SURF CASTING METEO SURF CONOSCERE LE CONDIZIONI METEOMARINE OTTIMALI

This is a discussion for the topic SURF CASTING METEO SURF CONOSCERE LE CONDIZIONI METEOMARINE OTTIMALI il the board SURFCASTING.

Autore Topic: SURF CASTING METEO SURF CONOSCERE LE CONDIZIONI METEOMARINE OTTIMALI  (Letto 20798 volte)

marco69

  • -Member-
  • *
  • Post: 23
  • Calabria pesca on line
METEOSURF



Quando si affronta una battuta di pesca è di fondamentale importanza saper riconoscere le condizioni di tempo ottimali perchè la nostra uscita risulti fruttuosa e ricca di soddisfazioni.Temperatura, pressione atmosferica, fasi lunari e venti sono i fattori da valutare preventivamente per non avere sgradite sorprese .


Gli antichi sapevano molto meglio di noi riconoscere i segnali del tempo, e ricavare da questi indicazioni importanti per la loro vita quotidiana. Nello specifico si pensi ai marinai e ai pescatori, che dovevano necessariamente trarre dal mare e dal cielo tutti quei segnali fondamentali non solo per il loro lavoro, ma anche per la propria sopravvivenza. Controllavano la direzione del vento, il cielo, il sale se era umido o secco. oppure tastavano la sabbia del bagnasciuga per verificare se era compatta, guardavano se il mare rilasciava o mangiava la ghiaia della battigia, se l'onda formava i laghetti sulla riva. Queste informazioni erano cosi importanti che con l'arrivo dell'era moderna si penso subito di diffonderle in maniera piu' costante, e con l'avvento degli strumenti di misurazione e del telegrafo, che diffondeva costantemente i bollettini, nacque la moderna meteorologia.
A titolo di cronaca il primo servizio meteorologico nacque l' 11 settembre 1863 presso l'lstituto della Marina Militare Francese, e fu poi adottato in tutte le nazioni. Ora l'avvento di internet e delle web cam posizionate ormai in tutte le localita' del mondo. ci forniscono informazioni di prima mano in qualsiasi momento della giornata, ma ogni buon  pescatore deve saper riconoscere immediatamente alcuni indicatori meteorologici nell'ambiente che lo circonda, e saperli valutare nell'ottica della sua azione di pesca.

Latemperatura

Per temperatura si intende piu' quella dell'acqua che non quella esterna, che risulta abbastanza indifferente alle nostre prede. E per offrire le sue condizioni ottimali la temperatura dell'acqua non deve essere troppo fredda, in quanto inibisce il metabolismo dei pesci e non permette il diffondersi degli aromi, ma non deve nemmeno risultare troppo elevata perche influirebbe invece sulla catena alimentare dell'ecosistema alterandone le abitudini. Alle nostre latitudini l'acqua generalmente non deve arrivare sotto i dieci gradi e sopra ai venticinque per non disturbare l'attivit?a' della flora e della fauna ittica. Nel 2003, quando l'ondata di caldo divenne eccessiva, i pesci, osservati nel loro ambiente naturale risultavano svogliati alia presenza dell'esca, e l'annata non fu certamente una delle piu redditizie.

La pressione atmosferica

Per fare un'analisi della pressione atmosferica, ci si deve riferire ai dati di un barometro, che offrira' tutte le informazioni meteorologicamente utili alla cattura delle nostre prede. Per fare una previsione pratica si deve innanzitutto confrontare il comportamento dello strumento con quello del tempo, e si notera' che se il barometro e' alto il tempo migliora, mentre se e' basso peggiora. Di ancor maggiore importanza, pero, e' rilevare la "tendenza barometrica", cioe' il movimento che ha la lancetta, e quindi la pressione, nell'arco di due o tre ore. Le variazioni possono avvenire in modo lento (mm 0,5?)1, normale (mm 1-2), rapido (mm 2-3), rapidissimo se supera i 3 mm. Tra questi movimenti ci interessano quelli che daranno origine a tempo instabile e piovoso, con una discesa lenta e continua, a tempo cattivo, con una discesa rapida , a tempo in miglioramento, con un aumento lento e continuo, e a tempo instabile con forte vento caratterizzato da un aumento rapido. Generalmente i pesci abboccano maggiormente con condizioni di pressione stabile, ma i predatori come le spigole sembrano essere molto invogliati proprio durante i bruschi cambiamenli che le rendono piu' voraci e predisposte alla caccia.
Mormore orate, due ambite prede che sono catturabili anche e soprattutto con mare calmo o poco mosso.

La luna

La luna influenza il campo di gravitazione terrestre, e provoca i movimenti di marea che nei nostri mari non sono particolarmente visibili, ma che diventano palesi ogni qual volta si pesca in oceano. Le escursioni di marea hanno un ciclo completo nelle dodici ore, dove alternano una salita, un apice di alta, una discesa, e una punta di bassa marea. Resta comunque importante, per un pescatore accorto, controllare le tabelle di marea ,  ricordando che la fase piu' redditizia e' quella a cavallo dell'apice di alta marea. Sull'interferenza invece delle fasi lunari sulla pesca molto e' stato scritto. ma le teorie sono spesso contrastanti. Resta pero accertato  che generalmente e' proprio durante la luna nuova, primo e secondo quarto crescenti e secondo e primo quarto calante, che in inverno si formano le perturbazioni piu consistenti, quindi il mare si muove di piu' e la pescosita' e' piu' elevata. Negli altri quarti la pescosita' risulta piu' ridotta probabilmente a causa del potere schiacciante che in questo caso la luna esercita sul moto ondoso e che smorza in breve tempo mareggiate anche di grande intensita'-

I venti

I venti risultano importanti non solo perche' ci danno indicazioni per il posto in cui affrontare la battuta di pesca, ma ci dicono anche qual'e' la direzione della corrente e quindi quali tipi di pesci si potranno pescare in quel particolare luogo e momento. La corrente del mare e' sempre opposta alla direzione del vento e, dato che i pesci nuotano contro corrente alla ricerca di cibo, risultera' di vitale importanza capire i movimenti del vento. Tutte le spiagge, infatti, risultano piu' pescose quando la corrente entra da una particolare direzione, e pertanto sara' indispensabile informarsi in loco su questo aspetto prima di dedurre   la postazione. In ogni regione i pescatori esperti ben conoscono queste informazioni che, collegate a tutti gli altri fattori analizzati, completano il quadro meteorologico necessario che un appassionato di pesca deve avere per ottenere un buon risultato. Va comunque ricordato che nei nostri mari le mareggiate sono prevalentemente provocate da forti venti di libeccio e di maestrale e in questo caso la loro durata puo' prolungarsi anche per parecchi giorni, creando quelle condizioni ottimali per pescate da sogno. Infatti e' proprio in presenza di queste particolari situazioni che l'acqua smuove la sabbia mettendo in movimento una quantita' di materiale organico e di microorganismi, owero mettendo in moto quella catena alimentare che porta poi ai grandi predatori, oggetto del desiderio per le nostre canne.
 

 :-* marcosss    


templare73

  • -Member-
  • *
  • Post: 12
Caxxo splendida guida e eccezionale !!!

grazie


Darko

  • ^Member^
  • *
  • Post: 65
spiegazioni ottime...se ho capito bene x quanto riguarda il vento è piu convenievole averlo alle spalle!giusto?
DDV


^DANIELEESPOSITO70^

  • Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 1934
  • fino alla fine...
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
spiegazioni ottime...se ho capito bene x quanto riguarda il vento è piu convenievole averlo alle spalle!giusto?

