pesca tonnetti e lampughe

This is a discussion for the topic pesca tonnetti e lampughe il the board TRAINA.

Autore Topic: pesca tonnetti e lampughe  (Letto 28998 volte)

^VITTORIO^

  • Super Moderatore
  • ^Forum Expert^
  • *
  • Post: 2601
  • Fantasma che appare ogni morte di Papa
Risposta #20 il: Settembre 18, 2010, 03:23:01
Ciao Peppe
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Ti do un'altro consiglio..prova a pescare con i due metodi contemporaneamente se ce la fai,come faccio io..Ti attacchi al cannizzo,butti la giapponese e la attacchi ad uno scalmo della barca
Penso che ....consigliare ad un pescatore sportivo di attaccarsi ad un DCP (dispositivo di concentrazione dei pesci) non sia una buona idea ...per i motivi che ha cercato di spiegarti Salvo (Palermitano Vibonese) qui:

Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login

Mi intrometto solo per precisare una cosa, spero che il cannizzo di cui parli sia tuo perchè in caso contrario ti posso dire che i pescatori professionisti, almeno dalle mie parti, se beccano un dilettante sui loro cannizzi si alterano non poco...e non vorrei essere al tuo posto se ti trovano sullo stesso...

Certo, ci hai rassicurati ..dicendo di conoscere tutti i pescatori della tua zona ... ma scrivere nel Forum è un'altra cosa...perchè non credo che gli utenti che si apprestano a leggere i tuoi consigli ... abbiano queste amicizie.

Inoltre hai correttamente spiegato a Nonnoroby che:
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
il cannizzo è un attrezzo usato dai pescatori di professione.
Mi permetto di aggiungere ....che può essere utilizzato solo da professionisti registrati... e solo in alcuni periodi dell'anno (nella mia zona ...sulle boe galleggianti deve essere visibile la targa del peschereccio).
Poi però hai dato ..senza problemi.... la "ricetta di costruzione" ad un altro utente... senza specificare che si tratta di un attrezzo .. non utilizzabile nella pesca sportiva.

Essere sorpresi ...attaccati ad un "cannizzo" o peggio ...venire "pescati" con uno di questi attrezzi sulla barca ... non rientra nei programmi del pescatore sportivo ... che ha deciso di passare una giornata in armonia con il mare ...solo perchè ha ricevuto una cattiva informazione.  Ben vengano i consigli, purchè siano costruttivi e sicuri.

Vittorio
Sempre camminerò per queste spiagge tra la sabbia e la schiuma dell'onda.
L'alta marea cancellerà l'impronta e il vento svanirà la schiuma.
Ma sempre spiaggia e mare rimarranno.
Kahlil Gibran


Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login - Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login - Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login - Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login


leon-989

  • -Member-
  • *
  • Post: 20
Risposta #21 il: Settembre 20, 2010, 16:38:19
questo è buono anke per la traina?


giannifrullo

  • -Member-
  • *
  • Post: 22
Risposta #22 il: Settembre 21, 2010, 18:28:37
quando ho ferrato la prima lampuga a che distanza la lascio ?
anzi facciamo un riepilogo anche sulla distanza dalla barca delle lenze
grazie


PeppeRC

  • ^Member^
  • *
  • Post: 77
Risposta #23 il: Settembre 21, 2010, 19:58:19
Le lenze lasciale pescare a 15 bracciate circa dalla barca(sarebbe 20-22 metri)..un consiglio importante che ti do è di lasciare appena abocca alla lenza,una lampuga attacata all'amo.Da questo puoi trarre due vantaggi:
1)La lampuga attaccata verrà seguita da tutto il branco e per questo motivo alle altre lenze abboccheranno le altre lampughe.
2)Puo' capitare anche che quella lampuga allamata possa fare da "esca" nel senso che se è vista da qualche predatore che si aggira nei paraggi(serra,spigola,ricciola ecc.)può attaccarla e puo abboccare benissimo.Questo procedimento lo adotto anche quando pesco a tonni.Lascio un tonnetto allamato così fa da richiamo agli altri.Questo metodo è efficace sia per lampughe che per tonnetti.Provaci,e fammi sapere!
Noi pescatori sappiamo che il mare è pericoloso e le tempeste terribili..Eppure non abbiamo mai considerato questi pericoli ragioni sufficienti per rimanere a terra..


