Pasture per la pesca a feeder Dynamite Baits

Pasture per la pesca a feeder Dynamite Baits

Da quando fu lanciato la prima volta il Range Swim Stim di Dynamite Baits è diventato molto popolare, pasture, feed pellets, expander pellets, pasterelli, pellet morbide, liquidi attrattori.

Nel video “Winter Feeder” girato in uno dei più importanti laghetti match del Centro Italia ho usato le pasture Swim Stim.
Il lago è popolato da carpe, carassi e breme, luogo ideale per tre tipologie di Swim Stim, la Match, la Red Krill e la Betaine Green cui qui il pesce risponde bene. Andiamole a vedere…

La Swim Stim Match è una pastura di color nocciola a grana medio/fine con un buon quantitativo di piccole particles più grandi della stessa (non mais non canapa o semi in generale), a base di pane e leggera farina di pesce dolce.
Il contrasto pesce/dolce serve per dare olfatto dolce e gusto pesce, ma leggero.
E’ una pastura dal punto di vista proteico non ricca e questo la rende adatta non solo da se d’inverno ma come base da caratterizzare.
Quando è molto freddo e l’attività è bassa la Swim Stim non sazia e non è invasiva, per questo motivo è una pastura invernale da carpe e bianco, carassi e breme, molto ricercata.
La sua duttilità è una prerogativa che la rende idonea poco bagnata ad essere usata con cage ed open end, mentre più bagnata diventa una pastura da method anche per profondità medio/alte, mentre in roubasienne è usata quale pastura da fondo per veicolare bigattini morti, canapa, mais.
Quando si tratta di pescare bianco a gabbietta o a method d’inverno è una pastura da cui non prescindo, anche perché è una pastura statica, che non fa nuvola e non ha particelle attive, breme, carassi e carpe.

La Red Krill è la pastura forse più di tendenza del momento, il krill atlantico è prepotentemente entrato quale attrattore per la pesca dei ciprinidi, l’odore richiamante ma delicato del krill unito al suo essere un sostituto della farina di pesce nuovo al palato dei pesci lo rende irresistibile per le carpe in genere.
Nelle nostre acque dopo molti test è diventato anche il principale ingrediente favorito dai carassi. In questo lago è incredibile come la Red Krill sia stata in grado di attirare i carassi che ne vanno letteralmente ghiotti.
La Red Krill è a grana fine con poche particles dal colore rosso/arancio e una consistenza che varia molto secondo la bagnatura, molto bagnata può essere usata in roubasienne a corta distanza o a galla per fare nuvola, molto bagnata può essere usata persino come pasterello molto attrattivo, mentre a feeder è sia da cage, open end che da method per acque basse e medie essendo comunque una pastura non troppo attiva.

La Green Betaine ho potuto testarla insieme alla Match in parti uguali ad Ostellato e si è rivelata una pastura da breme in tutto e per tutto, direttamente sul method feeder fu un continuo di mangiate di breme inclusa una carpa.
Stessa efficacia in gara nei due giorni successivi a tecnica classica. Le caratteristiche sono identiche alla Red Krill ma la componente base è la betaina ed il colore un caratteristico inconfondibile verde.
Un’altra pastura iconica che non manca mai nella mia borsa quando ho bisogno di una pastura al pesce da breme e carpe. Quando è caldo uso le Swim Stim Red Krill e Betaine Green da sole o mischiate tra loro o con la Amino Original e la Marine Halibut Method Mix che hanno molte particles dentro, d’inverno le aggiungo in proporzioni da 1/2 a 1/3 alla Swim Stim Match che ha meno particles ed è meno ricca delle altre.

Lascia un commento