Vento alle spalle di solito è sinonimo di mare calmo, quindi se si parla di surf, può essere un vantaggio solo nel momemnto in cui il vento alle spalle da inizio alla scaduta dopo la mareggiata...
Daniele


Darko

  • ^Member^
  • *
  • Post: 65
io intendevo x battute di pesca da fondo nn surf!!! calabria
DDV


Surf 33

  • FISHING FRIEND
  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 919
Da me si dice che con il vento alle spalle è inutile andare a pescare, in quanto i pesci si intanano, col vento di mare,  scirocco, invece le condizioni sono propense per una battuta di pesca, questi sono i pensieri dei vecchi lupi di mare...Ciao
************Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login************


Darko

  • ^Member^
  • *
  • Post: 65
Allora vediamo se ho capito..  sarebbe meglio pescare con vento in faccia che i pesci nuotano
contro corrente e con alta marea possibilmente!!!!  calabria

"cortesemente sul forum non bisogna scrivere a lettere maiuscole"
DDV


fred1979

  • ^Member^
  • *
  • Post: 28
  • chi dorme non piglia pesci...
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
METEOSURF


La luna

La luna influenza il campo di gravitazione terrestre, e provoca i movimenti di marea che nei nostri mari non sono particolarmente visibili, ma che diventano palesi ogni qual volta si pesca in oceano. Le escursioni di marea hanno un ciclo completo nelle dodici ore, dove alternano una salita, un apice di alta, una discesa, e una punta di bassa marea. Resta comunque importante, per un pescatore accorto, controllare le tabelle di marea ,  ricordando che la fase piu' redditizia e' quella a cavallo dell'apice di alta marea. Sull'interferenza invece delle fasi lunari sulla pesca molto e' stato scritto. ma le teorie sono spesso contrastanti. Resta pero accertato  che generalmente e' proprio durante la luna nuova, primo e secondo quarto crescenti e secondo e primo quarto calante, che in inverno si formano le perturbazioni piu consistenti, quindi il mare si muove di piu' e la pescosita' e' piu' elevata. Negli altri quarti la pescosita' risulta piu' ridotta probabilmente a causa del potere schiacciante che in questo caso la luna esercita sul moto ondoso e che smorza in breve tempo mareggiate anche di grande intensita'-


 :-* marcosss    


Come mai su questa tabella  http://www.meteopesca.com/it/lazio/san-felice-circeo

da come massima pescosità nel punto di bassa marea? e non di alta come dici tu?



^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6151
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Come mai su questa tabella  http://www.meteopesca.com/it/lazio/san-felice-circeo
da come massima pescosità nel punto di bassa marea? e non di alta come dici tu?

L'intervento che hai citato è un po' vecchiotto, quindi dubito che l'utente interessato ti darà una risposta.
E' stato rimarcato un'infinità di volte che il sito in questione va consultato limitatamente alle previsioni meteomarine (questione scientifica) e non a quelle della probabile pescosità (questione pulcinellesca).
Gli acmi di bassa marea sono momenti altrettanto validi come quelli di alta marea, quindi da non trascurare (ma non perché lo dice il sito meteo  calabria )
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


fred1979

  • ^Member^
  • *
  • Post: 28
  • chi dorme non piglia pesci...
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Come mai su questa tabella  http://www.meteopesca.com/it/lazio/san-felice-circeo
da come massima pescosità nel punto di bassa marea? e non di alta come dici tu?

L'intervento che hai citato è un po' vecchiotto, quindi dubito che l'utente interessato ti darà una risposta.
E' stato rimarcato un'infinità di volte che il sito in questione va consultato limitatamente alle previsioni meteomarine (questione scientifica) e non a quelle della probabile pescosità (questione pulcinellesca).
Gli acmi di bassa marea sono momenti altrettanto validi come quelli di alta marea, quindi da non trascurare (ma non perché lo dice il sito meteo  calabria )


Grazie,

rispondendo in questo modo, stai dicendo che sia in alta che bassa marea si pesca in eugal modo.. e cio va in contrasto con quanto affermato dall'autore del post..