pinomor

  • -Member-
  • *
  • Post: 7
Risposta #24 il: Agosto 03, 2015, 09:51:42
Non sei autorizzato a visualizzare i link. Registati o effettua Login
Ciao,guarda visto che tu desideri prendere parecchi pesci e quindi in un certo senso vuoi divertirti rispetto alle precedenti uscite io ti consiglio vivamente la filosa(per il pescatore sportivo sono 3 ami).Un nome una garanzia ha fatto la storia della traina e con l'ausilio di questo attrezzo non di certo facile da maneggiare per i principianti alle prime uscite,farai tantissime catture,ma poi una volta usata un paio di volte la tecnica si impara in fretta.Ti posto un disegno creato da me per illustrarti la tecnica:


Adesso ti elenco il materiale per la costruzione:

LENZA MADRE:Può variare a seconda della taglia dei pesci,in questo periodo ti consiglio non oltre uno 0,70 visto che dalle mie parti sono ancora piccoli..se invece da te sono più grossi puoi farla anche dello 0,80-0,90 ma non oltre(io questo diametro lo uso verso metà ottobre)

BRACCIOLI:Il bracciolo come la lenza madre varia a secondo della taglia del pesce,se son piccoli uno 0,40-0,50 va più che bene sennò puoi andare fino allo 0,60.La lunghezza del bracciolo a secondo delle preferenze varia da 1,50 fino ad un massimo di 2 metri.

ESCA:L'esca sarà artificiale ovviamente,e sarà formata da un amo inox che varia dalla misura 14 al 9(scegli tu),con al di sopra montata una piuma formata da lana di pecora(io le faccio artigianalmente ma se non riesci le vendono anche nei negozi di pesca)..ecco una foto dell'esca:

PIOMBO:Ad aletta da 300-350 gr

L'azione di pesca si svolgera così:traini col motore a 2-3 nodi molli la lenza in mare e la tieni tesa con l'indice della mano appena abboccano se avrai tanti ami ti divertirai..si mettono uno dietro l'altro.Rallenti con il motore..MAI SPEGNERLO perche sennò la lenza va a fondo e piano piano recuperi sulla poppa della barca la lenza poggiandola a spire circolari e da un lato poggi i rispettivi braccioli con esche.Sembra un pò complicato all'inizio ma vedrai che ti divertirai.Infine dopo avere slamato i pesci ti metti di nuovo in traina e fili la lenza in mare.Inoltrè un altro metodo per prendere i caponi è accostarsi vicino ai cannizzi e pescare con una giapponese con gli ami grossi,ovviamente da fermo..e vedi quanto ne prendi.E se ci sono prenderai anche i pesci pilota,che stanno sotto i cannizzi.Ricorda sempre uan cosa:OCCHIO ALLA TAGLIA DEL PESCE!!Se è sotto misura rilascialo!Spero di averti aiutato e per qualsiasi cosa non esitare a contattarmi..Saluti,PeppeRC
Caro Peppe non riesco a edere l'immagine del disegno ne le altre del tuo post ,mi interessa molto la costruzione della filosa che qui' in provincia di trapani non usano, io sono originario di reggio ed in gioventu' ricordo i ecchi pescatori che le preparavano per i tonnetti , ma non mi sono mai soffermato a vedere come, ricordo che squagliavano il piombo che contavano i passi dei braccioli e della madre ma poi null'altro,la cosa allora non mi interessava poiche' non andavo a pesca in barca, saresti cos' gentile di darmi un disegno completo alla mia email xxxxxxx@xxxx.it, ti ringrazio

(inserire indirizzi è vietato dal regolamento)


Tags: