTARE DI AVERLO FATTO..


usenti

  • -Member-
  • *
  • Post: 11
Risposta #10 il: Novembre 02, 2009, 20:12:27
ciao oltremare, io ho una artico perfecta 150\200 telesferica,mi sai dire fino a che punto mi posso spingere sia parlando di lanci che parlando di piombatura?grazie mille...! ;D


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6153
Risposta #11 il: Novembre 03, 2009, 10:10:06
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
ciao oltremare, io ho una artico perfecta 150\200 telesferica,mi sai dire fino a che punto mi posso spingere sia parlando di lanci che parlando di piombatura?grazie mille...! ;D
Ciao, non conosco il prodotto specifico e non lo trovo nemmeno nel catalogo Artico. Comunque questa casa realizza ottime attrezzature. Come tutte le telescopiche può essere utilizzata con lanci tipo above e side. Come piombatura è buona norma tenersi entro un margine di sicurezza dal massimo quindi 150 grammi per lanci più forzati e 170 per lanci appoggiati (tieni conto che va poi calcolato il peso dell'esca che a surf può essere rilevante)
Ciao
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


usenti

  • -Member-
  • *
  • Post: 11
Risposta #12 il: Novembre 03, 2009, 18:15:54
ciao oltremare,questo è il link di dove puoi guardare la canna che ho comprato,è propio quella anche come prezzo, Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login   cmq grazie per la risposta!a presto


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6153
Risposta #13 il: Novembre 03, 2009, 23:49:06
Anzitutto scusami ma ho dovuto oscurare il link come da regolamento. Ripeto che la Artico realizza ottime canne e questa non smentisca la fama. Personalmente, aggiungendo qualcosina, avrei preso la Albarossa, modello siciramente più conosciuto e osannato ma son convinto che hai fatto comunque un ottimo acquisto.
Ciao
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


usenti

  • -Member-
  • *
  • Post: 11
Risposta #14 il: Novembre 06, 2009, 17:12:31
ciao oltremare i condizioni di surf casting puo spesso capitare che il cielo sia nuvoloso,con le canne in carbonio non si rischia maneggiandole?hai qualche consiglio da darmi riguardo questo argomento?grazie mille come al solito.... calabria


Tispin

  • -Member-
  • *
  • Post: 16
Risposta #15 il: Novembre 07, 2009, 13:10:48
Oltremare.. ho letto il tuo bellissimo intervento sulle canne da Surf.. Concordo pienamente con quanto hai scritto.
Parlando di rip a 2 pz e perchè no.. anche telescopiche .. mi permetto se posso, di consigliare non le paraboliche  ma canne ad azione di punta, visto che, se l'obiettivo è quello di toccare distanze elevate per aumentare le possibilita' di imbattersi in grosse orate là dove sono presenti, le canne ad azione di punta di solito sono strutturalmente create per avere una migliore resa in termini di lancio..
Riguardo il lancio, nulla da ridire su quello che hai scritto perchè sei stato pienamente esaustivo e completo, ma leggendo mi sono accorto che non hai citato fra i lanci tecnici l'aeroground, un ibrido tra ground e pendulum che sta riscuotendo un enorme successo in pedana e non solo..

In merito al fatto invece di nominare o no le marche e/o i modelli.. credo che non sia utile invece parlarne visto magari qualche nostro amico qui non ne ha mai posseduta una e in procinto di comprarne una potrebbe commettere un errore comprando attrezzature troppo tecniche o non adatte alla pesca ma solo al lancio e viceversa.. ES: Un neofita che legge su qualche forum che le zziplex sono cannoni in grado da sparare un piombo ben oltre i 240 metri.. difficilmente puo essere a conoscenza che solo alcuni modelli della marca possono essere usati adeguatamente in pesca .....