^OLTREMARE^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 6151
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Grazie,
rispondendo in questo modo, stai dicendo che sia in alta che bassa marea si pesca in eugal modo.. e cio va in contrasto con quanto affermato dall'autore del post..

In parole povere....SI. Ovviamente è una mia interpretazione, d'altronde siamo su un libero forum quindi le mie idee possono essere in contrasto con quelle degli altri  calabria
Cerco di spiegarti in poche parole. Il surfcasting è una tecnica alla continua ricerca di movimento. Intendo movimento del mare ed infatti, quando ci si trova in condizioni di estrema scaduta, si va alla ricerca di quell'unico "ricciolo"  di schiuma che potrebbe fare la differenza. Premesso ciò, la marea non è altro che un grosso movimento di acqua e, tradizionalmente si tende ad indicare il culmine di alta marea con il momento migliore per la pesca. Io ci aggiungo anche la bassa marea che, al pari dell'alta, muove le acque. Ovviamente le maree non sono istantanee ma impiegano un certo lasso di tempo per arrivare al culmine per cui le due/tre ore che precedono e seguono l'apice di marea (sia alta che bassa) possono essere considerate ottimali per la pesca. Naturalmente ho diverse testimonianze di catture sul culmine di bassa.
STATE TRANQUILLI.........LO SHOCK LEADER NON MORDE

TUTTO QUEL CHE DICO SONO MIEI PARERI PERSONALI

PREFERISCO DI GRAN LUNGA CHI SI ESPONE ALL'ERRORE A CHI SE NE STA ALLA FINESTRA A GUARDARE (cit. Peppino)

- se peschi festeggia con una bottiglia di vino e del buon cibo - se non peschi consolati con una bottiglia d vino e del buon cibo -  (motto del gruppo PAM & PAM)


Surf 33

  • FISHING FRIEND
  • ^Hero Member^
  • *
  • Post: 919
Concordo con Oltremare, anche perchè di per se il moto ondoso del surfcasting rappresenta una condizione altamente ottimale per la pesca,  specie se in scaduta. A mio parere le cose cambiano per le altre tecniche, specie in condizione di mare calmo, in quanto in queste condizioni, l'alta marea rappresenta una marcia in più. Infatti, in condizioni di mare calmo è molto più facile osservare i cambiamenti, e l'evoluzione tra l'alta e la bassa marea, anche se serve comunque un occhio attento, ed almeno il movimento dei piccoli pesci vicino alla battigia è accentuato durante le ore di alta marea e scompare quasi completamente durante le ore della bassa marea. Questo fenomeno è riscontrabile specie vicino le piccole foci. Ciao
************Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login************


fred1979

  • ^Member^
  • *
  • Post: 28
  • chi dorme non piglia pesci...
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Grazie,
rispondendo in questo modo, stai dicendo che sia in alta che bassa marea si pesca in eugal modo.. e cio va in contrasto con quanto affermato dall'autore del post..

In parole povere....SI. Ovviamente è una mia interpretazione, d'altronde siamo su un libero forum quindi le mie idee possono essere in contrasto con quelle degli altri  calabria
Cerco di spiegarti in poche parole. Il surfcasting è una tecnica alla continua ricerca di movimento. Intendo movimento del mare ed infatti, quando ci si trova in condizioni di estrema scaduta, si va alla ricerca di quell'unico "ricciolo"  di schiuma che potrebbe fare la differenza. Premesso ciò, la marea non è altro che un grosso movimento di acqua e, tradizionalmente si tende ad indicare il culmine di alta marea con il momento migliore per la pesca. Io ci aggiungo anche la bassa marea che, al pari dell'alta, muove le acque. Ovviamente le maree non sono istantanee ma impiegano un certo lasso di tempo per arrivare al culmine per cui le due/tre ore che precedono e seguono l'apice di marea (sia alta che bassa) possono essere considerate ottimali per la pesca. Naturalmente ho diverse testimonianze di catture sul culmine di bassa.


chiarissimo...

grazie


Link sponsorizzati