X Catanese, Siculo come me :) : Conterraneo, monofili ce ne sono una marea.. io ti consiglio il filpesca "testa Rossa "  che ha un carico di rottura elevatissimo ed è resistentissimo a nodi e salsedine.. per la pesca a lunga distanza usa massimo il 0,18 con shock leader 0,18 in trecciato oppure leghi un 0,50 buono con il noto allbright special ( che puoi trovare su internet ).. 
Altri ottimi monofili che ho provato e usato per anni sono il Sakai Soft Cast, è verde.. e ti assicuro che l'ho usato per 10 anni!!!! pero' è quasi introvabile.. poi anche monofili della daiwa, asso ecc ecc
Riguardo a monofili cmq da imbobbinare.. personalmente posso consigliarti di non superare il 0,23.. a menocchè non pesci con sarda o col vivo.. in quei casi alzi di diametro.
Ti consiglio monofili cosi sottili perchè vorrei sfatare il mito del monofilo grosso per il mare grosso.. quando ti trovi a pesca con vermi e il mare è agitato.. e c'è alga.. con un 0,18 l'alga risale la lenza e poi va vai col vento.. con uno 0,30 invece non accade..e  poi il sottile.. per ragioni fisiche e di attrito.. è meno soggetto s spostamenti dovuti all'onda..

Cmq questi sono pareri personali.. io posso dire sempre e solo la mia.. non voglio e non mi permetto di inculcare le mie idee alla gente :)

Buon Mare! :)


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6153
Risposta #16 il: Novembre 09, 2009, 01:19:51
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
ciao oltremare i condizioni di surf casting puo spesso capitare che il cielo sia nuvoloso,con le canne in carbonio non si rischia maneggiandole?hai qualche consiglio da darmi riguardo questo argomento?grazie mille come al solito.... calabria
In condizioni di cielo nuvoloso e piovoso non c'è nessun problema. I guai cominciano con i fulmini. C'è solo un consiglio sensato da dare in questo caso. Smontare già quando il temporale è in lontananza e mettersi al riparo al più presto in macchina
Ciao
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


vincearchery

  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 501
  • NEL MARE GROSSO, SI PIGLIANO I PESCI GROSSI..
Risposta #17 il: Novembre 09, 2009, 01:31:06
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
ciao oltremare i condizioni di surf casting puo spesso capitare che il cielo sia nuvoloso,con le canne in carbonio non si rischia maneggiandole?hai qualche consiglio da darmi riguardo questo argomento?grazie mille come al solito.... calabria
In condizioni di cielo nuvoloso e piovoso non c'è nessun problema. I guai cominciano con i fulmini. C'è solo un consiglio sensato da dare in questo caso. Smontare già quando il temporale è in lontananza e mettersi al riparo al più presto in macchina
Ciao
Confermo!! una sera ho fatto lo sbruffone, e per chiudere le canne ci ho messo un fotìo di tempo, avevo calcolato che i fulmini scaricavano ad intermittenza ogni 2 minuti circa, e di conseguenza, appena scaricava, scappavo dalle canne con la speranza di finire presto e scapparmene a casa sano e salvo..
mai più una cosa del genere..
NON IMPORTA CHE TIPO DI PESCA FAI.. L'IMPORTANTE E' POTER RACCONTARE DI AVERLO FATTO..


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6153
Risposta #18 il: Novembre 09, 2009, 02:06:00
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Oltremare.. ho letto il tuo bellissimo intervento sulle canne da Surf.. Concordo pienamente con quanto hai scritto.
Parlando di rip a 2 pz e perchè no.. anche telescopiche .. mi permetto se posso, di consigliare non le paraboliche  ma canne ad azione di punta, visto che, se l'obiettivo è quello di toccare distanze elevate per aumentare le possibilita' di imbattersi in grosse orate là dove sono presenti, le canne ad azione di punta di solito sono strutturalmente create per avere una migliore resa in termini di lancio..
Riguardo il lancio, nulla da ridire su quello che hai scritto perchè sei stato pienamente esaustivo e completo, ma leggendo mi sono accorto che non hai citato fra i lanci tecnici l'aeroground, un ibrido tra ground e pendulum che sta riscuotendo un enorme successo in pedana e non solo..

In merito al fatto invece di nominare o no le marche e/o i modelli.. credo che non sia utile invece parlarne visto magari qualche nostro amico qui non ne ha mai posseduta una e in procinto di comprarne una potrebbe commettere un errore comprando attrezzature troppo tecniche o non adatte alla pesca ma solo al lancio e viceversa.. ES: Un neofita che legge su qualche forum che le zziplex sono cannoni in grado da sparare un piombo ben oltre i 240 metri.. difficilmente puo essere a conoscenza che solo alcuni modelli della marca possono essere usati adeguatamente in pesca .....

X Catanese, Siculo come me :) : Conterraneo, monofili ce ne sono una marea.. io ti consiglio il filpesca "testa Rossa "  che ha un carico di rottura elevatissimo ed è resistentissimo a nodi e salsedine.. per la pesca a lunga distanza usa massimo il 0,18 con shock leader 0,18 in trecciato oppure leghi un 0,50 buono con il noto allbright special ( che puoi trovare su internet ).. 
Altri ottimi monofili che ho provato e usato per anni sono il Sakai Soft Cast, è verde.. e ti assicuro che l'ho usato per 10 anni!!!! pero' è quasi introvabile.. poi anche monofili della daiwa, asso ecc ecc
Riguardo a monofili cmq da imbobbinare.. personalmente posso consigliarti di non superare il 0,23.. a menocchè non pesci con sarda o col vivo.. in quei casi alzi di diametro.
Ti consiglio monofili cosi sottili perchè vorrei sfatare il mito del monofilo grosso per il mare grosso.. quando ti trovi a pesca con vermi e il mare è agitato.. e c'è alga.. con un 0,18 l'alga risale la lenza e poi va vai col vento.. con uno 0,30 invece non accade..e  poi il sottile.. per ragioni fisiche e di attrito.. è meno soggetto s spostamenti dovuti all'onda..

Cmq questi sono pareri personali.. io posso dire sempre e solo la mia.. non voglio e non mi permetto di inculcare le mie idee alla gente :)

Buon Mare! :)
Carissimo Tispin, grazie anzitutto per l'apprezzamento dei miei post.
Circa l'azione della canna ritengo personalmente che non ve ne sia una migliore in assoluto per la distanza. Tutto dipende dalle caratteristiche di chi le adopera.
L'AG (aeroground) doveva rientrare in un passo successivo del mio post sui lanci che ancora non c'è stato.
Parlare di canne che non si conoscono ma solo per sentito dire credo che sia enormemente scorretto nei confronti degli utenti, magari alle prime armi, che chiedono un consiglio. Personalmente mi esprimo soltanto su modelli da me conosciuti oppure se ho referenze di amici che li possiedono e ci pescano. Di errori se ne fanno tanti nell'acquistare ma non credo che si possa toppare su una ZiZi, non fosse altro che per il prezzo.
Per quanto riguarda l'ultima parte del tuo intervento ti dico che ho notato la tua estrazione agonistica anche dalla frase sotto il tuo avatar (frase che ti dico sinceramente non condivido nel modo più assoluto).
Proprio per questo volevo anzitutto ricordarti che in questa sezione si cerca di parlare di surfcasting vero, pescato e vissuto. La lunga distanza è un parametro non sempre necessario nel nostro surfcasting. Conosciamo inoltre bene i vantaggi del filo sottile ma nel nostro surfcasting succede a volte di dover lanciare 200 gr. di piombo più esca voluminosa contro una barriera di 20 nodi di scirocco oppure di dover scalzare uno spike del peso di cui sopra e ti posso garantire che tutto questo non puoi farlo con uno 0.18 o 0.23 in bobina. Pertanto mi vorrai scusare se suggerisco all'utente Catanese di evitare di seguire i tuoi consigli, a meno che anche lui non abbia una visione uguale alla tua del surfcasting.
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


^NONNOROBY^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 3765
  • Roberto
Risposta #19 il: Novembre 09, 2009, 02:58:25
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
[...]
Pertanto mi vorrai scusare se suggerisco all'utente Catanese di evitare di seguire i tuoi consigli, a meno che anche lui non abbia una visione uguale alla tua del surfcasting.
Condivido in pieno quest'ultima osservazione, oltre a tutte quelle che la precedono.
Il mondo agonistico, che costringe ad effettuare una gara di surfcasting anche con mare forza...zero per motivi logistici, porta i concorrenti a calare drasticamente di "libraggio" per cercare di vincere la gara anche con qualche sparlotto. Siccome la gara era classificata come gara di surfcasting, porta i concorrenti a credere di aver partecipato effettivamente ad una gara di surfcasting....
Da qui il loro stupore quando si parla di certe armature adatte al vero surfcasting.
Link utili:
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
- Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


Link sponsorizzati

Tags: surfcasting